Pubblicato il 02/11/20

LA MOVIOLA DEL GP EMILIA ROMAGNA Dopo alcuni appuntamenti ricchi di episodi e polemiche, la Formula 1 si gode il ritorno tra i saliscendi di Imola con un weekend – accorciato per esigenze logistiche – decisamente tranquillo per il collegio dei commissari capitanato per l’occasione dal “nostro” Emanuele Pirro. Sono infatti soltanto tre i momenti che finiscono sotto la nostra lente d’ingrandimento della consueta moviola del lunedì: scopriamoli insieme.

GARA, VERSTAPPEN FUORI POSIZIONE IN GRIGLIA: NESSUNA INVESTIGAZIONE

Il primo caso da analizzare è relativo alla posizione di Max Verstappen al via. Il pilota olandese, in effetti, si trova leggermente più avanti rispetto alla linea gialla che dovrebbe indicare il posizionamento delle ruote anteriori (vedi foto sotto) ma non abbastanza da far scattare il sensore posizionato sotto l’asfalto. In questo caso, dunque, è stata la tecnologia a “salvare” il talento di casa Red Bull Racing.

GARA, VETTEL A CONTATTO CON MAGNUSSEN: NESSUNA AZIONE

Poco dopo il via, al primo passaggio dalla curva Tosa c’è un contatto tra Sebastian Vettel e Kevin Magnussen. Il pilota danese finisce in testacoda dopo un contatto con il ferrarista. In effetti, il quattro volte campione del mondo arriva un po’ lungo in staccata, e dunque si allarga verso l’esterno dove c’è proprio la Haas del rivale. Il contatto è inevitabile e comporta il testacoda di Magnussen, con la perdita anche di una parte dell’endplate di destra dell’ala anteriore (che poi sarà raccolto qualche giro dopo da Valtteri Bottas). Giusta comunque la scelta di non sanzionare: la situazione è un po’ al limite, ma rientra nella casistica di contatti di gara “accettati” nelle prime fasi dopo lo spegnimento dei semafori.

F1 GP Emilia Romagna 2020, Imola: Vettel (Ferrari) a contatto con Magnussen (Haas)

GARA, GROSJEAN TAGLIA LA PISTA: 5 SECONDI DI PENALITÀ

Praticamente mai inquadrato dalle telecamere, nelle convulse fasi finali di gara, Romain Grosjean è stato penalizzato con cinque secondi e con un punto sulla Superlicenza per essere incappato per più di tre volte nella “trappola” dei track limit alla Piratella e alla Variante Alta. Niente da dire, se non riportare per l’ennesima volta che, specie su un circuito che presenta limiti naturali evidenti, è stato un vero peccato passare il weekend a parlare di infrazioni millimetriche ai limiti della pista.

F1 GP Emilia Romagna 2020, Imola: Romain Grosjean (Haas F1 Team)


TAGS: ferrari formula 1 sebastian vettel f1 max verstappen romain grosjean kevin magnussen moviola f1 imola GP Emilia Romagna ImolaGP 2020 Var GP Emilia Romagna