Anteprima:

Opel Meriva Concept


Avatar Redazionale , il 10/03/08

13 anni fa - Entrata libera

In casa GM preparano la staffetta tra due generazioni della loro piccola monovolume. Lo svela questo prototipo apparso a Ginevra, che anticipa le linee guida dello stile futuro e una furba soluzione per le porte posteriori.

Benvenuto nello Speciale LE NOVITÀ AUTO DEL 2009, L'ELENCO AGGIORNATO, composto da 63 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario LE NOVITÀ AUTO DEL 2009, L'ELENCO AGGIORNATO qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

ADDIO SPIGOLI Smussare gli angoli: pare essere stata questa la parola d'ordine per chi ha disegnato la Meriva Concept, il prototipo che a Ginevra prefigura gli orientamenti futuri del marchio Opel in materia di piccole monovolume. Il look squadrato e un po' austero della Meriva attuale lascerà nel tempo il posto a forme più filanti e dinamiche, che non imporranno comunque rinunce sul fronte dell'abitabilità e della praticità.

A ME GLI OCCHI La Concept si muove nel segno della continuità con la gamma a catalogo giusto a livello del frontale, che è pettinato con la riga in mezzo e dominato dall'ormai classico listellone cromato. Già i fari hanno un look fuori dagli schemi, con il piccolo corpo centrale dallo sguardo tagliente e una parte esterna che sembra fare da ombretto, dando slancio all'indietro. Quanto a dinamismo nessuno batte però ilparabrezza, che ha addirittura una forma a U e si estende fin sopra le teste dei passeggeri posteriori. Originale è anche l'andamento deifinestrini, che nella parte bassa disegnano una specie di onda utile a garantire la miglior visibilità possibile a chi viaggia dietro.

VEDI ANCHE



APRITI, SESAMO! L'elenco dei segni particolari della Meriva Concept continua con i passaruota bombati, una nervatura che movimenta la fiancata e fari posteriori che prefigurano quelli che vedremo anche sullanuova media Insignia. Il vero asso nella manica di questa Opel è però rappresentato dalle porte, che si aprono come le ante di un armadio, con quelle posteriori incernierate quindi dietro. Contrariamente a quanto successo in molti altri casi, questo sistema chiamato FlexDoors potrebbe arrivare davvero alla linea di montaggio.

A 90 GRADI I suoi vantaggi sono importanti. In primis permette l'apertura delle porte posteriori indipendentemente da quelle anteriori fino a un angolo di 90 gradi, facilitando il carico di oggetti, l'accesso ai sedili e la vita dei genitori che devono assicurare i bambini ai seggiolini. In secondo luogo consente di affrontare a cuore (quasi) leggero i crash test laterali, vista la presenza comunque di un robusto montante centrale.


Pubblicato da Paolo Sardi, 10/03/2008
Gallery
Le novità auto del 2009, l'elenco aggiornato
Logo MotorBox