Autore:
Simone Valtieri

ITALIANI IN CHIAROSCURO Valentino Rossi è stato il più bravo della pattuglia italiana a Misano, nel corso del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini. Tre piloti con il tricolore sono giunti ai piedi del podio e molto ravvicinati tra loro, con Rossi in grado di beffare il suo allievo Franco Morbidelli, e Andrea Dovizioso un po' in difficoltà, riuscire comunque a tenere il passo senza però poter sferrare l'attacco decisivo nel finale per la quarta posizione. Chiude in un'anonima decima posizione invece la sua gara Danilo Petrucci, mentre Michele Pirro, che era davanti al compagno in Ducati, è caduto negli ultimi giri, dovendo abbandonare dopo una buona prestazione. Di seguito le dichiarazioni dei centauri italiani impegnati a Misano, Rossi a parte, con anche Francesco Bagnaia che è anch'esso caduto, ma nelle prime fasi di gara, mentre Andrea Iannone non ha partecipato al GP per un infortunio.

FRANCO MORBIDELLI, YAMAHA, 5° "Sono molto contento del mio risultato. Siamo stati molto veloci per tutto il weekend e ho avuto un buon feeling con la moto, ma sfortunatamente in gara la temperatura della pista ha peggiorato leggermente il grip rispetto alle qualifiche e ho dovuto rallentare un po' per portarla a casa in sicurezza. Tutte le Yamaha sono state veloci a Misano, non come lo scorso anno, quindi sembra che siamo migliorati e speriamo di poter continuare così anche la prossima settimana. Terminare nella Top 5 davanti a questa grande folla di casa è stato molto speciale, ed è una piacevole coincidenza che sia avvenuto nel giorno del mio 100° GP nel Motomondiale. Ricordo ancora la prima gara a Misano come wild card nel 2013, sembra ieri e non avrei mai pensato che sarei stato qui oggi con una squadra così forte a lottare con i migliori."

MotoGP San Marino 2019, Misano Adriatico, Andrea Dovizioso (Ducati)

ANDREA DOVIZIOSO, DUCATI, 6° "Ci ho provato fino alla fine. A metà gara non sono riuscito a passare subito Pol Espargaro, poi una volta fatto mi sono detto 'adesso piano piano li vado a prendere' (Rossi e Morbidelli), ma loro piano piano se ne stavano andando. Mi sono detto: no dai. Ho visto che sul davanti erano in crisi, un po' come me, ma nel finale ero più in forma e sono riuscito a non perdere. Alla fine Vale stava per cadere, peccato per la sesta posizione, potevamo fare forse quarti, però abbiamo portato a casa il massimo. Sono molto contento del lavoro fatto durante il weekend, siamo partiti con un gap enorme e arrivati con un gap ridotto. Ben diverso dall'anno scorso però, ma nei test abbiamo visto subito che buttava male. Siamo comunque rimasti calmi durante il weekend e abbiamo portato a casa un buon risultato. Con questo asfalto bisognava essere morbidi nella guida, per noi non è abituale, ma richiedeva questo. Dopo un po' che lavori sul setup alla fine non puoi fare moloo di più, il resto ce lo mette la guida."

DANILO PETRUCCI, DUCATI, 10° "È stata sicuramente una gara durissima per me. Ieri la mia qualifica è stata molto difficile e quindi oggi avevo davvero tante posizioni da recuperare. Ho fatto veramente il mio massimo, ma purtroppo la mancanza di grip non mi ha consentito di essere molto veloce. Alla fine sono riuscito a chiudere al decimo posto e l’unica nota positiva del weekend è che sono risalito in terza posizione in classifica generale davanti a Rins"

MICHELE PIRRO, DUCATI, RITIRATO "Dopo la partenza ho sofferto un po’ nelle prime curve, e poi ho cercato di recuperare e ho passato Danilo perché ero un po’ più veloce di lui. Stavo cercando di tenere il passo degli altri piloti, ma a sei giri dalla fine ho perso l’anteriore alla curva 14. Ho fatto solo una banale scivolata, praticamente senza danni alla moto, ma nella caduta si è riacutizzato il dolore alla gamba, già infortunata in allenamento con la moto da cross, e mi sono dovuto fermare. Mi dispiace perché avrei potuto finire un’altra volta nella top ten in MotoGP come al Mugello"

FRANCESCO BAGNAIA, DUCATI, RITIRATO "È un peccato oggi, perché questo fine settimana sono stato veloce e abbiamo lavorato molto per avere un buon ritmo, non pensavo che la gara potesse essere così dura. Sono però fiducioso per Aragon, la prossima settimana, perché abbiamo fatto un bel passo avanti nelle ultime gare."


TAGS: ducati motogp andrea dovizioso danilo petrucci michele pirro francesco bagnaia franco morbidelli motogp 2019 MotoGP San Marino 2019 SanMarinoGP 2019 MotoGP Misano 2019