Prossimamente

Lancia Grand Voyager


Avatar di Luca Cereda , il 15/02/11

10 anni fa - La monovolume americana si veste all'italiana e sfila a Ginevra per la prima volta.

Si chiamerà Lancia Grand Voyager la sostituta della Phedra, che ricicla nome e dimensioni dalla gemella americana ma debutta con ritocchi all'italiana.

Benvenuto nello Speciale TUTTO SUL MOTOR SHOW 2011, composto da 46 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario TUTTO SUL MOTOR SHOW 2011 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

RICICLO Dopo la Freemont, lo scambio di gagliardetti tra Chrysler e Fiat si ripete sulla Lancia Grand Voyager, che verrà presentata in anteprima al salone di Ginevra. Stavolta è lo scudetto Lancia che va ad appiccicarsi alla calandra della monovolume king-size americana disegnando l’auto che, di fatto, prende il posto della vetusta Phedra nel listino torinese.

FALLI SPARIRE “Grand” di nome e di fatto, la Lancia Grand Voyager misura 5,14 metri in lunghezza, 1,99 in larghezza e 1.72 m in altezza, con un passo di circa 3,1 metri: numeri quasi identici alla progenitrice americana che le consentono di organizzare lo spazio interno su tre file, con la terza che mantiene la furba soluzione a scomparsa sotto il pianale di carico qualora si voglia aumentare la volumetria del bagagliaio. Le portiere sono scorrevoli e a comando elettrico, come sull’americana.

VEDI ANCHE



MULTIMEDIALE Tra le due, la vecchia americana e la nuova italiana, piccole differenze stilistiche passano anche dal disegno del paraurti e – ci fidiamo sulla parola in attesa di foto – nei contorni del portellone munito di spoilerino. Tre gli allestimenti previsti: Silver, Gold e Platinum; tra dotazioni rivolte al comfort spicca il sistema multimediale Uconnect Tunes (con radio CD-MP3, ingressi AUX e USB, hard-disk da 30 GB, display touch-screen con ParkView, dispositivo UConnect e Bluetooth). A richiesta, dietro i sedili posteriori spuntano due monitor LCD da 9” dotati di cuffie wireless per tenere a bada i bambini.

UNO CIASCUNO Le motorizzazioni di lancio della nuova monovolume torinese saranno due: diesel 2.8 CRD da 163 cavalli e  benzina V6 da 3.6 litri di cilindrata capace di una potenza massima di 283 cavalli e di una coppia di 305 Nm. I consumi dichiarati si assestano, rispettivamente, intorno agli 8,5 litri ogni 100 km per il diesel, e ai 12,3 litri/100 km per il benzina.


Pubblicato da Luca cereda, 15/02/2011
Tutto sul Motor Show 2011
Logo MotorBox