Primo contatto
Mazda2 2020 vista 3/4 anteriore

Mazda2 2020 restyling:
la prova della 90 CV mild-hybrid

Nuova Mazda2 2020 diventa ibrida con il propulsore 1.5 Skyactiv-G M Hybrid. La prova su strada, caratteristiche, uscita e prezzo

15 0
Pubblicato il 30/01/2020 ore 00:01

RITOCCO E HYBRID Fa il verso a sua sorella, quella un po' più adulta, e l'esercizio le riesce che è una meraviglia. Mazda2 ha 6 anni di vita e sente che è il momento di cambiare: un bel lifting al viso, un'iniezione di tecnologia elettronica ed elettrotermica. Da gennaio 2020, l'entry level della gamma di Hiroshima  scambia il suo ''vecchio'' motore con un'edizione tutta nuova, nome in codice Skyactiv-G M Hybrid. Avete già capito di cosa si tratta. Ma andiamo in ordine e scopriamo assieme com'é fatta e come cambia.

COM'È FUORI Invariata nella dimensioni esterne (4 metri e 6 cm), Mazda2 2020 sposa il family feeling Mazda3 e Mazda CX-30: nuova griglia anteriore a nido d’ape, paraurti anteriori e posteriori di nuovo disegno, proiettori a LED di serie su tutte le versioni. Dulcis in fundo, il sistema di frenata automatico di emergenza in città con rilevamento dei pedoni anche di notte.

COM'È DENTRO All'interno, nuove tonalità in nero e marrone per la versione Evolve, mentre alla Exceed Mazda regala rivestimenti nero/Blue Navy. Il nuovo allestimento top di gamma Exclusive si distingue invece per la pelle (scura o chiara a scelta) e per le finiture in scamosciato Granlux. Di serie ora i protocolli Apple CarPlay ed Android Auto integrati nell'infotainment Mazda Connect con display centrale TFT a colori da 7'' ed HMI Commander.

Mazda2 2020 interni

PROMETTE DIVERTIMENTO Grazie all’adozione della tecnologia Skyactiv Vehicle Architecture, le sospensioni sono state aggiornate e lo sterzo rivisto. I sedili, resi più confortevoli tramite nuova conformazione. Su Mazda2 2020 debutta inoltre la tecnologia G-Vectoring Control Plus. Ora, il piatto forte.

MOTORE MILD-HYBRID Mazda2 è disponibile col nuovo propulsore 1.5 Skyactiv-G da 75 cv e 90 cv, ora dotato del cambio manuale a 6 rapporti (e non più soltanto 5) e soprattutto della tecnologia Mazda M Hybrid: un piccolo propulsore elettrico fornisce un “aiutino” al motore termico nelle fasi più dispendiose, contribuendo a limitare consumi (4,1 l/100 km nel ciclo NEDC) ed emissioni CO2 (94 g/km). Lo schema rientra nella tipologia mild hybrid, ma per le amministrazioni locali, Mazda2 è un'ibrida a tutti gli effetti. 

Mazda2 2020 motore Skyactive-G 1.5 M Hybrid

USCITA E PREZZI La nuova Mazda2 2020 è già nei concessionari italiani da metà gennaio con un prezzo di listino che parte da 17.800 euro in allestimenti Evolve (75 o 90 cv) e chiude a 22.550 euro della versione Exclusive da 90 cv passando per l'allestimento intermedio Exceed (90 cv) da 19.900 euro. Per chi acquisterà nuova Mazda2 entro il 31 gennaio 2020, l’iniziativa Hybrid Celebration, garantirà un vantaggio di 2.300 euro. (Qui sotto la prova completa del 1.5 Skyactiv-G 90 CV)

LA VOGLIO ROSSA La nuova Mazda2 2020 è esteticamente più dolce grazie al family feeling aggiornato alle sorelle maggiori Mazda3 e CX-30. Uno stile che si è fatto apprezzarae e conoscere con il nome di Kodo Design che esalta forme e tonalità della carrozzeria della piccola di Casa Hiroshima. Non potevo non scegliere il classico colore Soul Crystal Red per l'auto del test, quella tonalità di rosso che gioca con la luce creando dinamismo anche a vettura ferma. Uno spettacolo già visto sul resto della gamma ma che riesce ancora a stupire anche sul nuovo entry level del mondo Mazda.

Mazda2 2020

PESO PIUMA Forse più dolce nel look ma sicuramente non si è lasciata andare perché il peso è ancora di quelli piuma con 1025 kg in ordine di marcia. Un fattore determinante che risalta immediatamente fin dalle prime curva con nuova Mazda2. Lo sterzo è migliorato rispetto al modello precedente, è più corposo nell'impugnatura volante e più preciso sia durante gli inserimenti in curva sia quando viaggio veloce in autostrada e l'asfalto non è proprio perfetto. Non copia le sconnessioni del manto stradale e mi da sempre l'idea di essere sicura in percorrenza di curva. Anche quando esagero con il gas il nuovo sistema G-Vectoring Control Plus interviene sui freni, pinzando la ruota esterna, aiutandomi a riallineare velocemente il volante in posizione centrale. Così, grazie al nuovo aiutino, sono sempre preciso e monitorato... manovre d'emergenza comprese!

IBRIDO SILENTE Se non mi avessero detto che stessi guidando un'automobile ibrida avrei fatto fatica a capirlo. Non ci sono menu dedicati al suo funzionamento perché il fulcro del sistema mild-hybrid è il condensatore da 0,012 kWh e 22,5 V che interviene durante le ripartenze da fermo e durante il cambio marcia superiore. Infatti sono queste le fasi più dispendione di utilizzo di energia e carburante e questo sistema ''ibrido leggero'' interviene prontamente per ridurre consumi di carburante e, conseguentemente, emissioni. In più riesce a stabilizzare le ripartenze e cambiate senza far avvertire contraccolpi.

Mazda2 2020 vista 3/4 posteriore

90 CV MA Il 1.5 Skyactiv-G M Hybrid è declinato in due potenze: 75 CV (dedicato ai neopatentati) e 90 CV. Purtroppo non è più presente la versione da 115 CV e per far andare ''allegramente'' il 1.5 aspirato bisogna ricorrere spesso al cambio manuale. Poco male, perché la trasmissione manuale è motivo di vanto in Casa Mazda e anche su nuova Mazda2 si conferma sempre preciso e molto godibile: la pedaliera e il volante sono perfettamente in asse con il conducente e la conduzione del veicolo risulta essere molto piacevole. Non rinnego chemi sarebbe piaciuto avere rapporti più corti e qualche CV in più però lo start da fermo aiutato dalla potenza rilasciata dal condensatore e la progressione fino ai 6.000 giri/minuto mi fanno scoprire un lato nascosto della nuova Mazda2. Se incitata a correre è davvero divertente giocare con la distribuzione del suo, poco, peso e gli ammortizzatori profondamente rivisti (nuovo disegno per le valvole ed escursione maggiorata al posteriore) rollano poco e si adattano alla velocità di percorrenza. Se per andare di fretta bisogna ricorrere spesso al cambio durante le basse andature l'assetto filtra buche e sconnessioni mentre si irrigidisce quando aumento il passo. Un altro cambiamento avvertibile su nuova Mazda2 è la silenziosità del motore e l'insonorizzazione dell'abitacolo che i tecnici di Mazda quantificano in un -35% rispetto al modello precedente. Il comfort di bordo è aumentato anche grazie ai sedili appositamente studiati per avere una seduta più naturale possibile con un supporto per la zona lombare. Di fatto sono meglio rifiniti, più morbidi e allo stesso tempo contenitivi: si adattano alla mia postura e non mi sento mai affaticato durante la guida. Infine veniamo ai consumi: il dato omologato dal Costruttore nel misto è pari a 4.1 l/100 km mentre quello verificato da computer di bordo durante la prova è di 5.8 l/100 km.


TAGS: mazda mazda2 2020 mazda2 2020 prova su strada

Novità auto
Mazda CX-30 Skyactiv-G 150 CV: la vista di 3/4 anteriore

Mazda CX-30 2020: entra a listino il motore Skyactiv-g 150 CV

6 0
Prova video
Mazda MX-30 2020: l'anteriore

Nuova MX-30 in vendita da settembre 2020. Com'è e come va in video

1 13 0
Back To Top