Pubblicato il 06/07/21

PUNIZIONE BLANDA L'incidente provocato da Kimi Raikkonen nel giro finale del GP Austria è stato punito dagli steward con 20 secondi aggiuntivi sul suo tempo finale - praticamente ininfluenti sul quindicesimo posto del finlandese - e con 2 punti di penalità sulla Superlicenza, con il campione del mondo che sale a unn totale di 6 su un massimo di 12 concesso nell'arco di 12 mesi. Insomma, conseguenze minime per un episodio avvenuto mentre il pilota dell'Alfa Romeo cercava di difendere la dodicesima posizione dall'attacco di Sebastian Vettel.

COMMENTI MINIMAL L'incidente non sembra aver incrinato il rapporto di amicizia che lega i due ex compagni di squadra alla Ferrari. Nelle prime dichiarazioni al termine della gara al Red Bull Ring, Vettel non ha usato parole dure nei confronti di Iceman: ''Non so cosa sia successo. Credo sia stato un malinteso, quindi darò un'occhiata e gli parlerò''. Anche Raikkonen, perfettamente conforme al suo stile, è stato minimalista nei commenti sull'episodio: ''Alonso ha superato Russell, io ci sono andato vicino, poi ho avuto il contatto con Seb. Ci siamo scontrati e basta, alla fine non ha cambiato il risultato finale perché entrambi saremmo arrivati appena fuori dai punti''.

LA CRITICA DI RALF Chi non sembra trovare giustificazioni per la condotta di Raikkonen è Ralf Schumacher. Nel suo ruolo di commentatore per Sky Germania, l'ex pilota di F1 è andato giù duro: ''E' stato totalmente insensato da parte di Kimi. E' andato dritto verso la macchina di Seb. Quello che ha fatto è stato imbarazzante''.


TAGS: vettel schumacher f1 Raikkonen AustrianGP 2021