News

Brammo Empulse: l'elettrica da 8000€


Avatar Redazionale , il 20/07/10

11 anni fa - Dagli States arriva la prima elettrica stradale a un prezzo "popolare". Oltre 160 all'ora e oltre 160 km di autonomia per una naked che costa meno di 10.000 $ (7700 €). Con batterie più performanti il prezzo però sale.

Dagli States arriva la prima elettrica stradale a un prezzo "popolare". Oltre 160 all'ora e oltre 160 km di autonomia per una naked che costa meno di 10.000 $ (7700 €). Con batterie più performanti il prezzo però sale.


RIVOLUZIONE SILENZIOSA La rivoluzione silenziosa (in tutti i sensi) delle moto lavora alacremente per poterci dare tra non molto tempo veicoli elettrici in grado di competere in tutto e per tutto con quelli termici. E non stiamo parlando solo di prestazioni, ma anche di prezzi, perché se è vero che le moto elettriche ormai sono in grado di raggiungere prestazioni impensabili fino a pochi anni fa (e il TTX GP che si corre da due anni all'isola di Man lo dimostra con i fatti) è altrettanto vero che i costi sono sempre molto elevati, così elevati da togliere di fatto ogni possibilità di mercato alle moto con la scossa.

PROBLEMA DI COSTI? A parte qualche esempio dedicato all'off-road (Quantya e Zero), l'elettrico ha prezzi troppo fuori mercato per far sì che la coscienza ecologica del motociclista possa avere la meglio. Ma le cose si evolvono in fretta, forse più in fretta di quel che crediamo. L'elettrico a prezzi "possibili" non sembra essere un'utopia, non più. E per capirlo basta guardare questa Empulse prodotta dalla Brammo, una piccola factory nell'Oregon che ha già partecipato al TTX GP e che fino ad oggi proponeva la Enertia, motoretta senza pretese dalle prestazioni paragonabili a una moto 125.


NATA AL TT(X) Proprio dal prototipo che ha corso il TTX prende vita la Empulse, una naked mid size che ha prestazioni assimilabili a quella di una moto di media cilindrata. Il suo motore asincrono è in grado, infatti, di erogare una sessantina di cavalli con una coppia di 59 Nm erogata naturalmente a zero giri.

CONFRONTI POSSIBILI Numeri che rendono confrontabile questa Empulse con una ER-6n o con una Gladius o a una Ducati Monster 696, con il vantaggio che la Brammo peserebbe, batterie comprese 140 kg in ordine di marcia, ovvero circa 50 kg in meno delle sue concorrenti "ideali" con motore a scoppio. Un peso limitato che Brammo ha ottenuto sfruttando al massimo le conoscenze sulle batterie ad alta densità. Batterie che sono protagoniste in tutto e per tutto di ogni veicolo elettrico. È da loro che dipende il prezzo della moto, è da loro che dipendono prestazioni e autonomia.

VEDI ANCHE




QUESTIONE DI BATTERIE Bene Brammo mostra di essere abbastanza avanti in entrambi i casi. Il prezzo della Empulse, infatti, dipende principalmente dal tipo di batteria installata. Si parte dalla Empulse 6.0 (9.995 $, meno di 7.700 ?) con batteria da 6 kWh e autonomia di 100 km. Si passa poi alla Empulse 8.0 (11.995 $ 9.300 ?) con batteria da 8 kWh e autonomia di circa 130 km per finire con la Empulse 10.0 (13.995 $ - 10.800 ?) con batteria da 10 kWh e autonomia di 160 km. Per tutte, Brammo assicura una velocità massima superiore alle 100 miglia orarie ovvero oltre 160 km/h. Prezzi quindi non più impossibili, anche se comunque più cari delle rivali termiche. Nulla è stato dichiarato sui tempi di ricarica.

CICLISTICA TRADIZIONALE La ciclistica della Empulse è piuttosto tradizionale, il telaio è un classico doppio trave in alluminio, la forcella a steli rovesciati sembra essere quella di una Triumph Daytona così come le pinze freno radiali marchiate Nissin. Il forcellone al momento è un traliccio di acciaio e ha la particolarità di essere infulcrato direttamente sul motore. È un particolare questo che nella versione definitiva potrebbe anche diventare in alluminio. Anche la gommatura prevista rientra nel classico: 120/70 17 per l'anteriore 180/55-17 per il posteriore.

WORK IN PROGRESS Il design non è definitivo, al momento la Empulse adotta un faro "strappato" a una Yamaha MT-03 ma i designer sono al lavoro per dare alla moto una propria personalità oltre che per migliorare l'ergonomia. La moto, infatti, non è ancora in versione prototipale, il suo arrivo sul mercato è previsto non prima del 2011.


Pubblicato da Stefano Cordara, 20/07/2010
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox