Autore:
Giulio Scrinzi

PRIMA E ULTIMA FILA La sfortuna ha preso di mira la Scuderia Ferrari, o quantomeno Sebastian Vettel dal momento che il tedesco è stato costretto a ritirarsi dalle qualifiche malesi per un problema alla turbina della sua SF70H, che ha perso improvvisamente pressione e potenza e lo ha obbligato a un mesto ritiro ai box senza nemmeno permettergli di partecipare alla Q1. Con questo duro colpo domani il pilota di Heppenheim partirà dal fondo dello schieramento, mentre sarà chiamato a tenere alto l'onore del Cavallino Rampante il suo compagno di squadra, un Kimi Raikkonen capace di arpionare la seconda posizione in griglia dalla quale battaglierà con il poleman Lewis Hamilton.

SEBASTIAN VETTELVerso metà giro d'allineamento ho notato che la mia Ferrari perdeva potenza, così ho deciso di tornare ai box per verificare il problema. Il componente incriminato è stato il turbo montato sulla power unit numero 4, che ha perso pressione e mi ha costretto a ritirarmi dalle qualifiche. In questo modo siamo costretti a partire dalle retrovie, ma in gara domani tutto potrà accadere perchè io ho intenzione di lottare in ogni caso”.

KIMI RAIKKONENLa mia Ferrari si è dimostrata molto competitiva, però è stato un peccato non aver centrato la pole position per così poco. Tuttavia sono convinto che domani avremo un'ottima opportunità di poter fare bene. La gara è lunga, inoltre dovremo tener conto del meteo e soprattutto della partenza: speriamo che nessuno mi colpisca da dietro...(palese il riferimento a Max Verstappen che partirà dalla terza casella)”.


TAGS: formula 1 sebastian vettel kimi raikkonen f1 F1 2017 scuderia ferrari formula 1 2017 f1 2017 gp malesia