Pubblicato il 04/09/20

GARA A UNA SOSTA Nel consueto briefing del venerdì, il responsabile Pirelli per il Motorsport, Mario Isola, ci ha raccontato in primis i dati emersi dalla giornata odierna di prove libere: ''Il delta tra le tre mescole è di circa mezzo secondo, in linea con quello che ci aspettavamo'' - ha esordito - ''Abbiamo visto che i team hanno provato la gomma Hard al pomeriggio, e questo ci fa pensare che possa essere un'opzione considerata per la gara, specialmente se farà caldo come oggi. Non abbiamo riscontrato alcun problema di blistering o graining, anche se dobbiamo ancora verificare tutte le gomme. Come sempre a Monza i team proveranno a concludere la gara effettuando una sola sosta e per questo abbiamo cambiato le pressioni, specialmente davanti. Sono più alte di 2.5 punti rispetto al 2019 (26,0 psi mentre al posteriore saranno 21,5 psi), e questo è dovuto alle simulazioni che abbiamo avuto dai team durante l'anno. Aspettiamo la telemetria per confermare questa scelta, ma credo che lo faremo, visto che siamo rimasti sorpresi da quanto le auto siano migliorate nell'arco di un solo anno sulla stessa pista''.

TEST A PORTIMAO La Pirelli ha anche annunciato che nel corso del weekend del Gran Premio del Potogallo del prossimo 25 ottobre, sarà effettuato un test di sviluppo delle gomme con le auto attuali: ''Ovviamente abbiamo raccolto parecchie informazioni da Silverstone e Spa'' - ha spiegato Isola - ''abbiamo deciso di postporre i test che erano in programma per Silverstone 2 e per Barcellona per ridisegnare alcuni prototipi. L'idea è quella di rivedere leggermente la costruzione per il prossimo anno. Sarà un test di appena 30 minuti, forniremo differenti mescole a differenti team cercando di collezionare quanti più dati possibili e definire le gomme per il prossimo anno. Ovviamente è una nuova pista, e non abbiamo dati, ma da adesso in avanti ce ne saranno parecchie di piste nuove perciò potevamo solo decidere su quale effettuare il test e Portimao è una pista molto severa sulle gomme, dove troveremo probabilmente tempo buono. Peraltro non potevamo scegliere Imola perché è un evento di due soli giorni, né il Nurburgring in quanto troppo freddo, e neanche il Bahrain, perché si svolge dopo la nostra deadline del 1 novembre. Per questo l'abbiamo scelto Portimao per i nostri test''.

STESSE GOMME PER I DUE BAHRAIN Infine Isola ha parlato molto anche delle scelte per i futuri GP annunciati, soprattutto per la doppia gara del Bahrain, che si svolgerà su due piste con layout totalmente differenti. La scelta di Pirelli però sarà quella di portare lo stesso tipo di mescole: ''Secondo le simulazioni che abbiamo realizzato l'usura sarà differente, ma abbiamo comunque deciso di portare la stessa scelta per entrambe le gare, in ogni caso uno step più morbide rispetto allo scorso anno, quando potammo C1, C2 e C3 ma nessuno utilizzò le C1, e questa è una decisione presa anche prima del Covid. Porteremo probabilmente C2, C3 e C4 anche per il Bahrain-2, pensiamo che la C5 sia una gomma troppo aggressiva per questo genere di pista e per l'asfalto molto abrasivo di Sakhir. Non sarà un grande problema, avremo due gare differenti, comunque ne stiamo ancora parlando con FIA e F1''.


TAGS: pirelli formula 1 pirelli motorsport f1 2020 Mario Isola GP Bahrain 2020 ItalianGP 2020 Test Pirelli Portimao