Pubblicato il 16/04/21

SUPER PECCO! Si abbassano i tempi nella seconda sessione di prove libere del Gran Premio del Portogallo. Le previsioni meteo, che davano pioggia sulla pista di Portimao, hanno fortunatamente sbagliato di qualche minuto, e così i piloti hanno potuto correre su un asfalto in condizioni migliori rispetto a quello della mattinata, valicando la barriera dei 100 secondi netti (1:39.407 il miglior tempo delle FP2 2020 di Johann Zarco con la  Ducati). Il migliore questo pomeriggio è stato Francesco Bagnaia, che con la sua Ducati è sceso a 1:39.866, precedendo di appena 38 millesimi il francese della Yamaha, Fabio Quartararo e di ben 4 decimi la Suzuki del campione del mondo Joan Mir.

BRAVO MARQUEZ! Rispetto alla mattina Marc Marquez fa più fatica, ma resta nelle zone altissime della classifica, con un sesto posto a 473 millesimi dalla vetta, mettendosi con la sua Honda in scia alla Suzuki di Alex Rins (+0''462) e alla Ducati di Jack Miller (0''470). Nei primi dieci ci sono anche Maverick Vinales con la seconda Yamaha, a 560 millesimi da Bagnaia, poi il leader iridato Johann Zarco (Ducati) a 6 decimi, il padrone di casa Miguel Oliveira (KTM) a 7 decimi, e il giapponese Taka Nakagami con la Honda, anch'egli a 7 decimi. A inizio sessione il giapponese si è peraltro reso protagonista di una caduta spettacolare, quando si è chiuso l'anteriore della sua Honda poco prima della discesa in fondo al rettilineo. Forte botta alla mano per il pilota che è tornato in sella nei 10 minuti finali con la seconda moto, visto che la prima si è distrutta nel volo sulla ghiaia (qui sotto il filmato).

DIFFICOLTÀ PETRONAS Subito fuori dai dieci ci sono i due fratelli d'arte di questa MotoGP, 11° Alex Marquez e 13° Luca Marini, bravissimo a restare entro il secondo dalla vetta con la sua vecchia Ducati. Tra loro c'è la quarta Honda, quella di Pol Espargaro, mentre per trovare gli altri italiani bisogna scendere al 15° posto di Valentino Rossi a 1''2 da Bagnaia, con un buon Lorenzo Savadori (Aprilia) subito dietro e poi il terzetto composto da Petrucci, Morbidelli (che non ha provato il time attack, lavorando sul setup) e Bastianini dalla 18° alla 20° posizione. A parte Marini (a 9 decimi da Bagnaia), in difficoltà gli altri due rookie tra cui proprio Enea Bastianini (a 1''9) e Jorge Martin (ultimo a 3'') su una pista che affrontano per la prima volta con una MotoGP. Nel finale da segnalare anche la caduta di Aleix Espargaro con l'Aprilia, comunque 14° non lontano dalla virtuale qualificazione alla Q2. Domani mattina, per l'appunto, nel corso delle FP3 si decideranno i qualificati diretti alla fase decisiva della qualifica, l'appuntamento è per le 10.55.

Clicca qui per tutti i risultati del weekend del Gran Premio del Portogallo


TAGS: motogp fp2 MotoGP 2021 GP Portogallo 2021 PortugalMotoGP 2021 MotoGP Portogallo 2021