Autore:
Raffaele Gomiero

FA IL LAVORO DI 150 COMPUTER Si chiama Drive PX 2 ed è stavo sviluppato da Nvidia per gestire completamente le future auto a guida autonoma. I numeri sono impressionanti; potenza di calcolo di 8 teraflop e cpu a 12 core. Per usare un termine di paragone può fare il lavoro di 150 MacBook Pro, talmente potente che deve essere raffreddato a liquido per poter funzionare al massimo delle prestazioni.

VEDE TUTTO Tutta questa potenza serve a calcolare in tempo reale tutto l’ambiente che sta intorno all’auto, analizzando le immagini di al massimo 12 videocamere e le informazioni che vengono trasmesse da radar e sensori vari, in modo che il sistema non solo possa riconoscere la strada e gli altri veicoli ma anche percepire eventuali pericoli derivanti da pedoni di fretta, ciclisti spericolati o addirittura da un asfalto particolarmente scivoloso e con buche profonde.  

VOLVO LA PRIMA La Volvo sarà sicuramente la prima a implementare il Drive PX 2 sulle sue auto future, ma Nvidia sta già trattando anche con altri colossi come BMW, Mercedes, Ford e Audi - tanto per citarne alcuni - e quindi è molto probabile che di Drive PX 2 in giro ne vedremo un bel po’.


TAGS: volvo ces guida autonoma ces las vegas 2016 ces 2016 auto del futuro nvidia drive px 2