Novit?

Skoda Yeti


Avatar Redazionale , il 28/02/05

16 anni fa - Sarà così la prima Suv Ceca?

Continua il gran fermento creativo in casa Skoda. Ora il marchio ceco si butta per la prima volta nel mondo delle Suv compatte presentando a Ginevra un prototipo furbo e simpatico. E che potrebbe avere anche un seguito produttivo

Benvenuto nello Speciale LE NOVITÀ AUTO DEL 2009, L'ELENCO AGGIORNATO, composto da 63 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario LE NOVITÀ AUTO DEL 2009, L'ELENCO AGGIORNATO qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

INSAZIABILI E adesso chi li ferma più? Dopo aver portato il marchio dalla serie B alla serie A dell'automobilismo, gli uomini della Skoda stanno prendendoci gusto e ora si lanciano alla scoperta di nuovi orizzonti sinora rimasti inesplorati. A Ginevra nello stand della Casa ceca è attesa infatti la prima Suv a marchio Skoda della storia.

CON I PIEDI PER TERRA Non si tratta però di un mezzo esagerato, che fa uno sfoggio di tecnologia e di forza fine a se stesso. Vagamente ispirata alle forme di un'altra concept del recente passato, la Roomster, questa maquette ha dimensioni ragionevolissime, che la collocano idealmente a cavallo dei segmenti B e C. Dati ufficiali non esistono in materia, ma giudicando a occhio si può stimare una lunghezza non di molto superiore ai quattro metri.

FA LA DURA Per lei la Skoda ha optato per il nome Yeti, come il fantomatico e abominevole uomo delle nevi, anche se le forme avrebbero giustificato forse una scelta meno truce. Nel mezzo del frontale campeggia l'immancabile mascherina a listelli verticali su cui vigila la freccia alata, inserita in una sorta di naso che scende dal cofano. Un altro segno particolare è rappresentato dai fari di profondità tondi e incassati, che movimentano le forme altrimenti levigatissime del muso, in cui il paraurti e i lamierati si sviluppano senza soluzione di continuità.

TAGLIO NETTO Il parabrezza è molto verticale e dà il la a un padiglione dal disegno pulito e squadrato, sormontato per tutta la sua lunghezza da mancorrenti che fanno un tutt'uno con i montanti. Il loro colore nero è in aperto contrasto con la carrozzeria azzurra e il tetto chiaro. La coda sembra avere un sbalzo ridotto all'osso, con le ruote piazzate nei rispettivi angoli, e il taglio verticale, come se fosse stata sagomata da un colpo di ghigliottina. Notevole è comunque anche l'attenzione per il design dei più piccoli dettagli, a partire dalle maniglie per arrivare agli specchietti.

SI VEDRA' Nulla si sa ancora invece sul quadro meccanico, anche se è facile supporre che anche la Yeti faccia l'abituale ricorso alla sconfinata banca organi del Gruppo Volkswagen. Quanto infine alle chanches di vedere un clone della Yeti su strada, è legittimo covare qualche speranza. Quella di buttarsi a capofitto in un binario morto, d'altronde, non è un'abitudine tipica della quadratissima Skoda.


Pubblicato da Paolo Sardi, 28/02/2005
Le novità auto del 2009, l'elenco aggiornato
Logo MotorBox