Anteprima

Porsche Cayenne my 2012


Avatar Redazionale , il 20/04/11

10 anni fa - Sulla Porsche Cayenne my 2012 arrivano un nuovo diesel e tante migliorie

La seconda generzione della Porsche Cayenne festeggia il suo primo compleanno regalandosi un nuovo motore diesel e un ibrido più efficiente. Arriva anche un ventaglio di nuovi accessori che appaga la vista e il piede destro.

BUON COMPLEANNO A un anno esatto dalla presentazione alla stampa della seconda generazione della Porsche Cayenne, a Zuffenhausen introducono con il model year 2012 piccoli ma significativi aggiornamenti sulla loro Suv, con il chiaro intento di mantenerla ai vertici della categoria. Le novità principali riguardano la versione a gasolio e quella ibrida, mentre si amplia la lista delle opzioni disponibili. Vediamo in dettaglio cosa c'è di nuovo.

A DIETA Andando in ordine d'importanza, si deve partire per forza dalla Porsche Cayenne Diesel my 2012. Sotto il suo cofano trova posto un motore V6 tre litri profondamente rivisto. Anche se le sue misure di alesaggio e corsa restano quelle di sempre, adotta un albero motore inedito e più leggero, così come alleggeriti sono numerosi altri componenti, grazie ai quali il turbodiesel tedesco fa segnare 20 kg in meno sulla bilancia. In questo modo la massa totale scende a 2.080 kg.

VEDI ANCHE



DI BENE IN MEGLIO Grazie a un'attenta riduzione degli attriti interni, a una diversa taratura dell'iniezione (con una pressione di esercizio che sale fino a 2.000 bar) e un nuovo turbo a geometria variabile, la potenza massima aumenta di 5 cv e raggiunge un nuovo picco di 245 cv. Ciò si traduce in un tempo inferiore di 2 decimi rispetto al passato nello scatto 0-100 (7,6 secondi contro 7,8) e in una punta di 220 km/h (prima erano 218). La Porsche Cayenne Diesel 2012 mantiene consumi invariati (7,2 l/100 km) e una lieve riduzione delle emissioni di CO2 (-6 g/km, per un totale di 189 g/km).

SUBITO PRONTA Per quanto riguarda la Porsche Cayenne Hybrid, il model year 2012 porta con sé una maggiore efficienza del sistema ibrido, che rende ora utilizzabile la modalità elettrica anche a freddo, sin dall'avviamento. Prima ciò non era possibile, con il modulo elettrico che poteva entrare in gioco solo una volta raggiunta una determinata temperatura d'esercizio.

PIU' BIRRA Per la Porsche Cayenne Turbo diventa invece disponibile un nuovo pacchetto di elaborazione del motore che fa salire la potenza massima di 40 cv, fino a quota 540, con una coppia di 750 Nm. Grazie a nuove turbine in titanio e alluminio e a una centralina elettronica rimappata, la macchina può raggiungere i 281 km/h e scattare da 0 a 100 in 4,6 secondi, un decimo meno rispetto alla Cayenne Turbo di serie.

QUESTIONE DI PELLE Sempre a livello degli accessori si segnalano poi i freni carboceramici PCCB che hanno ora un diametro maggiorato fino a 420 mm. E siccome notoriamente anche l'occhio vuole la sua parte, ecco entrare nel listino optional pure nuove luci posteriori a Led brunite, un maggior assortimento di cuciture, pellami e finiture in legno per l'abitacolo, una leva del cambio in alluminio fresato e listelli sottoporta in acciaio o carbonio.


Pubblicato da Paolo Sardi, 20/04/2011
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox