Motomondiale, la cronaca del Gran Premio d'Argentina 2022 della classe MotoGP
MotoGP 2022

MotoGP Argentina 2022, Aleix Espargarò fa la storia: prima vittoria Aprilia!


Avatar di Simone Valtieri , il 03/04/22

1 mese fa - Poker spagnolo in Argentina con Aleix Espargarò che scrive la storia

Poker spagnolo in Argentina con Aleix Espargarò che doma Jorge Martin, Alex Rins e Joan Mir! Quinto posto positivo per un Bagnaia in crescita
Benvenuto nello Speciale MOTOGP ARGENTINA 2022, composto da 16 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario MOTOGP ARGENTINA 2022 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

LA PRIMA VITTORIA! Quella del Gran Premio d'Argentina è una gara storica! Aleix Espargarò ottiene il primo successo personale in MotoGP, e porta l'Aprilia per la prima volta nella sua gloriosa storia a vincere anche in MotoGP, dopo aver dominato in lungo e largo in passato tra 125 e 250! Al termine di una gara tiratissima Aleix, in lacrime dopo il traguardo, supera un coriaceo Jorge Martin e vince meritatamente, davanti anche a un bravissimo Alex Rins, che con un paio di giri in più avrebbe potuto dire la sua. Bravo anche Mir, quarto e ultimo anello del poker spagnolo, quinto Pecco Bagnaia, che sta piano piano ritrovando la via giusta e chiude innanzi a Binder, Vinales e Quartararo! Altri italiani da segnalare: Bezzecchi bravissimo nono, davanti a Bastianini e Marini. In una classifica strettisima, Aleix Espargarò è il nuovo leader iridato!

SUPER MARTIN! Allo spegnimento dei semafori scatta come un fulmine Jorge Martin con la Ducati che prende un margine visivo su Aleix Espargarò e Luca Marini! Alle loro spalle Alex Rins parte bene e dopo aver passato Pol Espargarò, diventa quinto davanti anche a Vinales. Quartararo, invece, scatta male ed è dodiceismo al termine del primo giro dietro anche a Mir, Binder, Bastianini e Bagnaia. Nel corso del secondo giro Pol Espargarò passa Rins e Marini e si mette in terza posizione mentre anche Mir risale fino alla sesta piazza superando Vinales. Si ritira nel corso del primo giro per problemi tecnici Andrea Dovizioso. Prova a risalire anche Pecco Bagnaia, che dopo i primi due giri sale fino alla nona posizione.

DUE IN FUGA! Mentre i due spagnoli su moto italiane, Jorge Martin (Ducati) e Aleix Espargarò (Aprilia), sembrano riuscire a scappare, alle loro spalle si incarica dell'inseguimento Pol Espargarò, con Alex Rins che supera Luca Marini e completa un provvisorio poker iberico. Marini è quinto, e tiene dietro altri due spagnoli, Mir e Vinales. Chiudono la top ten dopo 4 giri: Binder, Bagnaia e Bastianini, con Quartararo che lotta per la 12° posizione con Zarco, dietro a Nakagami. Al quinto giro Johann Zarco scivola ed è il secondo ritirato della gara, lasciando così la 12° piazza a Quartararo. A suon di giri veloci, intanto, se ne vanno davanti Martin ed Espargarò, prendendo 2'' di margine su un gruppo piuttosto stiracchiato che va dal terzo al nono posto. A 19 giri dal termine Pecco Bagnaia supera Brad Binder, proprio mentre Franco Morbidelli si ritira anch'esso per problemi tecnici.

TANTA SPAGNA A 17 giri dal termine i due iberici Martin e Aleix Espargarò hanno 2 secondi di margine su un'altra coppia spagnola formata da Alex Rins e Pol Espargarò, con il pilota della Suzuki che sale sul podio virtuale. Poi ci sono Mir, Marini, Vinales e Bagnaia a lottare per la quinta posizione in un pacchetto di mischia dal quale il campione del mondo 2020 prova a staccarsi per andare a caccia del podio. La lotta più divertente in pista in questa fase è quella tra Vinales e Marini, che si sorpassano numerose volte, senza che Bagnaia riesca però ad approfittarne. Intanto alle spalle dei primi nove c'è Enea Bastianini, staccato da Binder e con alle spalle una tigre in gabbia come Quartararo.

ERRORE E RIMONTA A seguito di un errore Aleix Espargarò perde circa un secondo da Jorge Martin che può respirare un po', mentre alle loro spalle risale veloce Joan Mir, che dalla quinta posizione vede la coppia formata da Alex Rins e Pol Espargarò poco lontana. In sesta posizione Bagnaia si unisce alla bagarre di Marini e Vinales, con Binder incollato ed Enea Bastianini poco lontano. Davanti, intanto, torna a martellare Aleix Espargarò che in un paio di giri annulla il gap generato dall'errore e quando ne mancano 12 alla bandiera a scacchi, torna nel codone della Ducati di Martin. Nello stesso giro Pecco Bagnaia riesce a passare Luca Marini, mettendosi a pressare Vinales, alla miglior gara da quando è in Aprilia.

VEDI ANCHE



CADE POL!  Mentre Luca Marini perde una posizione anche su Brad Binder, e davanti Martin e Aleix Espargarò continuano a fare un mestiere a parte, Alex Rins con la Suzuki stacca un po' Pol Espargarò con la Honda che per seguire il suo connazionale, sbaglia e cade, rovinando una bella gara. Ne approfittano Mir, Vinales, Bagnaia e Binder che salgono nelle posizioni dalla 4° alla 7°. Dietro di loro Enea Bastianini raggiunge Marini ma deve guardarsi le spalle da un Quartararo che sembra aver trovato un po' di passo. Il sorpasso avviene a 10 giri dal termine, ma Bastianini va largo e sprofonda in 13° posizione, lasciando la nona a Quartararo. Si fa vedere un altro italiano alle soglie della top ten: Bezzecchi, 11° e non lontano dal compagno del team VR46.

APRILIA VS DUCATI Quando mancano nove giri alla fine Jorge Martin e Aleix Espargarò sono di nuovo appiccicati, e nell'aria c'è quel profumo di bagarre che potrebbe innescarsi a breve. E infatti quando mancano 8 giri Aleix passa Jorge in rettilineo, ma va lungo e gli cede nuovamente la leadership. Dietro di loro, viaggiano sgranati Rins, Mir, Vinales e Bagnaia. Quartararo, intanto, passa Marini e diventa ottavo mentre Bezzecchi supera Nakagami ed è decimo, alle spalle del compagno. Bastianini è attaccato a questo trenino, ma ancora 12° dopo l'errore che l'aveva fatto sprofondare, ma ci mette poche curve a superare anch'esso Nakagami. Davanti, intanto, va in onda un secondo tentativo in fotocopia di Aleix Espargarò su Jorge Martin, con lo stesso identico esito.

OCCHIO ALLE SUZUKI Delle schermaglie tra Martin ed Espargarò sembra approfittarne la Suzuki con Rins che si riporta a un secondo e spicci dalla vetta e Mir che non è lontano dal compagno. Al terzo tentativo Aleix Espargarò riesce a passare davanti al connazionale e sembra anche potersene andare via, quando mancano 5 giri al traguardo. Dietro di loro Bagnaia raggiunge Vinales mentre ancora dietro, Bezzecchi e Bastianini diventano nono e decimo, approfittando del calo di gomme di Marini. Non riesce ad andare via Aleix Espargarò e Martin gli rimane attaccato, mentre dietro di loro Alex Rins torna entro il secondo di margine, a soli 8 decimi dai due!

TRIPLETTA SPAGNOLA, APRILIA STORICA! Mancano due giri alla fine ed Aleix Espargarò è ancora davanti a Jorge Martin di un'incollatura, con Rins sempre più minaccioso alle loro spalle. Comincia l'ultimo giro ma Aleix Espargarò mette dentro quei due decimi che aveva in tasca e si mette al riparo dall'assalto di Martin! Bagnaia e Binder superano entrambi Vinales ma le telecamere sono tutte, giustamente, per Aleix Espargarò che è autore di un ultimo giro da poesia per andare a vincere la prima gara di sempre in MotoGP per lui e per l'Aprilia! Alle sue spalle Martin, Rins e Mir per un poker tutto spagnolo. Ottimo quinto Bagnaia, davanti a Binder, Vinales, Quartararo, Bezzecchi (!), Bastianini e Marini! A punti anche Nakagami, Oliveira, Miller e Marquez. 

Clicca qui per tutti i risultati del weekend del Gran Premio d'Argentina 2022


Pubblicato da Simone Valtieri, 03/04/2022
Tags
MotoGP Argentina 2022
Logo MotorBox