Pubblicato il 12/05/20

INNOVAZIONE COSTANTE Audi si conferma al vertice in fatto di sistemi d’illuminazione grazie al debutto dei proiettori LED Digital Matrix a bordo di Audi e-tron Sportback. Si tratta di un ''unicum'' a livello mondiale, visto che il SUV coupé elettrico di Ingolstadt sarà la prima vettura di grande serie a sfruttare i benefici di questa nuova tecnologia, in grado di offrire indubbi vantaggi rispetto alle tradizionali luci a LED. Ecco quali.

Nuova Audi e-tron Sportback: dettaglio anteriore

UN SECOLO DI PROGRESSI Ma prima, un po' di storia. Audi fu una delle prime Case costruttrici a sostenere la transizione dalle lampade a olio ai fari a carburo nel lontano 1913. Negli anni ‘20 anticipò il passaggio alle luci a incandescenza e intorno agli anni ’70 promosse l’adozione dei proiettori a bulbi sdoppiati per anabbaglianti e abbaglianti. Gli anni ’90 segnarono invece il successo dei sistemi d’illuminazione allo Xeno, poco prima di cedere il passo ai più tecnologici proiettori a LED - introdotti per la prima volta sulle vetture del marchio nel 2013, con il sistema LED Audi Matrix.

LUCI LASER La tecnologia LED Audi Matrix definì un significativo incremento degli standard di sicurezza grazie alla possibilità di gestire in maniera adattiva il fascio luminoso e di regolare dinamicamente abbaglianti e anabbaglianti. Un ulteriore avanzamento si ebbe nel 2014 con l’introduzione di Audi Laser Light, abbinato al già efficiente sistema LED Audi Matrix. L’ultimo passo di questo incessante processo di miglioramento tecnologico si compie dunque ora col debutto, su Audi e-tron Sportback, dei proiettori LED Digital Matrix.

Audi LED Digital Matrix: il DMD (Digital Micromirror Device)

FARI INTELLIGENTI Grazie alla scomposizione in pixel infinitesimali del fascio luminoso, coi LED Digital Matrix il guidatore può ora godere di un’illuminazione della strada ancora più potente ed uniforme. Il cuore di questi fari hi-tech risiede nel cosiddetto DMD (Digital Micromirror Device), ovverosia un chip costituito da circa un milione di microspecchi, ognuno dei quali capace di cambiare il proprio orientamento 5.000 volte al secondo. Questi proiettori sono in grado di svolgere molteplici funzioni: la luce prodotta dal DMD può essere infatti irradiata, o in alternativa, catturata da un assorbitore per generare coni d’ombra anti-abbagliamento.

SICUREZZA A 360 GRADI Disponibili su Audi e-tron Sportback nel corso del 2020, LED Digital Matrix conta 3 diverse modalità di luci anabbaglianti (luce di svolta, marcia in zone urbane e autostrada) e due differenti configurazioni per le luci abbaglianti (luce di orientamento e luce di carreggiata). Qualora si optasse anche per il sistema Night Vision - optional -, l’impianto d’illuminazione di e-tron Sportback sarebbe corredato di luce segnaletica, in grado di individuare e illuminare pedoni sulla carreggiata.


TAGS: audi Audi Digital Matrix Audi e-tron Sportback Digital Matrix