Autore:
Matteo Larini

MALE ROSSI In uno dei fine settimana in cui era riuscito ad ottenere l'accesso diretto alla Q2, il pesarese Valentino Rossi non è invece riuscito a capitalizzare questo vantaggio in qualifica, ottenendo una decima posizione sicuramente ben poco soddisfacente, soprattutto alla luce della seconda piazza di Quartararo e della quarta di Vinales. Un lato positivo, però, c'è: il passo gara è buono e il distacco dalla seconda posizione è di circa tre decimi, che non sono tantissimi. Il vero problema, per l'italiano, è che il livello attuale della MotoGP è talmente elevato che in pochi decimi ci sono molti piloti, a differenza di pochi anni fa.

ROSSI DECIMO Valentino, intervistato dai colleghi di Sky, ha ammesso che la Soft non è la sua gomma preferita, e che un errore ha condizionato il risultato:"Andavo meglio con la Media, era da fare due medie ma purtroppo non ne avevamo più. Nella seconda ho messo la Soft, ma con la Soft sono un po' più in difficoltà rispetto alla Media. Purtroppo avevo il giro giusto ma alla curva 3 ho commesso un errore, sono andato largo ed ho perso due decimi, da lì in poi è stata dura perché dal quarto posto, anche dal secondo, siamo tutti attaccati".

BUON PASSO L'italiano, però, spera di fare meglio domani, perché il suo passo è buono e costante: "Partire decimo non mi rende contento, quarta fila è dura, avrei preferito partire più avanti, perché in realtà il mio passo non è male. Nelle FP4 è andata peggio perché abbiamo usato delle gomme vecchie di 15 giri quindi è normale aver rallentato, però dai, siamo abbastanza competitivi, il passo è costante. Speriamo di fare una bella partenza domani e vediamo le condizioni, vediamo se riusciamo a stare con quelli davanti".

BENE PECCO Se Rossi è stato deludente, il campione della Moto2 Francesco Bagnaia è stato bravissimo, ed ha ottenuto una seconda fila che vale oro, dopo le tante peripezie della prima parte del campionato. Il torinese sembra aver trovato il giusto feeling con la Desmosedici, ed ai microfoni di Sky ha spiegato il perché: "Da Brno, da essere ultimi il venerdì abbiamo fatto dei passi in avanti, abbiamo lavorato tanto, magari abbiamo tranquillità, che aiuta sempre. In questo weekend siamo andati bene, sappiamo che questa moto è adatta a questo circuito, magari è stata questa la chiave per trovare feeling con la moto. Mi trovo bene sul davanti, giro molto quando rilascio i freni: avevo bisogno di questo".

MEDIA OK Il campione piemontese ha poi sottolineato che ottenere il quinto tempo senza usare la Soft al posteriore indica chiaramente il suo livello di competitività:  "Quando abbiamo fatto il time attack in Q1, sapevamo che avremmo avuto un po' di grip in più in Q2 con la media, ce la siamo giocata ed è andata bene, partire quinti è una gran cosa. Mi sono divertito oggi, sono contento perché essere quinti con la media da gara vuol dire che abbiamo lavorato nel modo giusto e siamo inquadrati per domani".

CADE PETRUX Atteso ad una grande prestazione sulla pista amica dello Spielberg, Danilo Petrucci non è andato oltre la quarta fila, che lo costringerà ad andare all'attacco domani per provare a lottare per le prime posizioni. Il ternano, che purtroppo è rovinosamente caduto alla curva 4 nel corso delle qualifiche, scatterà 12°, ma si augura di far meglio durante la corsa, visto il buon passo mostrato nelle prove: "Ovviamente sono molto dispiaciuto per la caduta in Q2, anche perché oggi avevamo dimostrato di avere un buon passo. Partire così indietro sicuramente non ci aiuterà e dovrò cercare di recuperare posizioni nei primi giri. Con la squadra avevamo lavorato bene, ma chiaramente la caduta ha complicato le cose: stavo spingendo molto, ho fatto un errore e sono scivolato. Peccato, ma adesso sono molto motivato: come ho detto abbiamo un buon passo e oggi sono stato veloce anche con il caldo, e questo mi dà fiducia per domani".

 

 


TAGS: italia motogp valentino rossi danilo petrucci gp austria francesco bagnaia motogp 2019 AustrianMotoGP 2019