Autore:
Giulio Scrinzi

SCAMBIO DI POSIZIONI Il venerdì di libere della Ferrari sul circuito dell'Hungaroring ha permesso alla Scuderia del Cavallino Rampante di fare il punto della situazione. I tecnici di Maranello, infatti, sono giunti in Ungheria con delle novità aerodinamiche, fatte provare prima a Sebastian Vettel nelle FP1 e poi a Kimi Raikkonen durante il turno del pomeriggio. Il risultato? Sostanzialmente un nulla di fatto, dal momento che in entrambi i casi i due ferraristi hanno confermato che i nuovi pezzi non hanno portato alcun vantaggio alla loro SF70H. Le classifiche, tra l'altro, parlano chiaro: nel primo turno di libere Kimi si è piazzato secondo con Seb sesto, mentre nelle FP2 le loro posizioni si sono praticamente scambiate, con il finlandese quarto e il tedesco secondo. La soluzione al momento? Attendere qualche altro miglioramento in vista delle qualifiche di domani.

SEBASTIAN VETTEL Ma sentiamo direttamente le parole di Sebastian Vettel in merito al suo venerdì di libere: “La giornata odierna è stata altalenante: stamattina non ero contento, mentre nel pomeriggio ho accumulato un buon numero di giri che mi ha consentito di arpionare la seconda posizione assoluta. La strategia per domani? Dobbiamo lavorare molto in modo da trovare la giusta finestra di utilizzo delle gomme assieme a un assetto migliore di quello utilizzato oggi”.

KIMI RAIKKONEN Questo, invece, il commento di Kimi Raikkonen: “Al mattino siamo andati bene, mentre nel pomeriggio abbiamo provato delle nuove soluzioni aerodinamiche che non ci hanno convinto. Non è stata una giornata negativa, tuttavia ci sono state delle condizioni veramente difficili causate da due bandiere rosse che non ci hanno fatto girare con regolarità”.


TAGS: formula 1 sebastian vettel kimi raikkonen f1 F1 2017 scuderia ferrari formula 1 2017 f1 2017 gp ungheria