Pubblicato il 15/11/20

PAGELLE TURCHE Nella gara che ha confermato Lewis Hamilton - se mai ce ne fosse bisogno - nell'olimpo dello sport motoristico con la vittoria del suo settimo titolo mondiale e l'aggancio in vetta a Michael Schumacher, ci sono state altre prestazioni degne di nota sotto quella di sua maestà. Bella gara per entrambi i piloti Ferrari, per esempio - con Sebastian Vettel meglio di Charles Leclerc - così come per Sergio Perez e Carlos Sainz. Arrivano le bocciature invece per Max Verstappen e, soprattutto, per Valtteri Bottas, oggi in balia degli eventi e più volte nel senso contrario di marcia che in quello giusto. Per tutti i dettagli potete leggere le nostre pagelle del Gran Premio della Turchia!

GP Turchia 2020, Istanbul Park - Lewis Hamilton (Mecedes)

LEWIS HAMILTON - VOTO 20 e lode Ma di cosa stiamo parlando? È il migliore e sotto la pioggia, alla distanza, emerge sempre, anche dopo una partenza complicata. Oggi - come ha detto lui stesso - ha messo a frutto ogni singola stilla di esperienza raccolta in passato e ha disegnato il suo capolavoro, nel giorno della gara più complicata, su una pista dove la Mercedes non aveva il solito vantaggio e potendo così scrivere a caratteri cubitali il suo nome lassù, assieme a quello di Michael Schumacher a quota sette titoli. Oggi prende 10 per la gara, d'attesa e poi d'attacco, e 10 per il titolo. La lode, a questo punto, è gratis oltre che meritata.

SERGIO PEREZ - VOTO 10 Date un sedile a quest'uomo! Il fatto che rischi seriamente di restare a piedi dopo una stagione così, è totalmente incomprensibile. Checo, a differenza di Lance, non si è sciolto con il passare dei giri, ma ha continuato a martellare qualsiasi gomma montasse, e nel finale di gara con gomme ormai finite ha stretto i denti, attaccando con grinta quello stesso Leclerc che lo aveva appena sorpassato, inducendolo all'errore e riprendendosi una seconda posizione stra-meritata. Andale! Andale!

GP Turchia 2020, Istanbul Park - Sebastian Vettel (Ferrari) e Sergio Perez (Racing Point)

SEBASTIAN VETTEL - VOTO 9 Ma che bella gara che ha fatto Sebastian Vettel, gli ci voleva proprio. Nella giornata più complicata dell'anno è stato chirurgico, non ha sbagliato nulla, scattando benissimo e portandosi subito sulla soglia del podio, tenendo peraltro dietro con grinta sia Verstappen sia Hamilton. La strategia ai box non l'ha premiato, ma lui ha saputo mantenere calda la gomma ed è rimasto lì fino alla fine, quando dopo essersi visto passato come un treno da un Leclerc anch'esso molto bravo e con gomme più performanti, ha sfruttato l'errore del compagno per prendersi un podio che fa tanto morale! E stavolta non è servito neanche l'ormai consueto problema al pit stop della Ferrari per deconcentrarlo, che gli ha fatto perdere due secondi con i quali forse avrebbe persino battuto Perez.

CHARLES LECLERC - VOTO 7 L'errore di fine gara gli costa due posizioni, un podio conquistato con classe, e sei punti in classifica che gli sarebbero valsi la quarta posizione, e noi ci aggiungiamo anche due punti sulle nostre pagelle. Aveva compiuto un capolavoro il monegasco all'Istanbul Park, era stato a tratti il più veloce in pista nella fase centrale di gara nonostante una partenza difficile che lo aveva visto bloccato in 14° posizione quando proprio non si poteva uscire di scia (citofonare Max per conferme). Con pazienza e una strategia di pit rischiosa ma efficace, ha costruito la sua gara a forza di giri veloci, e si era andato a prendere un secondo posto superlativo. Peccato l'errore sotto pressione che lo ricaccia in quarta posizione a due curve dalla fine. ''Sono un c....one'', dirà di sé stesso nel team radio, e fa bene a essere così arrabbiato.

GP Turchia 2020, Istanbul Park - Charles Leclerc (Ferrari)

MAX VERSTAPPEN - VOTO 5 Un toro indemoniato nel recinto dell'Istanbul Park, ma che a furia di scalciare ha finito l'energia, quando serviva soprattutto testa. Con il senno di poi avrebbe anche potuto vincerla la gara di oggi, ma stare dietro a Vettel a lungo lo ha portato a disunirsi e tentare un attacco azzardato su Perez che lo ha fatto girare a 300 all'ora in rettilineo compiendo praticamente due testacoda prima di poter tornare in pista. A quel punto la sua gara era compromessa, e non è riuscito più a incidere, se non infierendo sul solito compagno sul quale ha ripreso la posizione nella parte finale di gara.

ALEX ALBON - VOTO 5,5 Oggi finalmente ha fatto vedere qualcosa di buono, anche se - come per Verstappen - la Red Bull è stata complicata da guidare nel finale e con le gomme più usurate non ha saputo tenere il passo degli altri, perdendo di nuovo la posizione dal compagno. A lungo sul podio virtuale, non è riuscito a incidere dopo l'ultima sosta, chiudendo con un mesto settimo posto. 

GP Turchia 2020, Istanbul Park - Max Verstappen e Alex Albon (Red Bull)

LANCE STROLL - VOTO 6 Ha chiesto troppo alla sua buona stella Lance, e alla fine le gomme non l'hanno assistito ma stava facendo una gran bella gara, dopo un'ottima partenza e un abbozzo consistente di fuga è rimasto primo fino a metà gara, poi ha ceduto di schianto con l'ultimo treno di intermedie. Resta un po' di rammarico, ma ha fatto vedere di saper guidare alla grande un'auto di Formula 1 in condizioni estreme, e non è cosa da poco.

VALTTERI BOTTAS - VOTO 2 Questo non è il vero Bottas, che abbiamo visto su altri livelli - sebbene quasi sempre inferiori a quelli del compagno - durante la stagione. Un possibile vicecampione del mondo non può fare una prestazione del genere, considerando anche che sul bagnato il finlandese è sempre stato una spada. Oggi però qualcosa proprio non andava, ma anche ieri e l'altro ieri, visto che sulla pista turca non ha trovato il bandolo della matassa né sull'asciutto né sul bagnato. Sei testacoda in una gara (lo ha detto lui, noi ne avevamo contati quattro...) sono francamente troppi e la 14° posizione con una Mercedes nel giorno del capolavoro di Hamilton, non fa altro che appesantire la sua posizione.

GP Turchia 2020, Istanbul Park - Valtteri Bottas (Mecedes)

GLI ALTRI IN BREVE

CARLOS SAINZ - VOTO 7,5 Ancora una gara consistente per il futuro pilota della Ferrari, che con una grande partenza è balzato dalla 15° piazza alla 9° e ha poi saputo recuperare nel corso della gara passando in pista Stroll e Albon e prendendosi un quinto posto lusinghiero.

LANDO NORRIS - VOTO 7 Buona gara per Lando Norris, che in situazioni complicate non perde mai la bussola e dopo una partenza difficile, ha saputo rimontare con pazienza, prendendosi in pista sia la posizione su Raikkonen, Russell, Magnussen, Ricciardo e nel finale su Stroll.

DANIEL RICCIARDO - VOTO 5 Non una buona prestazione oggi per Ricciardo. Scattava quinto e le condizioni aprivano alla possibilità di un altro podio, invece dopo essersi toccato con il compagno in avvio, è rimasto nei primi 6-7 fino alla seconda sosta, quando le gomme sono calate ed è scivolato in 10° piazza.

ESTEBAN OCON - VOTO 6,5 Si è visto rovinare la gara da Ricciardo e da Bottas al primo giro con poche colpe e tanta rabbia, in ogni caso è stato bravo a non perdere la bussola e risalire nel resto del GP, terminando subito dietro al compagno, 11°.

KEVIN MAGNUSSEN - VOTO 7 Scattato dalla 13° piazza stava facendo una gran bella gara sulla soglia della zona punti, ma una gomma fissata male al pit-stop vanifica l'ottima prestazione e lo ricaccia in fondo. E alla fine è anche costretto al ritiro.

ANTONIO GIOVINAZZI - VOTO SV Poteva essere una grande occasione oggi nel caos bagnato di Istanbul, ma dopo essere rimasto in mezzo al gruppo nelle prime fasi, abbandona per un problema al cambio nei primi giri. Sorvoliamo sulla picchiata nel giro di schieramento, senza conseguenze.

KIMI RAIKKONEN - VOTO 6 Una giornata difficile per Kimi e l'Alfa Romeo in generale. All'inizio aveva tenuto con i denti la top ten, poi dopo la sosta è iniziato il calvario, con le gomme che duravano pochissimo. La sensazione è che non potesse fare molto più del 15° posto.

DANIIL KVYAT - VOTO 5,5 Dopo la bella prestazione di Imola ci si attendeva di più, ma in queste condizioni un po' tutte le auto della famiglia Red Bull hanno fatto intravvedere limiti. Lui alla fine dopo la prima sosta ha guadagnato qualche posizione mantenendo la 12° fino alla fine.

PIERRE GASLY - VOTO 6 Anche sulla sua Alpha Tauri le gomme da bagnato proprio non hanno trovato la finestra giusta, è comunque risalito dall'ultima piazza fino alla 13° subito dietro al compagno. Mezzo punto in più per la progressione

ROMAIN GROSJEAN - VOTO 5 Solita gara un po' anonima, poi oggi ci si è messo pure Latifi a rovinargliela. Alla fine si è ritirato dopo essere comunque rimasto in penultima posizione tutta la gara.

NICHOLAS LATIFI - VOTO 4 Sempre ultimo, con un compagno che nel frattempo lottava in mezzo al gruppo. Alla fine manda pure kappaò Grosjean.

GEORGE RUSSELL - VOTO 6 Come per Giovinazzi, sorvoliamo sull'incidente nel giro di formazione... in gara il giovane britannico ha invece fatto bene, lottando sulla soglia dei punti fino al pit-stop, dopodiché il secondo set di intermedie non è andato, e alla fine ha chiuso 16° e ultimo.


TAGS: f1 2020 TurkishGP 2020 Pagelle GP Turchia 2020