Pubblicato il 10/11/20

NUOVA CB1000R 2021 Honda aggiorna l’ammiraglia della famiglia Neo Sports Café, la CB1000R, ovviamente seguendo la strada tracciata con il lancio di queste naked ispirate dal gusto retrò ma chiaramente moderne. La CB1000R è una nuda ad alte prestazioni, ma non cede al fascino dei 200 CV, si aggiorna nel motore, ora Euro 5, nella tecnologia di bordo e, chiaramente, anche nel look. Ecco gli ingredienti del model year 2021.

LOOK E DOTAZIONE

PIÙ AGGRESSIVA A primo sguardo il cambiamento non sembra così evidente, ma guardando con maggiore attenzione si nota che tante componenti sono state ridisegnate e nell’insieme la nuova Honda CB1000R 2021 ha un aspetto più aggressivo. Il faro dalla caratteristica forma tondeggiante è ora collocato a sbalzo, ha forma di goccia ed è inclinato all’indietro; i convogliatori del radiatore in alluminio sono molto più compatti e angolati in direzione di marcia, dettaglio ripreso anche dai coperchi dell’airbox. Totalmente inedito è il telaietto posteriore, ora di colore chiaro, e anche il porta-targa dalle dimensioni più compatte. Completano il pacchetto i cerchi a 21 razze.

MIGLIORE DOTAZIONE Al centro del ponte di comando della nuova Honda CB1000R 2021 sparisce il vecchio display a retroilluminazione negativa, al suo posto un ben più moderno e tecnologico display TFT. La strumentazione offre quattro diversi layout di visualizzazione in base alle preferenze del conducente – oltre a livello carburante, trip computer consumi, selezione del Riding Mode e spia del cambio marcia. La selezione avviene tramite i nuovi pulsanti situati sul blocchetto sinistro. Grazie al nuovo strumento e al sistema Honda Smartphone Voice Control system (HSVC), il pilota potrà gestire con la voce chiamate, messaggistica, musica e navigazione. Per utilizzare il sistema è necessario disporre di un sistema interfono per il casco e connettività Bluetooth.

MOTORE E PRESTAZIONI

EURO 5 Con l’Euro 5 le case hanno intervenire, chi più chi meno, sul proprio motore per poter rientrare nei limiti imposti dalla normativa inquanto a inquinamento ed emissioni. Molti hanno approfittato della situazione mettendo mano in maniera “invasiva”, aumentando cilindrata e cavalli, ma non Honda. La Casa di Tokyo era soddisfatta dell’equilibrio delle prestazioni e ha confermato in toto potenza massima e coppia, rispettivamente 145 CV a 145 CV (107 kW) a 10.500 giri/min e 104 Nm a 8.250 giri/min. Con la messa a punto del sistema d’inizione, il meglio di quest’ultima disponibile tra i 6.000 e gli 8.000 giri, esaltata anche dal sound di scarico, studiato per offrire un sound cupo e coinvolgente dopo i 5.500 giri/min. A proposito di scarico, le sonde lambda sono state sostituite con nuovi sensori LAF (Linear Air Flow in modo da consentire una misurazione più accurata dei gas e ridurre le emissioni inquinanti. Il motore vanta un consumo medio di 17,1 km/l (ciclo WMTC), migliorato rispetto ai precedenti 16,7 km/l.

RIDING MODE A comandare il motore c’è il proverbiale Throttle by Wire con le sue mappature motore, presenti già sul vecchio modello. Tre i riding mode preimpostati e uno completamente personalizzabile dall’utente. La mappa Rain ha un’erogazione dolce, alto livello di controllo di trazione e poco freno motore. In Strandard tutto è ottimizzato per un utilizzo più versatile possibile, mentre in Sport la CB1000R tira fuori gli attributi (o li fa tirare fuori a chi la guida?) e abbassa tutti i livelli d’intervento per garantire il massimo delle prestazioni. Ovviamente in User la scelta è del pilota, per poter cucirsi addosso la moto in base alle situazioni.

CICLISTICA

CONFERMATA Per il model year 2021 la ciclistica della CB1000R rimane sostanzialmente invariata, essendo risultata uno dei punti di forza del precedente modello anche nella nostra prova su strada (qui il link per leggerla). Il telaio ha struttura monotrave superiore in acciaio scatolato e piastre laterali in alluminio per serrare il perno del poderoso monobraccio lungo 574,2 mm. L’inclinazione del cannotto di sterzo è pari a 25° con avancorsa di 100 mm. L’interasse misura 1.455 mm e il peso con il pieno è di 212 kg. La distribuzione dei pesi anteriore/posteriore è 48,5%/51,5%.

GUIDA NATURALE Anche la triangolazione della posizione di guida è stata confermata. Rispetto ad altre naked d’ispirazione più sportiva è più rilassata e naturale, con il largo manubrio in alluminio e una seduta a 830 mm con tanto spazio per le ginocchia. La forcella regolabile è una Showa SFF-BP (Separate Function Fork – Big Piston). Ospita tutte le funzioni di smorzamento in un solo stelo, riducendo il peso e garantendo al contempo uniformità di risposta, comfort e controllo in tutte le condizioni di guida. L’ammortizzatore posteriore Showa presenta precarico e smorzamento in estensione regolabili. L’impianto frenante è composto da dischi flottanti di 310 mm morsi da pinze radiali a 4 pistoncini. Al posteriore, sul disco singolo da 256 mm agisce una pinza a 2 pistoncini. Il nuovo bellissimo cerchio posteriore a sbalzo a 21 razze ha canale da 6.00” e monta un largo pneumatico 190/55 ZR17 mentre all’anteriore c’è un tradizionale pneumatico 120/70 ZR17.

DATA D’ARRIVO, COLORI, PREZZO, ACCESSORI

BLACK JACK La CB1000R 2021 sarà disponibile in Italia nei seguenti colori e in una versione speciale:

  • Candy Chromosphere Red
  • Matt Beta Silver Metallic
  • CB1000R Black Edition

 

La Black Edition nasce sulla base della CB1000R standard, ma grazie a finiture e accessori “all black” assume un carattere più deciso. L’alluminio lucidato è ridotto a pochissime compontenti – razze centrali dei cerchi, contorni delle piastre pivot, coperchio frizione, lati dei cilindri e piastra blocca manubrio – il resto è tutto di colore nero: profilo del faro, mini‑cupolino, piastre della forcella, convogliatori del radiatore e coperchi airbox (con finitura anodizzata), collettori di scarico e silenziatore. La verniciatura in Deep Graphite Black adorna il serbatoio carburante e la cover monoposto. Inoltre, il cambio Quickshifter è montato di serie. In più punti, il logo “CB” lavorato rifinisce il tutto. Al momento non sappiamo ancora né quando arriverà nei concessionari, né il suo prezzo ma non mancheranno aggiornamenti a riguardo.

 

SCHEDA TECNICA

 

Motore

4 cilindri in linea, bialbero a 4 valvole per cilindro, Euro5

Cilindrata

998 cc

Alesaggio x corsa

75 x 56,5 mm

Rapporto di compressione

11,6 : 1

Potenza massima

145 CV (107 kW) @ 10.500 giri/min

Coppia massima

104 Nm @ 8.250 giri/min

Alimentazione

Iniezione elettronica Honda PGM-FI

Capacità serbatoio

16,2 litri

Consumi

17,1 km/l (ciclo medio WMTC)*

Avviamento

Elettrico

Capacità batteria

12V/8.6AH

Frizione

Multidisco in bagno d’olio, assistita e con antisaltellamento

Cambio

A 6 rapporti

Trasmissione finale

A catena

Telaio

Monotrave superiore in acciaio scatolato con piastre laterali in alluminio

Dimensioni (LxLxA)

2.120 x 789 mm x 1.090 mm

Interasse

1.455 mm

Inclinazione cannotto di sterzo

25°

Avancorsa

100 mm

Altezza sella

830 mm

Altezza da terra

135 mm

Peso con il pieno

212 kg

Peso senza benzina

201 kg

Sospensione anteriore

Forcella Showa SFF-BP USD pluriregolabile, escursione ruota 120 mm

Sospensione posteriore

Ammortizzatore Showa regolabile, escursione ruota 131 mm

Cerchi

In alluminio pressofuso a 7 razze ramificate

Pneumatico anteriore

120/70 ZR17

Pneumatico posteriore

190/55 ZR17

Tipo ABS

A due canali

Freno anteriore

Dischi flottanti da 310 mm con pinze ad attacco radiale a 4 pistoncini

Freno posteriore

Disco da 256 mm con pinza 2 pistoncini

Strumentazione

TFT a colori da 5” con connettività Honda Smartphone Voice Control system

Luci

Full-LED

TUTTE LE NOVITÀ HONDA 2021

Quest'anno non ci sarà Eicma, per questo le Case hanno presentato virtualmente - e non solo - le novità per il 2021 che vi elencheremo qui sotto:


TAGS: novità honda 2021 nuova honda cb1000r black edition honda cb 1000 r 2020 honda cb1000r 2019 cb 1000 r 2020