Autore:
danilo chissalè

ADDIO PIACERE Bella la tecnologia, ci semplifica ogni operazione durante la giornata: dalla telefonata alla preparazione del pranzo. Tutto è sempre più autonomo, indipendente e delegato. Anche le auto si stanno lentamente convertendo al passaggio da volante e pedali al touchscreen dove impostare la destinazione, trasformandosi in autobus privati, privati anche del piacere di guida. Le moto no! Resisteranno… Forse. Proprio in questi giorni BMW sta testando in una zona segretissima della Germania una speciale versione della sua R 1200 GS a guida autonoma.

E IO CHE FACCIO? Guardando le immagini del video si nota una moto in grado di partire, curvare, frenare e infine fermarsi in totale autonomia. E il pilota? Non contemplato. A cosa servirà la guida autonoma per le moto? Ancora non è dato sapersi, la tecnologia ha un potenziale enorme e gli aiuti alla guida farebbero certamente comodo ai centauri di oggi alle prese con automobilisti distratti e pericoli di ogni genere, ma così forse si sta esagerando. “Ehi GS, vammi a comprare un litro di latte ed il pane, io sto qui a guardare un po’ di TV. Ah portami il resto !”.


TAGS: bmw r 1200 gs bmw moto bmw moto guida autonoma r 1200 gs guida autonoma moto senza conducente