Autore:
Simone Dellisanti

NUOVE REGOLE Liberty Media, i nuovi padroni della Formula Uno, stanno lavorando insieme alla FIA per introdurre alcune novità regolamentari e per alleggerire i costi a carico dei team del Circus.

F1 ECONOMICA Una delle principali novità che Liberty Media sta cercando di introdurre e un progressivo riequilibrio dei proventi e ridurre i costi di gestione per tutti i team iscritti al mondiale, a partire dal  2020, quando sarà scaduto il Patto della Concordia.

ACCORDO TRA I TEAM Il Patto della Concordia è un accordo commerciale che regola la partecipazione e il trattamento economico delle scuderie che partecipano al Campionato mondiale di Formula 1, così come organizzato dalla società Formula One Management.

PIU' SEMPLICE Tra le norme che saranno proposte per attuare il nuovo fair play finanziario c'è l’ipotesi di una power unit più economica e meno elaborata tecnicamente per tutti i team. Inoltre, tutte le squadre si sono dette favorevoli all'introduzione delle nuove power unit più economiche ma Ferrari e Mercedes hanno alzato un muro sulla proposta di riequilibrare i proventi.

VOGLIAMO PIU' SOLDI Se alla Ferrari saranno destinati meno soldi di quelli che prende attualmente, il Presidente della Ferrari, Sergio Marchionne, ha paventato la possibilità di portare via la Scuderia di Maranello dalla Formula Uno per creare o partecipare a competizioni alternative.

LE PAROLE DEL BOSS "Nel 2017 abbiamo fatto bene se si considera il punto di partenza. Abbiamo il rimpianto di non essere riusciti a fare meglio, la Ferrari SF70H era una buona monoposto. Nel 2018 faremo molto meglio". Ha spiegato Marchionne. "Per quanto riguarda il rapporto con Liberty Media e le nuove norme che si vogliono introdurre, la Ferrari è intenzionata a ridurre i costi, ma senza snaturare l'essenza di questo sport. L'idea è di restare nel Circus, ma non a tutti i costi. La posizione della Ferrari deve comunque essere vantaggiosa per il mantenimento del marchio sul mercato, avendo un ruolo unico nella Formula Uno. Siamo nella massima serie da quando è nata".

SEMPRE PRESENTE La Scuderia Ferrari ha sempre fatto parte del Circus iridato fin dalla sua primissima edizione del mondiale a ruote scoperte, a partire dal 1950, e Liberty Media non ha nessuna intenzione di perdere la partecipazione della Rossa di Maranello, come ha affermato Max Warburton, analista di Sanford C.Bernstein Ltd: "Marchionne e la Ferrari sono legati alla Formula Uno. Ma a nostro avviso ha più bisogno la F1 della Ferrari, non il contrario".


TAGS: ferrari marchionne Liberty Media f1 2020