Autore:
Giulio Scrinzi

ICEMAN TORNA A BRILLARE Se il buongiorno si vede dal mattino, allora l’inizio del weekend di Kimi Raikkonen preannuncia grandi cose per la gara di domenica. Al termine del secondo turno di libere del fine settimana che condurrà alla seconda prova del Mondiale di F1 2018, il GP del Bahrain, il finlandese è riuscito infatti a centrare il miglior tempo con la sua Ferrari, un 1’29’’817 ottenuto su gomme Supersoft. Un ottimo crono che, tuttavia, lascia il dubbio su quello che avrebbe potuto fare il Campione del Mondo 2007 se avesse pennellato meglio l’ultimo settore, condizionato dalle mescole della Pirelli che necessitano di un riscaldamento adeguato durante il giro di lancio per la qualifica.

VETTEL A POCHI MILLESIMI Ma la Scuderia di Maranello, oggi, può fare festa grande e cominciare a sognare per il Gran Premio di domenica, perché dietro a Raikkonen si è confermato anche Sebastian Vettel. Il pilota tedesco ha seguito le indicazioni degli ingegneri e ha svolto un programma di lavoro incentrato sulla raccolta dati con le Soft a banda gialla. Poi, con la mescola Supersoft, ha stampato un ottimo 1’29’’828, a soli 11 millesimi dal suo compagno di squadra.

LE MERCEDES SI NASCONDONO Dietro alle due Ferrari, invece, si sono piazzate le due Mercedes di Valtteri Bottas e di Lewis Hamilton, rispettivamente staccati di 563 e 655 millesimi. Rispetto a quanto fatto dal team di Maranello, il reparto corse di Brackley si è concentrato prevalentemente sul lavoro in ottica gara, mentre per la qualifica la loro prestazione fa capire che il loro potenziale è ancora tutto da scoprire.

LA RED BULL INSEGUE Quinto e sesto tempo, a seguire, per le due Red Bull, rispettivamente affidate a Max Verstappen e a Daniel Ricciardo. Entrambi hanno accusato un distacco dalla vetta poco inferiore al secondo, il che non rende giustizia alle buone prestazioni dal motore TAG Heuer by Renault montato sulle RB14, che nelle mani del pilota olandese è riuscito ad imporsi con il miglior tempo nelle varie simulazioni di gara. Il propulsore francese, inoltre, si è mostrato competitivo anche nelle mani di Nico Hulkenberg, settimo con la Renault RS18 davanti al sorprendente Pierre Gasly al volante della Toro Rosso-Honda STR13. Hanno, infine, completato la top ten le due McLaren, sempre motorizzate Renault, di Fernando Alonso e Stoffel Vandoorne.

CLASSIFICA DI GIORNATA Ecco la classifica aggiornata alla seconda sessione di prove libere del GP del Bahrain 2018.

PILOTA TEAM TEMPO GAP
1. Kimi Raikkonen Ferrari 1'29''817  
2. Sebastian Vettel Ferrari 1'29''828 +0.011
3. Valtteri Bottas Mercedes 1'30''380 +0.563
4. Lewis Hamilton Mercedes 1'30''472 +0.655
5. Max Verstappen Red Bull 1'30''745 +0.928
6. Daniel Ricciardo Red Bull 1'30''751 +0.934
7. Nico Hulkenberg Renault 1'31''220 +1.403
8. Pierre Gasly Toro Rosso 1'31''232 +1.415
9. Fernando Alonso McLaren 1'31''282 +1.465
10. Stoffel Vandoorne McLaren 1'31''422 +1.605
11. Romain Grosjean Haas 1'31''591 +1.774
12. Carlos Sainz Jr Renault 1'31''601 +1.784
13. Esteban Ocon Force India 1'31''809 +1.992
14. Sergio Perez Force India 1'31''868 +2.051
15. Kevin Magnussen Haas 1'31''969 +2.152
16. Charles Leclerc Sauber 1'32''372 +2.555
17. Lance Stroll Williams 1'32''382 +2.565
18. Sergey Sirotkin Williams 1'32''474 +2.657
19. Marcus Ericsson Sauber 1'32''733 +2.916
20. Brendon Hartley Toro Rosso 1'32''908 +3.091

TAGS: formula 1 sebastian vettel kimi raikkonen valtteri bottas lewis hamilton f1 max verstappen daniel ricciardo f1 2018 formula 1 2018 f1 2018 gp bahrain f1 bahrain 2018