CHECK-UP Non puoi permetterti di fare pause, se gareggi nel segmento Suv. Ecco allora che un outsider come Mazda CX-5 non sta con le mani in mano, e al Salone di Los Angeles debutta già in formato Model Year 2020. Non un restyling vero e proprio: piuttosto, un upgrade in chiave tecnologica per cavalcare l'onda.

DOTAZIONI Esternamente, di Mazda CX-5 2020 cambiano solo i badge identificativi del modello, ora ispirati a quelli già adottati dal crossover CX-30, oltre che da Mazda3. All'interno, invece, fa la sua comparsa un nuovo display da 8 pollici per il sistema di infotainment Mazda Connect, oltre a una nuova illuminazione a LED per l’abitacolo. La dotazione di serie delle versioni alto di gamma si arricchisce infine di head-up display, cruise control adattivo, comandi del cambio al volante per le versioni con cambio automatico, frenata di emergenza in città (Smart City Brake Support) corredata della funzione Night Vision per il riconoscimento dei pedoni durante la guida notturna.

4X4 UPGRADE Da un punto di vista tecnico, la trazione integrale i-Activ AWD viene completata della funzione Off Road Mode che provvede a frenare le ruote che slittano durante la marcia in fuoristrada o in presenza di fondi sdrucciolevoli, trasmettendo tutta la coppia motrice alle ruote che sono a contatto col terreno e che conservano maggiore aderenza.

MOTORI Inalterata l'offerta propulsori, sempre composta dai diesel 2.2 Skyactiv-D da 150 cv e 184 cv e dalle due unità benzina Skyactiv-G di 2.5 194 cv e 2.0 da 165 cv. Su quest’ultima (nella sola versione con trasmissione manuale) viene ora adottato il sistema di disattivazione dei cilindri in chiave di efficienza. Mazda CX-5 2020 sarà nelle concessionarie italiane dalla primavera del prossimo anno, listino a partire da 32.350 euro (2.0 Executive 2WD). Un po' più cara, ma meglio equipaggiata.


TAGS: mazda suv mazda cx-5 mazda cx-5 2020