Anteprima:

Nissan Qashqai


Avatar Redazionale , il 07/09/06

15 anni fa - Giapponese ma di taglio europeo

La Casa giapponese punta forte sulla nuova crossover compatta. Originale nel nome, anche troppo, elegante e di taglio europeo, inaugura la new wave Nissan. Il debutto a Parigi e a febbraio 2007 l'arrivo dai concessionari.

Benvenuto nello Speciale MOTOR SHOW 2006: DI TUTTO, DI PIÙ, composto da 59 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario MOTOR SHOW 2006: DI TUTTO, DI PIÙ qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

PENSATO PER NOI Il consumatore è stufo delle solite compatte? Inizia a vivere con disagio Suv ipervitaminizzati e ipervistosi? Convinto di tutto ciò Mr. Ghosn, timoniere di Nissan e Renault, presenta fiducioso e sicuro la nuova killer application per il mercato Europeo: una cross-over compatta, ma non troppo, e buona per tutti gli usi.

ESORDIO AMBIZIOSO Gli obiettivi dichiarati sono ambiziosi: convincere, ogni anno, 100.000 automobilisti UE a portarsela in garage. Ma non solo. La Qashqai anticipa le nuove linee guida estetiche del marchio che deve proprio all'opera di salvataggio di Mr. Ghosn, vero case study da manuale d'economia, la sua rinascita. Tutto sembra perfetto.

WHAT'S YOUR NAME? A parte il nome certo. Tanto particolare ma anche tanto, troppo, strano. Non è difficile ipotizzare la solita divisione manichea: qualcuno lo amerà, qualcun altro si domanderà "ma...come hanno potuto"? La cartella stampa, anticipando inevitabili perplessità spiega che si scrive Qashqai ma si pronuncia "cash-kai". Prendiamo nota.

AVEVAMO SCHERZATO Il primo concept con questo nome risale al 2004. Ma era uno scherzo. Nel senso che Nissan ha mischiato le carte in tavola. E, contrariamente alla tendenza che vuole i prototipi esposti al pubblico trasformarsi, pari pari, in vetture di produzione, qui è rimasto solo il nome. O poco più.

CENTRO STILE Ripensamento? Cambio di direzione? Più semplicemente la crossover che ammirate nelle foto arriva a due anni di distanza. E soprattutto si tratta del primo progetto interamente firmato e realizzato dal centro stile europeo del colosso franconipponico. Con base a Londra per intercettare e interpretare gusti estetici vicini ai nostri. Anche se, i filo orientali saranno più tranquilli, in Nissan ci tengono a far notare che il coordinamento della task force occidentale con gli ingegneri jap è stato continuo. E non sono mancati i travasi di tecnologia.

PASSAPORTO Fatto sta che, oltre ad essere stato pensata e disegnata con in mente il cliente occidentale, la Qashqai verrà prodotta nello stabilimento modello di Sunderland, in Inghilterra. E quasi a ribaltare le tradizionali certezze, la globalizzazione ha smesso da tempo di essere solo una parola, sarà esportata perfino...in Giappone. Con connotati identici ma carta d'identità rivista: si chiamerà Dualis.

FASHION Troveranno conferma i grandi progetti di Mr. Ghosn per la neonata vettura? A giudicare dallo stile, che mischia fashion, sport ed eleganza si potrebbe rispondere in modo affermativo. L'abito europeo dona alla crossover franconipponica, che impressiona per equilibrio e senso delle proporzioni. Gli stessi designer Nissan suggeriscono di aver...diviso in due l'auto. Con la parte superiore che richiama una berlina dinamica e la parte inferiore che mira ad evocare versatilità e, quel minimo di spirito avventuriero, proprie di un SUV. Le citazioni, sparse, sono parecchie. Ma quel che conta è il risultato finale. Molto armonico. Che sembra poter far innamorare, o almeno convincere, molti. Unica riserva sul frontale, dove a fari non troppo grandi e ben profilati si accompagna una mascherona dalla bocca larga, con il logo Nissan incastonato nel mezzo che appesantisce l'insieme. Piacevoli citazioni di sportività e robustezza, invece, le nervature che adornano il cofano.

SPORTCOUPE' Promozione tranquilla, almeno a giudicare dalle foto, anche per gli spazi abitativi. Che specialmente con tetto panoramico in vetro e interni in pelle, al solito, fanno un figurone. In realtà anche la plancia, tendente al total black, fa il suo dovere. Pulita e ordinata, con i due strumenti, il volante a tre razze e le quattro bocchette. Come da scuola sportiva tenta di ricreare due ambienti: il cockpit a guardare il guidatore e la consolle centrale, sovrastata dallo schermo del navigatore, che apre spazi e servizi per i passeggeri. Le sensazioni sono più da berlina sportcoupé che non da jeep avventurosa. Rimandiamo alla prova tattile la valutazione finale.

DIMENSIONI Anche il dimensionamento segue una mezza via. E dice molto della vera natura della...Qashqai. Qualcosa in più di una compatta e qualcosa in meno di un Suv. L'altezza dice 161 cm. La larghezza 178 e la lunghezza 431. Con un passo di 263 cm che lascia le ruotone alle estremità. I cerchi sono a stella. Uno sforzo di fantasia non sarebbe dispiaciuto.

DUE A DUE La Qashqai non si sbilancia neppure sotto il profilo tecnico e tenta, anche qui, di accontentare tutti. La partita finisce in pareggio alla voce propulsori. Due a benzina e due a gasolio. Bevono la verde un 1.6 da 115 cavalli e 160 Nm, e un duemila, da 140 cavalli e 200 Nm. Poi ci sono i DCI, che preferiscono bere il gasolio. Con il duemila che regala 150 cavalli e 320 Nm per chi vuol correre. E un fratellino da solo 1,5 litri, che offre comunque il minimo sindacale: 105 cavalli e 240 Nm di coppia.

SCELTA OBBLIGATA A giudicare da dimensioni e look, la scelta dei due litri, a benzina o a gasolio non importa, sembra un passaggio obbligato. Specialmente considerando che solo in questo caso si può avere la trazione integrale ALL-MODE. Che onora l'abito cross-over e aggiunge un quid di sicurezza sempre benvenuto, casomai uscendo dalla rampa del supermercato si incontrasse un fondo viscido...

CAMBI PER TUTTI Per non scontentare nessuno alla Nissan hanno esagerato anche alla voce trasmissioni. Manuali a cinque e sei rapporti, automatici a sei e CVT a variazione continua. Le combinazioni possibili dipenderanno anche dal motore scelto, come prevedibile.

GIUSTO MEZZO? La Qashqai punta a intercettare automobilisti che guidano classiche compatte, 4x4 o berline. Così dicono gli uomini del marketing. Da Febbraio 2007, data prevista di inizio commercializzazione, i concessionari e gli automobilisti inizieranno a rispondere. Prezzi competitivi, al momento ignoti, potrebbero aiutare.

 


Pubblicato da Luca Pezzoni, 07/09/2006
Gallery
Motor Show 2006: di tutto, di più
Logo MotorBox