Autore:
Giulio Scrinzi

SECONDO ROUND A due settimane dall'esordio in quel di Melbourne, il Mondiale di F1 2018 prosegue con il secondo round previsto dal calendario iridato: si tratta della tappa che andrà in scena questo fine settimana sul circuito Sakhir di Manama, sede del tradizionale GP del Bahrain.

IL CIRCUITO Questo tracciato è stata progettato dal noto architetto tedesco Hermann Tilke, che l'ha voluto come prima pista del Circus iridato in Medio Oriente. Entrata nel calendario appena in tempo per la sua inaugurazione nel lontano 2004, si trova al centro al deserto e per questo motivo soffre del problema dell'entrata in pista della sabbia circostante perchè soffiata dal vento. È lungo 5,412 km, presenta 15 curve ed è stato pensato per permettere allo spettatore di sentirsi al centro dell'attenzione, grazie a tribune con una vista davvero eccelente sull'intera pista. Dal 2014 la gara viene disputata in notturna, in un orario, a partire dalle 18, non troppo caldo per piloti ed asfalto.

LE MESCOLE DELLA PIRELLI Nel secondo round della stagione 2018 la Pirelli porterà per la prima volta le nuove mescole P Zero White medium, che affiancheranno le soft a banda gialla e le più morbide supersoft. Saranno tre pneumatici che i team dovranno sfruttare al meglio per adattarsi alle condizioni dell'asfalto, dove la trazione inizia a venire meno durante il Gran Premio dal momento che questo inizia nel tardo pomeriggio e si conclude in serata, con un conseguente abbassamento delle temperature.

PRONOSTICI DELLA REDAZIONE Dopo quanto fatto vedere in Australia, Sebastian Vettel è pronto a riconfermare la sua competitività al volante della nuova Ferrari SF71H. Il tedesco ha l'obiettivo di ripetere il successo dello scorso anno anche in Bahrain, dove si era messo dietro il rivale Lewis Hamilton e il finlandese Valtteri Bottas. Ma attenzione a Kimi Raikkonen, che quest'anno ha subito centrato un importante podio in Australia e vorrà fare di tutto pur di aumentare le sue quotazioni in ottica Mondiale. Un occhio di riguardo anche alle Red Bull, terza forza del Campionato e che cercheranno di mettere il bastone tra le ruote alle “solite” Ferrari e Mercedes.


TAGS: formula 1 f1 f1 2018 formula 1 2018 f1 2018 gp bahrain f1 bahrain 2018 f1 2018 bahrain