Autore:
Salvo Sardina
Pubblicato il 06/09/2020 ore 17:10

GP ITALIA 2020: COSA È SUCCESSO? IL RIASSUNTO DELLA GARA

CAOS MONZA Se pensavate di assistere all'ennesima gara lineare della stagione, con il dominio di Lewis Hamilton dopo la pole position di ieri, seguito sul podio da Valtteri Bottas e Max Verstappen... Beh, vi sbagliavate di grosso. È bastata una partenza maldestra, quella del finlandese della Mercedes scivolato subito fuori dalla zona podio, e un apparentemente innocuo ritiro della Haas di Kevin Magnussen per gettare Monza nel caos più totale: il campione del mondo in carica si è infatti fermato per un cambio gomme illecito quando la pit-lane era chiusa, finendo per essere penalizzato con uno Stop&Go di dieci secondi che lo ha fatto scivolare in fondo al gruppo. A vincere, componendo il podio più pazzo della storia recente della Formula 1 è stato quindi Pierre Gasly, che centra il primo successo della carriera davanti al futuro ferrarista Carlos Sainz e al canadese Lance Stroll.

BANDIERA ROSSA Gasly ha costruito gran parte del proprio successo con l'azzardo di cambiare le gomme in anticipo rispetto a tutti gli altri, qualche minuto prima dell'ingresso della Safety Car che ha stravolto la gara di Hamilton (e Giovinazzi, penalizzato per lo stesso motivo). Una decisione strategica rivelatasi vincente anche grazie alla bandiera rossa, che ha sospeso per qualche minuto la corsa dopo il brutto, ma per fortuna senza conseguenze, incidente di Charles Leclerc alla curva Parabolica. L'AlphaTauri di Gasly si è dunque ritrovata nelle prime posizioni alla ripartenza da fermi, riuscendo anche a infilare Lance Stroll, che partiva secondo alle spalle del penalizzato Hamilton. Buono lo spunto al secondo restart anche da parte di Carlos Sainz, bravissimo a prendersi la seconda posizione virtuale e a mettere sotto pressione fino all'ultimo giro, ma senza veri attacchi, il pilota francese.

DELUSIONE MERCEDES Delusione, nella prima gara senza ''party-mode'', per la Mercedes che aveva annichilito la concorrenza in qualifica ma sembra aver pagato soprattutto in gara l'assenza di una mappatura in grado di agevolare i sorpassi. Il migliore tra i motorizzati di Stoccarda è stato dunque Stroll, autore però di una pessima seconda partenza e per questo scivolato alle spalle di Gasly e Sainz. Meno bene è andata a Bottas, imbottigliato nelle posizioni di rincalzo e mai in grado di compiere un sorpasso: alla fine, il finlandese è arrivato quinto, alle spalle anche di Lando Norris, riuscendo a guadagnare giusto qualche punticino in classifica su Hamilton, settimo dopo la rimonta finale (ma in netto e comodo controllo della gara prima della Safety Car innescata dal ritiro di Magnussen). Ancora peggio è andata alle due Red Bull, che non riescono a sfruttare la giornata nera di casa Mercedes: Albon è solo quindicesimo e penultimo, mentre Verstappen si ritirato per problemi tecnici quando si trovava comunque in difficoltà alle spalle di Bottas.

E LE FERRARI? La giornata da ricordare per il motorsport tricolore, che ha ascoltato l'inno di Mameli in onore dell'italiana AlphaTauri - la ex Toro Rosso, anche se innegabilmente i capitali e la ''trazione'' del team satellite della Red Bull sono austriaci - tornata al successo 12 anni dopo la prima e ultima volta (Monza 2008 con un giovanissimo Vettel), coincide con un doppio ritiro per la Ferrari. Sebastian Vettel è stato infatti messo KO dopo 6 giri da un problema al freno posteriore sinistro della sua SF1000, letteralmente in fiamme in seguito alla rottura della presa d'aria. Come detto, Charles Leclerc - che pure aveva approfittato della Safety Car per risalire miracolosamente al quarto posto, al pari di Gasly - è stato invece protagonista del già citato incidente che ha costretto la Direzione gara a esporre la bandiera rossa. Un chiaro errore di guida, quello del monegasco, che si è fortunatamente risolto solo con un grande spavento. Di buono c'è solo che il Cavallino ha toccato il fondo e che nel Gp di Toscana della prossima settimana, intitolato proprio alle 1000 gare della Ferrari in F1, non si potrà fare peggio di così... Magrissima consolazione.

F1 GP Italia 2020, Monza: l'incidente di Charles Leclerc (Scuderia Ferrari)

Gli orari tv del weekend di MonzaTutte le info e i risultati del GP Italia 2020 | Gli highlight video | Classifica piloti e costruttori Calendario F1 2020 | @MotorBoxSport su Instagram

ORDINE D'ARRIVO GP ITALIA 2020

Pos Pilota Team Distacco Giri Punti
1 Pierre Gasly AlphaTauri-Honda 1:47:06.056 53 25
2 Carlos Sainz McLaren-Renault +0.415s 53 18
3 Lance Stroll Racing Point-Mercedes +3.358s 53 15
4 Lando Norris McLaren-Renault +6.000s 53 12
5 Valtteri Bottas Mercedes +7.108s 53 10
6 Daniel Ricciardo Renault +8.391s 53 8
7 Lewis Hamilton Mercedes +17.245s 53 7
8 Esteban Ocon Renault +18.691s 53 4
9 Daniil Kvyat AlphaTauri-Honda +22.208s 53 2
10 Sergio Perez Racing Point-Mercedes +23.224s 53 1
11 Nicholas Latifi Williams-Mercedes +32.876s 53 0
12 Romain Grosjean Haas-Ferrari +35.164s 53 0
13 Kimi Räikkönen Alfa Romeo Racing-Ferrari +36.312s 53 0
14 George Russell Williams-Mercedes +36.593s 53 0
15 Alexander Albon Red Bull Racing-Honda +37.533s 53 0
16 Antonio Giovinazzi Alfa Romeo Racing-Ferrari +55.199s 53 0
17 Max Verstappen Red Bull Racing-Honda Ritiro 30 0
18 Charles Leclerc Ferrari Ritiro 23 0
19 Kevin Magnussen Haas-Ferrari Ritiro 17 0
20 Sebastian Vettel Ferrari Ritiro 6 0

Lewis Hamilton, +1 punto per il giro più veloce della gara (1:22.746)

GRAN PREMIO D'ITALIA 2020: LA CRONACA MINUTO PER MINUTO

Gran Premio d'Italia 2020 terminato. Rivivilo con la cronaca minuto per minuto di MotorBox.

17.10 - Per il momento, ma solo per il momento, è tutto, cari lettori di MotorBox! Vi invitiamo però a restare con noi perché sono in arrivo tante news, commenti, analisi e dichiarazioni su questo stranissimo Gp d'Italia 2020 senza padroni, che commenteremo in diretta Instagram tra poco sulla nostra pagina @MotorBoxSport. Intanto grazie per averci seguito e buona domenica!

17.05 - Questa la classifica finale del Gran Premio d'Italia 2020:

17.03 - Gasly, Sainz e Stroll completano il podio più pazzo della storia recente della F1. Delusione per Sainz, che piange sotto il casco per l'occasione sprecata. Poi Norris, Bottas, Ricciardo, Hamilton, Ocon, Kvyat e Perez.

17.00 - Bandiera a scacchi! Pierre Gasly riporta la vittoria a Faenza, secondo successo per il team dopo quello, sempre a Monza, del 2008 con Sebastian Vettel. L'inno di Mameli risuonerà ancora un'altra volta in questa giornata pazzesca. Seconda posizione per Carlos Sainz con Lance Stroll che chiude il podio.

16.59 - Inizia l'ultimo giro e Sainz apre il Drs ma Gasly si difende bene in curva-1. L'impressione però è che lo spagnolo sia troppo lontano per provare a soffiare la posizione al francese dell'AlphaTauri.

16.56 - Hamilton si prende l'ottava posizione ai danni di Kvyat. Intanto Bottas è in zona Drs su Lando Norris ma non riesce ad attaccare per la quarta piazza. Guadagnerà qualcosa sul rivale per il titolo, ma troppo poco considerando l'immensa occasione sprecata di riavvicinarsi in classifica...

16.55 - Prova a rispondere Pierre Gasly, che nell'ultimo passaggio ha guadagnato qualcosina su Sainz. Proprio allo spagnolo il muretto chiede di cambiare la modalità di ricarica della batteria, forse per prepararlo all'assalto finale. Inizia il terzultimo giro di gara!

16.53 - Mancano cinque giri alla fine: Sainz adesso è a 1.2 da Gasly, mentre Lewis Hamilton si prende la nona posizione ai danni di Sergio Perez.

16.50 - Facilissimo il sorpasso di Hamilton su Raikkonen. Intanto Sainz guadagna altri 3 decimi su Gasly: entrambi provano a vincere la loro prima gara della carriera, riportando il successo alla McLaren o all'AlphaTauri/Toro Rosso rispettivamente dopo 8 e 12 anni.

16.49 - Gasly adesso ha ''solo'' 1.6 di vantaggio su Sainz. Intanto Hamilton è undicesimo e tra poco potrà attaccare Kimi Raikkonen per entrare in zona punti.

16.48 - Crollo di Raikkonen, adesso passato anche da Kvyat. L'ex ferrarista è stato praticamente l'unico a perdere posizioni dopo la ripartenza, se escludiamo i sorpassi nelle retrovie effettuati da Lewis Hamilton.

16.46 - Niente da fare anche per Kimi Raikkonen, che scala in ottava posizione dopo aver perso il duello anche con Esteban Ocon. Forse anche la scelta di partire con le Soft nuove non ha pagato...

16.45 - Hamilton scavalca anche Russell e Grosjean, mettendosi in dodicesima posizione. Il prossimo nel mirino è Latifi. Intanto Gasly ha 2.5 di gap su Sainz, che però deve guardarsi anche da Stroll, che guadagna qualcosina giro dopo giro.

16.43 - La classifica dopo 40 giri di gara. Ne mancano 13 prima di potervi raccontare del podio più assurdo della storia recente della Formula 1!

16.41 - Ogni giro Sainz guadagna qualcosina su Gasly, ma troppo poco per poterlo impesierire. Ci sono 3.1 secondi tra i due leader di questa gara. Hamilton intanto si prende la posizione su Albon anche approfittando di un lungo in Prima Variante del thailandese della Red Bull.

16.40 - Anche Lewis comunque fa fatica a scavalcare Albon a causa della mappatura scelta dalla Mercedes. È stata una rimonta clamorosamente facile a pista libera, ma risalire il gruppone sarà molto complicato per il campione del mondo in carica.

16.38 - Hamilton è arrivato alle spalle di Alexander Albon ed è in lotta per la quattordicesima posizione.

16.37 - Raikkonen adesso si fa infilare anche da Bottas. Si tratta dell'unico sorpasso realizzato fin qui dal finlandese della Mercedes, quasi addormentato sin dal via di questa gara.

16.35 - Abbiamo detto che a Monza i sorpassi non sono facili ma ne abbiamo visti 3 in 3 giri (anche forse per via di un Kimi non proprio aggressivo nelle difese). Raikkonen ha subito il sorpasso di Stroll alla Variante della Roggia e poi da Norris alla Prima Variante.

16.33 - Kimi però ha sbagliato l'ingresso alla Parabolica arrivando un po' lungo in staccata. E allora, anche grazie al Drs, Sainz si è preso la seconda posizione dopo una bella staccata alla Prima Variante. Iceman deve difendersi da Stroll, che sognava di vincere la sua prima gara e che invece si trova adesso solo in lotta per il terzo posto.

16.32 - Raikkonen deve difendere la seconda posizione dagli attacchi di Carlos Sainz, già in zona Drs alle sue spalle. Ma Monza, al contrario di quanto non si pensi solitamente, non è certo una pista dove è facile sorpassare. Lo sa anche Russell, costretto a tagliare la chicane dopo un tentato sorpasso su Grosjean.

16.30 - Gara pazza e totalmente incerta: chi vincerà? Intanto Bottas è sesto e comunque non riesce a compiere sorpassi. Hamilton è invece quindicesimo e segna adesso il giro più veloce della gara in 1:23.464.

16.29 - Ritiro per Max Verstappen: weekend molto negativo per l'olandese della Red Bull che aveva l'occasione per accorciare le distanze da Hamilton.

16.28 - Si ferma Giovinazzi per la penalità: Sainz sale di nuovo in zona podio, con Stroll subito alle sue spalle.

16.27 - Pierre Gasly è in testa alla gara con l'italiana AlphaTauri, 12 anni dopo la vittoria di Vettel con la Toro Rosso sotto la pioggia di Monza. Seguono Raikkonen e Giovinazzi, che deve però ancora scontare la penalità. Poi Sainz, Stroll, Norris, Bottas, Ricciardo, Ocon e Kvyat.

16.26 - Hamilton sconta la penalità e torna in pista in 17esima e ultima posizione alle spalle di Albon. Verstappen è intanto scivolato in quattordicesima posizione.

16.25 - Gran bloccaggio per Stroll, lunghissimo alla Roggia e poi di nuovo quinto dopo aver tagliato la chicane. Intanto Sainz passa il canadese alla Lesmo-1, con il giovane della Racing Point che si rimette davanti alla Ascari!

16.23 - Si spengono le luci dei semafori e... Via alla seconda parte del Gran Premio d'Italia 2020! Parte male Lance Stroll, scivolato addirittura in quinta posizione. Hamilton è seguito da Gasly, Raikkonen e Giovinzzi!

16.21 - Questa la griglia di partenza e le gomme scelte al via. Hard per Hamilton, che dovrà scontare, al pari di Giovinazzi, uno Stop&Go di 10 secondi.

16.20 - Via al giro di formazione numero 2 di questo pazzo GP d'Italia.

16.17 - Tra pochi minuti il via al secondo giro di formazione, che porterà le macchine a schierarsi in griglia.

16.15 - Non ci sarà alcuna penalità per Lando Norris, sotto investigazione per aver guidato lentamente prima di rientrare ai box.

16.12 - Non c'è alcuna protesta da parte di Lewis: il britannico sta sfrecciando a tutta velocità con il monopattino in pit-lane per tornare in macchina.

16.11 - Altro giallo a pochi minuti dal via: mentre tutti i piloti si apprestano a rientrare in macchina, Lewis Hamilton è ancora nel paddock.

16.09 - Arriva la comunicazione ufficiale: si ripartirà alle 16.20! Intanto c'è un'altra investigazione per quanto accaduto in curva-1 tra Perez e Verstappen (non inquadrati dalle telecamere).

16.06 - Lewis Hamilton, accompagnato dalla fida assistente Angela Cullen è andato a parlare con i commissari forse per spiegare la sua versione dei fatti.

16.04 - Discussioni piuttosto accese al muretto Mercedes con Toto Wolff, Lewis Hamilton e il tattico James Vowles. Il britannico si troverà a dover recuperare dal fondo della griglia dopo lo Stop&Go che dovrà scontare al via.

16.02 - Ricordiamo che la ripartenza sarà da fermi dalla griglia come se si trattasse di una nuova gara, ma con 27 giri in meno. Tutti i piloti potranno cambiare gomme e ripartire con mescole fresche.

15.59 - Adesso è sotto investigazione anche Lando Norris, colpevole di aver rallentato eccessivamente per prendersi spazio in vista del doppio pit-stop degli uomini di casa Mercedes.

15.57 - Stop&Go di 10 secondi anche per Lewis Hamilton, entrato ai box con la pit-lane chiusa. Sarà una gara sprint pazzesca alla ripartenza, con il britannico a dover recuperare dalle retrovie...

15.54 - Intanto la Direzione gara ha comunicato i dieci secondi di penalità a Giovinazzi, colpevole di essersi fermato ai box in regime di pit-lane chiusa. Non ci sono ancora informazioni sulla Mercedes di Hamilton, ma il britannico ha chiesto ai propri ingegneri se ci sarà la penalità ricevendo una risposta affermativa.

15.53 - Bandiera rossa. La gara è sospesa per dare la possibilità ai marshal di sistemare le barriere, troppo danneggiate dopo il botto alla Parabolica.

15.51 - Leclerc sta bene! Il monegasco è uscito dalla macchina con le proprie gambe nonostante il botto molto violento dopo aver perso il controllo in accelerazione...

15.50 - Safety Car! Brutto incidente di Charles Leclerc, finito a muro alla Parabolica. Botto violento per la Ferrari SF1000, lunghissima in staccata!

15.48 - Si riparte, bandiere verdi! Hamilton scappa via con Leclerc che in un sol boccone infila le due Alfa Romeo alla Prima Variante. Charles è adesso quarto alle spalle di Gasly e di uno Stroll che deve ancora fermarsi.

15.47 - Qui la classifica prima della ripartenza: non si è fermato Stroll, secondo, seguito da Gasly, Giovinazzi, Raikkonen e Leclerc.

15.46 - La pit-lane adesso è aperta con tutti i piloti che rientrano ai box. Ne potrebbe approfittare clamorosamente Leclerc, che aveva già effettuato la sua sosta qualche giro prima della Safety Car.

15.44 - Colpo di scena! Lewis Hamilton è rientrato ai box nonostante la pit-lane chiusa a causa della presenza della Haas di Magnussen! Il pilota Mercedes è sotto investigazione insieme a Giovinazzi.

15.43 - Situazione molto strana: si ferma Hamilton per montare le Medium mentre proseguono Sainz, Norris, Perez, Ricciardo, Bottas, Verstappen, Stroll, Ocon, Kvyat, Albon, Grosjean e Russell.

15.41 - Magnussen si è piantato in un punto senza gru e in cui recuperare la macchina era un po' complesso. Viene dunque chiamata in causa la Safety Car.

15.40 - Bandiere gialle nel terzo settore: Magnussen si è ritirato per problemi tecnici subito dopo l'uscita della Parabolica.

15.39 - Pit-stop per Charles Leclerc, che torna ai box per passare su gomme Hard. Il monegasco pochi istanti prima aveva subito l'onta del sorpasso da parte di Albon, scalando in quattordicesima posizione. Si ferma adesso Raikkonen per proteggersi dall'undercut del pilota Ferrari.

15.37 - E proprio Bottas si lamenta via radio per la mappatura unica: ''Non posso gareggiare con questa modalità motore, è uno scherzo?''. C'è da dire che probabilmente gli ingegneri Mercedes non si aspettavano di ritrovarsi al sesto posto dopo un giro di gara. E questa è solo colpa di Bottas...

15.35 - Problemi di temperature per la Mercedes di Valtteri Bottas. Per questo motivo il finlandese è costretto a uscire dalla scia di Ricciardo per provare a prendere un po' d'aria.

15.33 - A poco a poco, Bottas e Verstappen provano a minacciare Ricciardo. Entrambi adesso sono in zona Drs, mentre l'australiano è a 1.1 da Perez.

15.30 - Monza si conferma comunque una pista dove la track position è sempre molto importante. Nonostante abbiano una Mercedes e una Red Bull, Bottas e Verstappen restano in sesta e settima posizione e non riescono ad avvicinarsi granché a Ricciardo. Valtteri gira nettamente più lento rispetto al compagno di squadra ed è già a 15.7 di gap.

15.29 - Hamilton rischia di non essere praticamente mai più inquadrato dalle telecamere, se non al traguardo o durante il pit-stop. Il britannico prende un secondo al giro a Sainz e vola a 7.2 dal primo degli inseguitori...

15.28 - Riepilogo della classifica dopo dieci giri di questo Gp d'Italia:

15.26 - Cinque secondi di penalità per Albon, colpevole di non aver lasciato spazio a Grosjean. Il thailandese dovrà restare fermo un po' di più alla prossima sosta ai box...

15.24 - Dunque: Hamilton ha già 5 secondi di vantaggio su Sainz, con Perez che va all'attacco di Norris per il terzo posto. Bottas per adesso invece non sembra riuscirsi ad agganciare a questo trenino...

15.22 - Ha fatto solo 6 giri, Sebastian Vettel. Si ritira mestamente il tedesco alla sua ultima Monza vestito di rosso...

15.20 - Incubo per Sebastian Vettel! Il tedesco è andato largo alla Parabolica ed è stato attaccato da Russell. Poi, alla staccata, il tedesco è proprio andato a tagliare la Prima Variante centrando in pieno i pannelli di polistirolo. Il replay poi ci mostra l'accaduto: da qualche centinaio di metri il tedesco aveva fiamme sull'impianto frenante della posteriore sinistra...

15.19 - Si è già fermato ai box Magnussen, passato su gomme dure. Intanto Albon è quattordicesimo alle spalle di Leclerc, con Verstappen che si riporta alle spalle del rivale in classifica piloti, Valtteri Bottas. I due lotteranno per la sesta posizione...

15.17 - La regia ci mostra anche un contatto in curva-1 tra Gasly e Albon, poi costretto a saltare la Prima Variante. Tutto regolare, visto che il francese dell'AlphaTauri non poteva spostarsi per evitare il contatto.

15.16 - Verstappen in Prima Variante si riprende la prima posizione ai danni di Lance Stroll. Intanto Bottas viene avvisato via radio che dalla telemetria tutto è ok sulla sua macchina. E, quindi, non ci sono ragioni tecniche dietro questa partenza pessima...

15.15 - Dunque: Hamilton, Sainz, Norris, Perez, Ricciardo, Bottas, Stroll, Verstappen, Ocon, Gasly. Non una partenza fruttuosa per i ferraristi, con Leclerc e Vettel che restano rispettivamente in tredicesima e diciassettesima posizione.

15.14 - Super sorpasso di Lando Norris all'esterno alla Variante della Roggia! Lando è terzo, con Bottas scavalcato anche da Perez subito dopo! Inizio da incubo per il finlandese, che si lamenta via radio di una foratura o di ''qualcosa'' che non va sulla sua macchina.

15.13 - Si spengono le luci dei cinque semafori e... Parte il Gran Premio d'Italia 2020! Partito male Bottas, scavalcato subito da Sainz e attaccato in curva-1 (ma senza successo) da Lando Norris! Hamilton scappa subito via senza grossi problemi.

15.10 - Si parte con il giro di formazione con tutte e 20 le monoposto che si spostano regolarmente dalla griglia di partenza. Tra circa tre minuti il via del Gp...

15.08 - Due minuti al giro di formazione. Salgono le pulsazioni...

15.06 - Ecco le gomme al via: Soft usate per i primi 10, nuove per Ocon e Leclerc; Medium nuove per Raikkonen, Magnussen, Grosjean, Giovinazzi, Russell e Latifi; solo Vettel e Kvyat optano per le Hard nuove.

15.02 - A brevissimo scopriremo anche le gomme scelte al via dai piloti. I primi 10 partiranno tutti con le Soft usate in Q2.

15.00 - Dieci minuti al via del giro di formazione. Segno che è il caso di sbrigarsi a parlare di strategie di gara... La migliore? Secondo Pirelli, Soft e poi Medium, ma non va esclusa neppure la tattica Soft-Hard e Medium-Hard. Il fornitore di pneumatici prevede anche l'ipotesi di una gara d'assalto con Soft-Medium-Soft.

14.58 - Bellissima questa Gif con cui la F1 omaggia il nostro Paese.

14.55 - Banda musicale e coro degli alpini a intonare l'Inno di Mameli proprio mentre sopra il rettilineo dei box le Frecce Tricolore colorano di verde, bianco e rosso il cielo di Monza.

14.53 - La Formula 1 - e la redazione di MotorBox - dice stop al razzismo. Come al solito, piloti inginocchiati e non davanti alla griglia. E, tra poco, l'esecuzione del nostro inno nazionale.

14.52 - A proposito di ricorrenze, questo sarà il cinquantesimo Gp di Honda dentro una monoposto Toro Rosso o AlphaTauri.

14.50 - C'è stato anche un bel momento nostalgico in casa Williams, dove la famiglia di Sir Frank è ai saluti dopo aver ceduto la proprietà al fondo di investimenti Dorlington Capital, che promette di assicurare al team un futuro solido. Le monoposto sono state mandate in pista con l'ok di Claire Williams, la vice-team principal della gloriosa squadra inglese.

14.48 - Prima della cerimonia solenne di esecuzione dell'Inno, possiamo dirvi che nel giro di schieramento c'è stato un piccolo inconveniente per Valtteri Bottas, lungo alla Variante della Roggia. Non grossi problemi per il finlandese che non partirà con le gomme con cui si è schierato in griglia.

14.45 - Buon pomeriggio a tutti voi, cari lettori di MotorBox! Finalmente ci siamo, sta per partire il Gran Premio d'Italia, ottava prova del mondiale 2020 di Formula 1. Pronti? Tra 25 minuti la partenza del giro di formazione, tra pochissimo l'Inno di Mameli.

GRAN PREMIO D'ITALIA 2020: LA GRIGLIA DI PARTENZA

1a Fila 1.  Lewis Hamilton - 1:18.887  
Mercedes
    2. Valtteri Bottas - 1:18.956
Mercedes
2a Fila 3. Carlos Sainz - 1:19.695  
McLaren-Renault
    4. Sergio Perez - 1:19.720
Racing Point-Mercedes
3a Fila 5. Max Verstappen - 1:19.795  
Red Bull Racing-Honda
    6. Lando Norris - 1:19.820
McLaren-Renault
4a Fila 7. Daniel Ricciardo - 1:19.864  
Renault
    8. Lance Stroll - 1:20.049
Racing Point-Mercedes
5a Fila 9. Alexander Albon - 1:20.090  
Red Bull Racing-Honda
    10. Pierre Gasly - 1:20.177
AlphaTauri-Honda
6a Fila 11. Daniil Kvyat - 1:20.169  
AlphaTauri-Honda
    12. Esteban Ocon - 1:20.234
Renault
7a Fila 13. Charles Leclerc - 1:20.273  
Ferrari
    14. Kimi Raikkonen - 1:20.926
Alfa Romeo Racing-Ferrari
8a Fila 15. Kevin Magnussen - 1:21.573  
Haas-Ferrari
    16. Romain Grosjean - 1:21.139
Haas-Ferrari
9a Fila 17. Sebastian Vettel - 1:21.151  
Ferrari
    18. Antonio Giovinazzi - 1:21.206
Alfa Romeo Racing-Ferrari
10a Fila 19. George Russell - 1:21.587  
Williams-Mercedes
    20. Nicholas Latifi - 1:21.717
Williams-Mercedes

TAGS: monza gara formula 1 f1 gp italia F1 LIVE Diretta F1 F1 Monza ItalianGP 2020