MotoGP, GP Portogallo 2021, le pagelle di Losail
MotoGP 2021

MotoGP Portogallo 2021, le pagelle di Portimao


Avatar di Simone Valtieri , il 18/04/21

7 mesi fa - Le pagelle di MotorBox dopo il MotoGP del Portogallo 2021 a Portimao

Le pagelle di MotorBox dopo il MotoGP del Portogallo 2021 a Portimao: bene i giovani sul podio, male Rins, Miller e Rossi. Che Marquez!
Benvenuto nello Speciale PORTUGALMOTOGP 2021, composto da 16 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario PORTUGALMOTOGP 2021 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

PAGELLE DI PORTIMAO Il Gran Premio del Portogallo sui saliscendi del Circuito dell'Algarve è stata una gara bellissima. A Portimao sono emersi i piloti più giovani: Quartararo, Bagnaia e Mir si sono presi il podio, mentre Rins e Miller hanno sbagliato, finendo per terra, così come Valentino Rossi. Grande gara per Franco Morbidelli, quinto e per Marc Marquez, settimo. Tra voti alti e bassi, come di consueto, di seguito per voi tutti i giudizi sulla gara di Portimao.

FABIO QUARTARARO - VOTO 10 Una gara perfetta per il promettentissimo francesino della Yamaha. L'unico piccolo errore arriva in partenza quando, stringendo al centro, rischia il contatto con una Suzuki. Poi, però, fa la sua solita gara tutta d'attacco e senza chiedere troppo alle gomme. Recupera in breve tempo dalla sesta alla prima posizione e strattona per tutta la gara Rins costringendolo all'errore. A quel punto è davanti da solo, e va a godersi la meritata seconda vittoria dell'anno, e la leadership del mondiale riconquistata.

FRANCESCO BAGNAIA - VOTO 9,5 Sfortunatissimo ieri, implacabile oggi nella sua rimonta dalla 12° posizione in cui era sceso dopo la partenza. Uno dopo l'altro riprende chiunque si trova innanzi e nel finale beneficia anche dalla caduta di Rins per poter rafforzare la posizione sul podio. Negli ultimissimi giri, con le gomme finite, riesce a rintuzzare la pressione di Mir e a raccogliere i 20 punti che gli consentono di occupare la seconda posizione nel mondiale, un trampolino di lancio verso un sogno. Resta il rammarico di sapere cosa avrebbe potuto fare oggi senza la pole cancellata ieri.

JOAN MIR - VOTO 8,5 Oggi lo spagnolo ha provato a emergere un po' prima rispetto al suo solito finale di gara, ma ha chiesto troppo alle gomme per seguire Quartararo e Rins nei primi giri e l'ha pagato nella fase centrale. Nel finale, vistosi passare da Bagnaia, ha tirato fuori gli artigli restando incollato al codone della Ducati, ma gli è mancato forse un giro in più per poter sferrare il suo attacco, senza tra l'altro la sicurezza che sarebbe andato in porto.

FRANCO MORBIDELLI - VOTO 8 Quest'anno che non ha più il ''vantaggio'' dalla più performante moto vecchia, deve conquistarsi i punti metro dopo metro in pista, e lo fa con una gara accorta e senza errori, terminata in scia a Bagnaia e Mir. La sensazione è che avrebbe potuto fare anche leggermente meglio se avesse osato di più e un po' prima. Certo è che meriterebbe senza se e senza ma una moto ufficiale anche lui. Ottima gara per Frankie.

BRAD BINDER - VOTO 8 Dalla 15° posizione giunge in quinta piazza l'inatteso Brad Binder. Il pilota della KTM ha fatto una gara molto consistente sin dal primo giro, perennemente in rimonta tranne nella parte centrale dove tutti stavano facendo un ritmo incredibile. Nel finale, però, ne aveva più di chiunque altro, ed è riuscito ad arrivare a un soffio dal terzetto che si è giocato il secondo posto. Che sia di buon viatico per le successive uscite.

ALEIX ESPARGARO - VOTO 7,5 Continuano i passi in avanti dell'Aprilia, con Aleix che è stato ben piantato nelle zone centrali della top ten per tutta la gara, portando a casa alla fine un buonissimo sesto posto. Manca ancora uno step all'Aprilia per essere competitiva per le vittorie, ma con un pilota così, se la moto migliorerà ancora un po', ci sarà da divertirsi.

VEDI ANCHE



MARC MARQUEZ - VOTO 10 Ma cosa vogliamo dirgli? Generosissimo all'inizio e senza paura di sportellare con gente come Jack Miller. Purtroppo non aveva la forza nel braccio, e ha iniziato rapidamente a perdere posizioni, ma non ha mai mollato, restando attaccato con i denti ai più veloci e conquistando un settimo posto che vuol dire tantissimo in chiave futura. Alla fine scoppia a piangere nei box per scaricare la tensione, e lo capiamo bene: per tutto il weekend ha fatto letteralmente dei miracoli.

ENEA BASTIANINI - VOTO 7,5 Il nono posto è il miglior risultato in MotoGP per Enea, su una pista che non aveva mai percorso in sella a una moto tanto potente. Le sue rimonte stanno diventando una consuetudine, e se nelle prime due gare si erano concluse in P10 e P11, stavolta è arrivato un ottimo nono posto per il riminese che è cresciuto per tutto il fine settimana e che sta continuando a fare progressi con una moto vecchia di due anni, anche se un po' più spinta.

MAVERICK VINALES - VOTO 4 Dopo la sfortuna di ieri, è arrivata una partenza complicatissima e dalla 20° posizione non è stato facile per lui rimontare. Alcune posizioni le ha riprese grazie alle cadute, altre grazie ai sorpassi, ma alla fine l'11° posto è ben poca cosa rispetto a ciò che si aspettava e che voleva. Una domenica da dimenticare per lo spagnolo, che resta comunque terzo nel mondiale, sebbene sia ora staccato di 20 punti dal compagno di team.

ALEX RINS - VOTO 5 Non ce la sentiamo di dargli un voto peggiore. La scivolata a 6 giri dalla fine gli è già costata la gara e una possibile vittoria, lo spagnolo della Suzuki stava facendo qualcosa di bellissimo, a suon di record della pista riusciva a restare attaccato all'indiavolato Quartararo. Poi però non l'ha tenuta ed è finito lungo, in una riedizione di quanto già visto in un paio d'occasioni almeno lo scorso anno. Peccato, gli manca sempre un centesimo per fare il milione.

JOHANN ZARCO - VOTO 4,5 Imperdonabile anche l'errore di Johann Zarco, che si è steso dopo una gara generosissima e che stava per portarlo sul podio. Non appena si è visto passare da Bagnaia non ha resistito alla tentazione di provare a tenere il suo passo ed è arrivata la scivolata e il ritiro. Peccato perché stava lottando per mantenere la vetta iridata, mentre adesso si ritrova retrocesso in quarta posizione mondiale in un sol colpo.

VALENTINO ROSSI - VOTO 4 Altra prestazione anonima per il nove volte campione del mondo. Valentino non è mai stato a suo agio in sella per tutto il weekend, anche se c'era stato un piccolo passo in avanti rispetto alla gara di Doha. Scivola quando era in undicesima posizione, dopo aver passato il fratello Marini e stava cercando di riprendere Marc Marquez.

GLI ALTRI IN BREVE

JACK MILLER - VOTO 3 Altra giornata da dimenticare per un pilota che partiva con aspettative altissime per questo campionato e che dopo tre gare si trova a leccarsi le ferite e a contare le cadute. Quella odierna è arrivata all'inizio del GP, dopo pochi giri ha sbucciato la sua Ducati sulla ghiaia e se n'è tornato mestamente ai box.

ALEX MARQUEZ - VOTO 6,5 Buona gara per Alex, che è stato la seconda Honda dietro al fratello di quattro secondi. Il talento non è lo stesso, ma l'ottava piazza è un buonissimo risultato.

TAKA NAKAGAMI - VOTO 7 Non c'era un solo hondista oggi in pista con un braccio a pezzi: è stato bravissimo a finire nella top 10, rimontando tra l'altro nel finale e difendendosi al fotofinish su Vinales.

LUCA MARINI - VOTO 6 Gara generosa per Luca che ha fatto ieri il capolavoro, con l'ottavo posto in griglia, e che oggi si è battuto in piena top ten per circa due terzi di gara, nonostante non sentisse le stesse sensazioni in sella. Migliorerà.

MIGUEL OLIVEIRA - VOTO 4 Era il più atteso del weekend dopo la gara dominata della passata stagione, invece dopo le qualifiche sottotono, in gara si è steso ripartendo senza poter più incidere.

DANILO PETRUCCI - VOTO 5 Il ritmo arriva solo nella seconda parte di gara, ma all'inizio perde troppo e scivola nelle retrovie. Il 13° posto è un passo in avanti, ma siamo ancora lontani da dove può e deve stare.

LORENZO SAVADORI - VOTO 6 I suoi primi punti del mondiale meritano la sufficienza, oggi ha fatto meglio di Iker Lecuona che è il primo parametro per raggiungere la sufficienza.

IKER LECUONA - VOTO 4 Gara mesta e conclusa in ultima posizione, staccato da 50'' dalla vetta e di 44 dal suo compagno di marca Binder. Non va.

POL ESPARGARO - VOTO SV Una gara praticamente non corsa, si è ritirato presto per un problema tecnico al retrotreno. Impossibile da giudicare


Pubblicato da Simone Valtieri, 18/04/2021
Gallery
PortugalMotoGP 2021
Logo MotorBox