DOVE ERAVAMO RIMASTI? Marquez e Rossi ancora una volta protagonisti nel corso delle qualifiche del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini, di un episodio in pista ai limiti del regolamento. Ma cos'è veramente successo in pista questo pomeriggio a Misano? A rispondere come Marquez potremmo dirvi: "Quello che avete visto in TV", la frase con cui ha risposto alla prima domanda della conferenza stampa tenuta nell'Hospitality del team Honda Repsol. Ma in TV tutto tutto non si è visto. Dalle immagini avevamo lasciato Rossi davanti a Marquez prima che l'inquadratura si spostasse su altri contendenti. Ritornati sui due, ritroviamo Marquez in vantaggio di 2 decimi al secondo settore sul tempo della pole, e  davanti all'italiano. Lo abbiamo visto andare largo sul verde oltre il cordolo (tempo cancellato), e Rossi di conseguenza provare a infilarsi, ma andare lungo. Infine abbiamo visto Marquez rialzarsi per evitare il contatto e gesticolare con la mano verso Rossi.

COSA È ACCADUTO "Ci tengo a chiarire che quel gesto con la mano non era per chiedere scusa, era più per chiedere: cosa stai facendo?" - ha spiegato un Marquez visibilmente contrariato dall'aver dovuto abbandonare l'idea di una possibile pole position. Quello che è successo lontano dalle telecamere lo racconta lo stesso spagnolo: "Abbiamo iniziato l'ultimo giro e in curva 6 aveva (Rossi) già toccato il verde e quindi gli avrebbero cancellato il giro, stava andando ancora veloce ma non così veloce, perciò ho avuto la possibilità di superarlo sul rettilineo e poi sono andato largo, ma l'ho visto solo in TV perché dalla moto non avevo realizzato se avessi o meno toccato il verde. Così ho continuato a spingere, poi ho visto una moto nera e gialla arrivare molto molto veloce, a una velocità alla quale era impossibile fare la curva. Fortunatamente per me sono riuscito a tirare su la moto ed evitare il contatto."

FRECCIATINE Marc Marquez non si è fermato qui, rincarando la dose sul suo storico rivale. "Se immagino cosa dirà Rossi? Ovviamente posso immaginarlo, ma non lo posso dire, dovreste chiederlo e lui. Ma conosco la sua risposta." poi, sollecitato - "Dirà che ha provato a passarmi ed è andato lungo. La cosa più importante per me è stata evitare il contatto, perché ho già un piccolo infortunio al mignolo e cadere avrebbe potuto causare un infortunio più grave. Penalità? Non mi interessa, non è un mio rivale per il titolo, non perderò tempo a chiedere una penalità." I due si sono dovuti presentare davanti ai commissari per spiegare l'accaduto alle 16.45, ma non c'è stata alcuna ammonizione per nessuno dei due.

ROSSI RISPONDE Pochi istanti prima, Valentino Rossi ha parlato all'interno dell'Hospitality Yamaha per spiegare il suo punto di vista sulla questione: "Volevo partire in una posizione migliore della settima, ma ho trovato un sacco di traffico e poi nel secondo giro non sono stato sufficientemente veloce. Circa il... 'problema' con Marquez, ero nel mio giro veloce, stavo spingendo al 100%, ma mi ha passato facendomi perdere un sacco di tempo, poi lui ha toccato il verde e così ho provato a ripassarlo all'interno ma sono andato dritto. Se ho toccato il verde anche io? Sì ma sono uscito come sempre dalla curva sei al pelo, e non sapevo di aver toccato la riga, sinceramente, stavo spingendo e non me ne sono accorto. Ho visto solo dopo che avevo effettivamente toccato la zona verde."

SCARAMUCCE Rossi ha poi proseguito, sollecitato dalle domande della platea: "Ti è sembrato di tornare al GP della Malesia 2015?" gli viene chiesto, con riferimento al celebre scontro in pista con tanto calcione di Rossi a Marc che gli costò il mondiale. "Pensavo Argentina 2017, quando mi ha steso senza ritegno. No dai... lui ha provato a passarmi nel curvone sapendo di rovinarmi il giro, per tentare di sorpassarmi è andanto anche sul verde, e poi ho provato a risorpassarlo ma sono andato un po' dritto. Il gesto di Marc? Non ho capito cosa voleva dire, e a quel punto non mi interessava neanche tanto. Se metterò Marquez sul casco il prossimo anno? Oppure lui può mettere a me! Mi dispiace perché a parte questa cosa che può capitare, speravo di essere un po' più veloce in qualifica e partire un po' più avanti perché il passo non è male."


TAGS: misano motogp valentino rossi marc marquez vr46 motogp 2019 Rossi Marquez MotoGP San Marino 2019 SanMarinoGP 2019