Daniele Zeri
Pubblicato il 04/06/20

NIENTE GARE IN PISTA NEL 2020 La W Series, campionato di Formula 3 femminile inaugurato nel 2019, ha annunciato che non ci sarà nessuna gara in pista nel 2020 a causa della crisi CoViD-19. La serie, dopo una stagione di enorme successo, aveva pianificato un allargamento da sei a otto eventi con due round in supporto della Formula 1 ai Gran Premi di Stati Uniti e Messico. In quanto categoria di supporto del DTM, W Series è sempre rimasta in contatto con FIA, ITR (il promoter del popolare campionato tedesco per vetture turismo) e con la F1, dovendo infine alzare bandiera bianca a causa delle difficoltà logistiche causate dallo status internazionale del campionato. Il DTM ha rivelato l'ennesimo calendario provvisorio in cui compariva come categoria di supporto solamente il DTM Trophy in sei dei dieci round previsti, corsi esclusivamente in tre nazioni confinanti (Germania, Belgio, Olanda) per evitare spostamenti non necessari. Notizia, questa, che aveva di fatto preannunciato il futuro del campionato 2020 della serie del motorsport tutta al femminile.

W-Series 2019, monoposto in pit lane a Misano Adriatico

UNA DECISIONE DIFFICILE “Dopo il successo del 2019, la nostra decisione di non avere gare in pista fino al 2021 non è stata facile” - ha dichiarato Catherine Bond Muir, CEO del campionato. “W Series è un movimento globale che esiste per supportare le carriere di donne pilota in tutto il mondo e per far nascere l'interesse e l'entusiasmo per il motorsport tra le ragazze e donne di ogni luogo del pianeta. Le 18 partecipanti che si sono qualificate per competere nel 2020 rappresentano dodici paesi nel mondo e gli otto circuiti su cui avremmo dovuto gareggiare sono localizzati in Europa occidentale, Europa orientale, Nord America e America centrale. Portare a compimento un calendario internazionale di questo tipo, così da amplificare il nostro messaggio di diversità e inclusione a livello globale e allo stesso tempo dare la priorità alla salute e alla sicurezza dei nostri piloti, dipendenti e di tutte le persone che rendono possibili gli eventi della W Series durante una pandemia globale, necessita di risorse fuori dalla portata di una start-up coraggiosa come la nostra. Ora che abbiamo preso questa decisione difficile ma inevitabile per mettere termine all'incertezza sui nostri piani nel 2020, concentreremo le nostre energie sul 2021, quando torneremo in circuito con un programma migliore e più vasto.”

W-Series 2020, Jamie Chadwick al simulatore

SBARCO ONLINE La W Series is focalizzerà ora su una stagione interamente virtuale nel 2020 – la W Series Esports League – il primo campionato di simracing interamente femminile, prima di tornare in autodromo nel 2021 con almeno altre due gare in concomitanza con la F1, come confermato da Ross Brawn, managing director della F1. “Nel frattempo, quest'anno, rimaniamo impegnati nello sviluppo dei nostri piloti e con l'intrattenimento dei nostri fans in tutto il mondo” - ha aggiunto Bond Muir. “Con questo scopo, stiamo facendo progressi con l'organizzazione di un innovativo campionato online, la W Series Esports League, che inizierà giovedì11 giugno. Il nostro management, tra cui l'ex pilota di F1 David Coulthard e il nostro race director Dave Ryan, continuerà a fornire alle pilote tutti i suggerimenti necessari per progredire nelle loro carriere”.

W-Series 2019, Jamie Chadwick in pista a Misano

10 ROUND SULLE MIGLIORI PISTE VIRTUALI Tutte le 18 pilote selezionate per il campionato – più l'aggiunta di due partecipanti alla scorsa stagione, Gosia Rdest e Caitlin Wood – saranno al via del campionato virtuale sul circuito di Monza tra una settimana. Adattandosi alla soluzione già sperimentata da campionati come IndyCar, NASCAR, F1 e Formula E, la W Series si unisce quindi alla lista delle gare virtuali che hanno visto un eccezionale incremento di popolarità negli ultimi mesi. Le competizioni si terranno sulla popolare piattaforma di iRacing e potranno contare sulla partnership con Logitech, la quale fornirà alle partecipanti una postazione e hardware identico per tutte. Il calendario del campionato virtuale comprende 10 eventi su alcuni dei circuiti più leggendari del motorsport: dal Tempio della Velocità nostrano passando per Spa Francorchamps, Brands Hatch, Interlagos, Suzuka, Bathurst, e il mitico Nurburgring Nordschleife. La stagione si chiuderà il 13 agosto sulla versione virtuale del circuito di Silverstone. Le gare saranno visibili sulle piattaforme social (Youtube, Twitch e Facebook) del campionato


TAGS: W-Series W-Series 2020 Calendario W-Series Coronavirus CoViD-19