Pubblicato il 15/11/20

PODIO SFUMATO IN EXTREMIS Tra i grandi protagonisti del GP Turchia c'è senz'altro un deluso e arrabbiato Charles Leclerc. Partito dodicesimo, il pilota della Ferrari è inizialmente sprofondato nei bassifondi della classifica, senza però mai arrendersi. Con la pista via via più asciutta, il monegasco ha cominciato a recuperare posizioni su posizioni, fino a issarsi in un'ottima terza piazza. Il terzo podio stagionale sembrava ormai una formalità e, nell'ultimo giro, Leclerc è tornato prepotentemente sotto a Sergio Perez, fino a quel momento saldamente al secondo posto. Il pilota del Cavallino Rampante è riuscito a scavalcare il messicano in uscita da curva 10, ma alla staccata di curva 12 è andato largo nel tentativo di difendersi dal rivale, finendo per perdere la posizione anche su Sebastian Vettel.

SFOGO VIA RADIO Un errore piccolo ma dal peso specifico elevatissimo, dato che mancavano due curve alla bandiera a scacchi. A caldo, Leclerc ha sfogato tutta la sua frustazione dandosi per cinque volte del ''coglione'' nel team radio con il muretto Ferrari. Sceso dalla monoposto, il monegasco è stato più pacato nei toni, ma la rabbia è ancora tutta da far sbollire: ''Sono così deluso, non c'è molto altro che voglio dire ora. La partenza è stata dura, ma la parte centrale della gara è stata incredibile. Siamo stati estremamente veloci. Pensavo di poter ricompensare il team con un podio, ma ho sbagliato nelle ultime tre curve. Quindi ora c'è solo delusione nella mia testa''.

FELICE PER SEB L'unica consolazione per Leclerc e per la Ferrari è che l'errore ha spalancato le porte del primo podio stagionale a Sebastian Vettel. Il monegasco ha invece chiuso quarto, guadagnando comunque punti importanti per le due classifiche iridate, in particolare quella Piloti dove insegue a sole tre lunghezze il quarto posto di Perez: ''Quando guardo alla squadra, abbiamo ottenuto un terzo e un quarto posto, il che ovviamente è positivo. Soprattutto se guardiamo a ieri. È stato anche il primo podio per Seb, quindi sono contento per lui, anche se è difficile esserlo in questo momento. È un bene per lui perché ha avuto una stagione molto difficile. Oggi ha dimostrato il suo valore come pilota. Io, però, sono particolarmente arrabbiato con me stesso''.


TAGS: ferrari f1 leclerc TurkishGP 2020