Autore:
Daniele Zeri

ESPANSIONE DEL CALENDARIO In seguito allo straordinario successo della stagione di debutto, il campionato interamente femminile W-Series continua a guadagnare consensi ed espande il proprio calendario da 6 a 8 gare per la sua seconda stagione. Per la prima volta, la W-Series sarà parte del weekend della Formula 1, assumendo il ruolo di principale evento di contorno della massima formula ai prossimi GP di Stati Uniti (Austin) e Messico (Autodromo Hermanos Rodriguez). La notizia circolava da diverso tempo ma solo adesso è finalmente ufficiale: ''Siamo felici di accogliere la W-Series per due spettacolari eventi nel campionato del mondo di Formula 1'', ha commentato Ross Brawn, managing director delle operazioni di motorsport della F1.

F1, il Circuit of the Americas di Austin

MOSSA STRATEGICA ''In un solo anno, la W-Series ha contribuito sensibilmente ad aumentare l'interesse per il tema della diversità e dell'inclusione nel motorsport. Siamo convinti che il nostro sport debba offrire pari opportunità a uomini e donne di competere sullo stesso livello: non è una coincidenza che aumentare la diversità della griglia della F1 rappresenti uno dei nostri obiettivi strategici'', ha aggiunto l'ingegnere ex Ferrari, BrawnGP e Mercedes. L'espansione del calendario oltreoceano è stata una mossa fortemente voluta da Catherine Bond Muir, CEO di W-Series, e David Coulthard, consulente del campionato. ''Siamo contentissimi di essere accolti dalla Formula 1 già dal nostro secondo anno'' - ha dichiarato Bond Muir. ''Sono particolarmente soddisfatta dell'espansione al di fuori dei confini europei. Gli Stati Uniti e il Messico sono territori molto importanti per noi e la piattaforma della Formula 1 contribuirà ad aumentare l'interesse e l'entusiasmo di media e spettatori per il nostro campionato''. Commercialmente, il round americano si rivela particolarmente importante per massimizzare il ritorno dell'investimento del nuovo sponsor della serie, la anglo-americana ROKiT.

LA MENTE DIETRO L'ACCORDO L'ex pilota di Formula 1 David Coulthard, vero artefice dell'accordo, ha inoltre commentato che ''l'aggiunta di due round nel programma della Formula 1 è uno sviluppo impressionante e dimostra chiaramente come la W-Series sia stata largamente accolta nell'ambiente del motorsport”. “Nei miei 246 Gran Premi tra il 1994 e il 2008 non ho mai corso a Austin o a Città del Messico, non essendo all'epoca parte del calendario della F1. Ma ho avuto modo di commentare svariati Gran Premi recentemente e posso dire che si tratta di due splendidi circuiti'', ha aggiunto lo scozzese. Entrambi i round compaiono tra i Gran Premi più visitati dal pubblico nel 2019: l'Autodromo Hermanos Rodriguez ha segnato una presenza di pubblico di 345mila spettatori nel 2019 (secondo solo a Silverstone), mentre ad Austin si sono registrati 268mila spettatori (dati F1.com).

F1, il circuito Hermanos Rodriguez di Città del Messico

IL CALENDARIO DEFINITIVO La W-Series concluderà quindi la propria seconda stagione con un back-to-back nell'ultima settimana di ottobre, circa un mese dopo il round di Assen. Si va dunque a completare un calendario molto vario, che include un interessante mix di circuiti di nuova costruzione (il Circuito delle Americhe è stato completato nel 2012), con tracciati su cui si è scritta la storia dell'automobilismo: Città del Messico ospitò il primo GP di Formula 1 nel 1963, vinto da Jim Clark su Lotus. ''Due dei miei ricordi più cari sono legati a questo tracciato: le vittorie di Senna e Prost del 1988 e 1989, entrambi su McLaren'', ha ricordato Dave Ryan, oggi direttore sportivo della W-Series e all'epoca parte del management del team di Woking. Il campionato inizierà il 30 maggio a San Pietroburgo, Russia, sul nuovissimo impianto di Igora Drive.

W-Series a Brands Hatch

Calendario completo della stagione 2020:

Data Paese Sede
30/05 Russia San Pietroburgo
13/06 Svezia Anderstorp
27/06 Italia Monza
11/07 Germania Norimberga
23/08 Gran Bretagna Brands Hatch
05/09 Olanda Assen
24/10 Stati Uniti Austin
31/10 Messico Città del Messico

TAGS: formula 1 f1 f1 2020 W-Series W-Series 2020 Calendario W-Series