ROSSI AMARO Valentino Rossi nonostante la terza quarta piazza consecutiva e i galloni di più bravo degli italiani nel Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini, non è per nulla soddisfatto della sua giornata. Troppo il distacco incassato dai primi tre a Misano Adriatico, dove Marquez ha vinto davanti alla marea gialla del Dottore, che lo ha subissato di fischi ma anche riconoscendo qualche applauso al tiranno spagnolo. Il talento italiano non ha però messo da parte le sue speranze di crescere ancora da qui a fine anno, raccontando al termine della gara le sue sensazioni.

TANTA FATICA "Speravo di lottare per il podio, sarebbe stato bellissimo salirci davanti a tutta questa gente" - ha esordito Valentino Rossi, intervistato da Sky al termine del GP - "Più o meno la gara è andata come ci si aspettava. Forse mi aspettavo un Vinales più forte e un Quartararo meno, ma loro tre andavano più forte di me. In due o tre punti della pista perdevo troppo tempo e durante il weekend non li abbiamo migliorati. Poi partendo settimo è sempre dura, al via ho passato Dovi ma mi ha superato Rins, ed è stato faticoso perché su questa pista è sempre difficile superare. Prima ho avuto Rins, che fortunatamente per noi è andato dritto, poi Pol Espargaro, ero un po' più veloce ma avevo un solo punto dove superare e ci ho messo un po' di giri a farlo. Infine sono tornato su Franco, ma ho fatto tanta fatica, perché in quel punto lui andava molto forte. Negli ultimi giri ho spinto al massimo e il passo degli ultimi 3-4 è stato buono, però comunque anche senza KTM sarebbe stato molto difficile stare vicino a Mav."

ABBONATO AL QUARTO Rossi ha analizzato un po' più in generale la situazione in campionato e fissato la road map per il futuro: "Abbiamo modificato svariate cose ma più o meno questo resta il nostro potenziale: sempre 4° (tre volte negli ultimi GP). I tre davanti stanno andando più forte, in uscita hanno più grip e scivolano meno di me, è quello che ci manca un po'. Dobbiamo cercare di essere più veloci dell'anno scorso da ora in poi, nell'ultima parte del campionato 2018 non ero tanto veloce ma le ultime due gare potevo fare bene, però mi sono steso tutte e due le volte alla fine. Occorre cercare di recuperare punti perché siamo in un bel pacchetto dal 3° a 7° posto in classifica: c'è Petrucci terzo ma in difficoltà, c'è Rins che oggi è scivolato, c'è Maverick, e poi ci sono io, e c'è anche Quartararo che arriva da dietro. Dobbiamo cercare di fare punti e lottare per il terzo posto fino alla fine,  e cercare di capire come andare più forte. Quarto ci può anche stare, ma siamo stati troppo lontani, dobbiamo trovare il modo di essere più vicini."

L'ESULTANZA DI MARC A Valentino è stato chiesto anche un commento sulla rabbiosa esultanza di Marquez, felice in modo ancora maggiore per aver vinto a casa sua. "Qui c'è un grande tifo come al solito, Misano è sempre difficile da gestire ma è una grande emozione, ho un supporto veramente speciale. L'esultanza rabbiosa? Boh, non so che dire, mi sembrava che andasse forte anche prima di quello che è successo. Secondo me era solo molto contento perché ha battuto Quartararo e lui vede che Fabio può essere uno che in fututro gli può dare molto fastidio. Oggi ha fatto una gara della Madonna... se si può dire, diciamo che ha fatto una gara "eccellente". Penso che lo veda come un suo grande avversario."


TAGS: yamaha motogp valentino rossi motogp 2019 MotoGP San Marino 2019 SanMarinoGP 2019 MotoGP Misano 2019