Autore:
Giulio Scrinzi

ALL'ULTIMO SECONDO Dopo aver trascorso l'intera giornata in coda al gruppo, nel finale di questo lunedì di test ufficiali sul circuito di Brno Valentino Rossi ha fatto valere tutto il suo talento di nove volte Campione del Mondo. Il Dottore, infatti, è stato capace di firmare il miglior tempo assoluto in 1'55''162 nel corso del 51esimo di 52 giri percorsi in sella a una M1 che, al pari delle sue rivali Honda e Ducati, ha presentato oggi una nuova carena modificata non solo nel cupolino ma anche con un profilo alare in più.

DISTACCO MINIMO Molto bene anche il suo compagno di squadra, un Maverick Vinales autore del terzo tempo assoluto a soli 173 millesimi di distacco: lo spagnolo della Yamaha ha provato a sua volta la nuova carena modificata, approvandola assieme a delle inedite forcelle con registri differenti in vista del prossimo appuntamento del Red Bull Ring. In mezzo alle due quattro cilindri di Iwata si è imposto il vincitore di domenica scorsa proprio sul circuito di Brno, un Marc Marquez che ha pagato solo 18 millesimi in sella alla sua RC213V dotata di carena “alata”.

TORNA LORENZO Quarto tempo per Jorge Lorenzo, nuovamente in pista con quella Desmosedici GP17 già modificata nel weekend scorso con una nuova veste aerodinamica che oggi gli ha permesso di prendersi una piccola rivincita dopo il 15esimo posto nella gara di domenica. Il suo distacco dalla vetta, infatti, è stato solo di 380 millesimi, a dimostrazione di un ulteriore step avanti in fatto di competitività della Rossa di Borgo Panigale.

HONDA ACCERCHIATA DALLE YAMAHA A seguire troviamo la Yamaha privata di Johann Zarco, autore del quinto tempo e che è stato capace di mettersi dietro sia la Honda LCR di Cal Crutchlow, che oggi ha provato a sua volta la nuova carena “alata” delle moto ufficiali e si è concentrato sulle nuove mescole portate dalla Michelin in vista del 2018, che quella con livrea Repsol di Daniel Pedrosa. Il numero 26 della Honda ha chiuso solamente settimo dopo la medaglia d'argento conquistata nella gara di domenica, precedendo la seconda M1 Tech 3 di Jonas Folger, ottavo e staccato dalla vetta di soli 668 millesimi.

COMPLETANO LA TOP TEN... Dentro i primi dieci troviamo anche la Suzuki di Andrea Iannone, nono e protagonista in mattinata di un'innocua scivolata che non lo ha fatto desistere dall'andare a migliorare la propria prestazione nel pomeriggio. Decimo tempo per l'Aprilia di Aleix Espargarò, dotata di un nuovo forcellone che con tutta probabilità si è dimostrato la carta vincente per distanziare il nostro Andrea Dovizioso, solamente 11esimo e alle prese per la prima volta con la nuova veste aerodinamica della sua Ducati.

CLASSIFICA DEI TEMPI 1) Valentino Rossi (Yamaha), 1'55''162; 2) Marc Marquez (Honda), +0.018; 3) Maverick Vinales (Yamaha), +0.173; 4) Jorge Lorenzo (Ducati), +0.380; 5) Johann Zarco (Yamaha), +0.529; 6) Cal Crutchlow (Honda), +0.606; 7) Daniel Pedrosa (Honda), +0.633; 8) Jonas Folger (Yamaha), +0.668; 9) Andrea Iannone (Suzuki), +0.961; 10) Aleix Espargarò (Aprilia), +1.101; 11) Andrea Dovizioso (Ducati), +1.241; 12) Tito Rabat (Honda), +1.373; 13) Jack Miller (Honda), +1.472; 14) Alex Rins (Suzuki), +1.475; 15) Pol Espargarò (KTM), +1.506; 16) Bradley Smith (KTM), +1.814; 17) Sam Lowes (Aprilia), +2.689; 18) Takuya Tsuda (Suzuki), +4.587.


TAGS: motogp valentino rossi jorge lorenzo andrea dovizioso marc marquez maverick vinales daniel pedrosa motogp 2017 test motogp 2017 test brno motogp 2017