Pubblicato il 09/09/20

TRE QUARTI DI STRADA INSIEME Domenica la Scuderia Ferrari spegnerà 1000 candeline virtuali sulla gigantesca torta per festeggiare le sue presenze in Formula 1, un traguardo storico che un partner altrettanto storico come la Brembo - l'azienda bergamasca che fornisce le componenti frenanti alla maggior parte dei team di Formula 1 - ha voluto festeggiare snocciolando record e curiosità di una collaborazione che dura ormai da ben 776 gare, e che toccherà quota 777 proprio questa domenica al Mugello, in occasione del GP della Toscana - Ferrari 1000.

DISCHI E PINZE La partnership tra Ferrari e Brembo è iniziata nel 1975, con gli esordi dell'azienda bergamasca. A quel tempo fu una piccola fornitura di dischi in ghisa a dare il via al tutto, e allora era quasi impensabile pensare che quello sarebbe stato l'inizio di una collaborazione così solida e duratura sul palcoscenico più importante tra tutti. Dopo i dischi sono arrivate, negli anni Ottanta, le componenti idrauliche dell'impianto frenante, ossia le pinze freno. A quell'epoca tutti usavano solo pinze assiali, ma i tecnici Brembo introdussero una pinza radiale a 4 pistoni, composta da due semi-pinze fuse in alluminio e accoppiate meccanicamente. Fu la Ferrari a portarla al debutto, e solo dopo un paio di campionati arrivò anche per i team concorrenti.

DALLA PISTA ALLA STRADA Sempre negli anni Ottanta è arrivata la pinza monoblocco, fatta debuttare nel 1988 dalle F187/88C di Michele Alboreto e Gerhard Berger. La lavorazione dei pistoni in una pinza monoblocco, considerata impossibile da realizzare sino ad allora, permise di aumentare la rigidezza del componente, limitando i problemi di dilatazione. Con gli anni Brembo ha allargato le sue competenze a tutti gli altri elementi che compongono l'impianto frenante e a partire dagli anni Novanta si è occupata della fornitura di tutte le componenti frenanti delle vetture stradali di Maranello.

Ferrari F50 GT1 allo Yas Marina Circuit

GRANDI NUMERI Ma sono sempre i numeri a dare la misura della grandezza e della solidità della partnership tra Brembo e Ferrari: dei mille GP della Ferrari in 776 occasioni (777 con il GP Toscana 2020) una o più monoposto del Cavallino hanno preso il via utilizzando componentistica frenante made in Brembo.​ La Scuderia Ferrari non è però solo la squadra ​più presente in Formula 1 ma anche la più vincente.​ Enzo Ferrari, amava dire: «La vittoria più bella è quella che deve ancora arrivare». A questo palmares ha contribuito in maniera significativa Brembo, presente sulle Rosse in occasione di 186 delle 238 vittorie Ferrari, pari al 78,15% del totale. ​Degno di nota è pure il contributo di Brembo ai titoli iridati vinti: 14 Mondiali Costruttori e 9 Mondiali Piloti conquistati, ossia 23 sui 31 complessivi della Scuderia Ferrari, pari al 74,19% del totale. ​


TAGS: ferrari brembo scuderia ferrari GP Toscana Ferrari 1000 GP Toscana 2020 TuscanGP 2020 Ferrari 1000