Autore:
Giulio Scrinzi

GP INGHILTERRA Lewis Hamilton è il Re di Inghilterra: sul circuito di Silverstone, infatti, non ha avuto alcuna pietà per i suoi avversari, centrando il quinto Grand Chelem di carriera grazie alla fantastica pole position del sabato, seguita poi dal giro veloce in una gara dominata dal primo all'ultimo giro. A completare un weekend praticamente perfetto ci ha pensato poi Valtteri Bottas, autore di un'ottima rimonta dalla nona casella in griglia fino alla seconda posizione sotto alla bandiera a scacchi. Gradino più basso del podio per Kimi Raikkonen, sfortunato protagonista di una foratura a due giri dalla fine che ha condizionato anche il suo compagno di squadra, un Sebastian Vettel scivolato in un mesto settimo posto al traguardo.

LE PAGELLE Detto questo, diamo i voti a piloti e scuderie che hanno gareggiato nel decimo round stagionale, ospitato sul circuito di Silverstone, in Inghilterra. Le pagelle, come nostra tradizione, sono soggettive e se volete dare la vostra opinione non esitate nel dare qualche punto in più o in meno ai vari protagonisti. E, magari, lasciate anche un commento sotto l'articolo oppure sulla pagina Facebook di MotorBox, in modo da discuterne assieme!

LEWIS HAMILTON – Voto 10 Non c'è dubbio, Lewis Hamilton è il dominatore assoluto del circuito di Silverstone. Con l'ultima vittoria di domenica scorsa, il britannico della Mercedes è alla suo quarto successo di fila sulla pista inglese, con il quale ora ha ridotto a un solo punto di distacco il suo margine dall'ancora leader di classifica Sebastian Vettel. Il suo weekend è stato praticamente perfetto, grazie a una W08 EQ Power+ inavvicinabile per chiunque. Tra due settimane ci sarà il prossimo appuntamento dell'Ungheria, dove la sfida per il Mondiale, nella quale ora si è inserito anche Bottas, premierà il miglior candidato per il Titolo prima della pausa estiva. Sarà Hammer a spuntarla?

VALTTERI BOTTAS – Voto 9 Dopo la splendida vittoria sul Red Bull Ring, Valtteri Bottas si è inserito prepotentemente nella lotta per il Titolo iridato. A Silverstone gli è toccata la stessa sorte di Hamilton in Austria, dal momento che la sostituzione del cambio della sua Mercedes lo ha costretto a partire dalla nona casella in griglia. Ma il finlandese è stato tenace e si è reso ancora una volta protagonista di una splendida rimonta particolarmente fortunata e terminata sul gradino di mezzo del podio. La foratura di Raikkonen lo ha aiutato a guadagnare una posizione in più, e ora si trova a soli 23 punti dal leader di classifica Vettel. In Ungheria la svolta per il suo Campionato?

KIMI RAIKKONEN – Voto 8 Pressato dalla mancanza di risultati importanti in vista della possibile riconferma del suo contratto, Kimi Raikkonen in Inghilterra si è dato una svegliata ed è stato costantemente più veloce del suo compagno di squadra. In gara non è riuscito a tenere il passo dell'imprendibile Hamilton e alla fine sembrava che la sua corsa dovesse terminare in seconda posizione. Sembrava, appunto, perchè una foratura a due giri dalla fine lo ha costretto a tornare ai box, un problema che poi gli ha fatto perdere una posizione e lo ha relegato sul gradino più basso del podio. Nonostante tutto, però, il finlandese della Ferrari forse ha trovato la direzione giusta per uscire dalla sua crisi: chissà se in Ungheria saprà ripetersi...

SEBASTIAN VETTEL – Voto 7 Il voto che abbiamo dato a Sebastian Vettel è lo stesso della sua posizione sotto la bandiera a scacchi: il tedesco della Ferrari non si è mai trovato a suo agio fin dall'inizio del weekend e una foratura (secondo la stessa dinamica del suo compagno di squadra) a un solo giro dalla fine gli ha fatto perdere le speranze di poter fare bene. Alla fine è arrivato settimo, un risultato che ha decimato il suo vantaggio in classifica da Hamilton, ora ridotto a un solo punto di margine. La strategia per l'Ungheria: attaccare con il coltello tra i denti.

MAX VERSTAPPEN – Voto 8 Partito quarto dalla griglia di partenza, Max Verstappen ha terminato la sua corsa inglese nella stessa posizione da dove è scattato. Se guardiamo la lunga scia di risultati negativi da lui finora accumulati, questo è un ottimo risultato da parte dell'olandese della Red Bull, il quale oltrettutto è riuscito a mettersi dietro il suo compagno di squadra. La strada per rimontare in classifica piloti, però, è ancora molto lunga...

DANIEL RICCIARDO – Voto 9 Ormai abbiamo capito come corre Daniel Ricciardo: con il cuore in mano, pronto a gettarsi oltre ogni ostacolo pur di fare bene. Ha fatto così anche sul circuito di Silverstone, dove è scattato benissimo dall'ultima fila e si è reso protagonista di una spettacolare rimonta fino alla quinta posizione al traguardo. Se non fosse stato per la rottura del turbo della sua RB13 in qualifica e per la penalità causata dalla sostituzione del cambio, sarebbe stato sicuramente in grado di giocarsi il podio.

RENAULT – Voto 8 Stavolta la Renault ci ha impressionato! Costantemente in lotta per una posizione nella Top 5 fin da inizio weekend, si è fatto portabandiera del reparto corse francese il tedesco Nico Hulkenberg, capace poi di piazzare la sua RS17 al sesto posto in gara davanti addirittura a Sebastian Vettel. Per quanto riguarda il suo compagno di squadra Jolyon Palmer... c'è poco da commentare: un problema idraulico in partenza non gli ha permesso nemmeno di schierarsi in griglia. E intanto le sue quotazioni per rimanere nel team transalpino sono in caduta libera...

FORCE INDIA – Voto 7 Ormai le Force India sono una costante all'interno della Top ten, solo che stavolta il giovane Esteban Ocon è riuscito a battere la prima guida del team, il messicano Sergio Perez. I due continuano a stuzzicarsi e a fare guerra a sé, e questo non può far altro che giovare allo spettacolo. Continuate così ragazzi!

WILLIAMS – Voto 6 Sufficienza conquistata sul filo di lana per la storica Williams, che proprio sul circuito di Silverstone a inizio giugno ha festeggiato l'anniversario dei suoi 40 anni in Formula 1. Questa era praticamente la sua pista di casa, ma le due FW40 non sono state in grado di brillare. Alla fine uno stoico Felipe Massa ha salvato la situazione, racimolando un unico punto per la squadra grazie alla decima posizione sotto la bandiera a scacchi. Lance Stroll, invece, dopo l'exploit dell'Azerbaijan, è tornato a occupare il suo solito posto di fanalino di coda...

HAAS – Voto 5 Se sul Red Bull Ring le HAAS hanno mostrato finalmente i muscoli, sul circuito di Silverstone si sono sgonfiate in men che non si dica. Dopo essere stato rallentato in Q1 da Lewis Hamilton, infatti, Romain Grosjean non è riuscito a tenere alte le speranze del team americano, racimolando una misera 13esima posizione e preceduto, oltretutto, dal compagno di squadra Kevin Magnussen. Riusciranno in Ungheria a ripetere le belle prestazioni dell'Austria?

TORO ROSSO – Voto 4 Nella Scuderia Toro Rosso c'è un problema non di poco conto: si chiama Daniil Kvyat e puntualmente a ogni Gran Premio da pilota si trasforma in kamikaze pronto a centrare i suoi avversari come stesse giocando a bowling. Stavolta è andata peggio rispetto all'appuntamento dell'Austria, dal momento che il russo è andato addosso dopo un solo giro al compagno di squadra Carlos Sainz Jr. Ma mentre questo è stato costretto al ritiro, di nuovo Kvyat ha potuto proseguire la sua gara, poi terminata in 15esima posizione. Serve una soluzione a questa situazione, disperatamente.

McLAREN-HONDA – Voto 5 Non va meglio nel team McLaren, di nuovo preso di mira da problemi tecnici relativi alla solita power unit Honda che non ne vuole sapere di funzionare. A salvare il reparto corse con base a Woking ci ha pensato Stoffel Vandoorne, 11esimo al traguardo, mentre Fernando Alonso, ormai bersaglio preferito della sfortuna, è andato incontro all'ennesimo ritiro per una perdita di potenza della sua MCL32. Quantomeno si è preso la soddisfazione di centrare la prima posizione in Q1!

SAUBER – Voto 4 Poco da dire anche per quanto riguarda la Sauber: stavolta Marcus Ericsson ha evitato l'ultima posizione sotto il traguardo, dal momento che ha terminato la sua corsa al 14esimo posto. Ad occupare il fanalino di coda di tutto il gruppo ci ha pensato, invece, il suo compagno di squadra, Pascal Wehrlein. Speriamo che in Ungheria sappiano fare di meglio...


TAGS: formula 1 f1 F1 2017 formula 1 2017 f1 2017 gp inghilterra f1 2017 gp inghilterra pagelle