Pubblicato il 28/03/21

INIZIO COL BOTTO È iniziata nel migliore dei modi la stagione 2021 della MotoGP per i colori italiani. Le qualifiche del GP Qatar vedono in pole position la Ducati di Francesco Bagnaia, mentre nella casella del quarto tempo esattamente dietro alla sua sulla griglia di partenza di Losail troveremo Valentino Rossi, molto positivo al debutto con la Yamaha Petronas. I due si sono anche scambiati reciprocamente la scia per ottenere i loro tempi, ma il Dottore esclude ci fosse un accordo con l'allievo della sua accademia VR46. Sempre in quella colonna della griglia di partenza troviamo poi in terza fila Franco Morbidelli e in quinta l'esordiente Enea Bastianini. Più indietro gli altri componenti del plotone tricolore: diciottesimo Luca Marini, ventesimo Danilo Petrucci, ventiduesimo Lorenzo Savadori. Scopriamo le reazioni dei piloti italiani al termine delle qualifiche disputate sul circuito di Losail.

FRANCESCO BAGNAIA (DUCATI)

Mi sento davvero a mio agio con la Desmosedici GP e sono davvero molto contento del lavoro che siamo riusciti a fare quest’oggi. Non c'è modo migliore per iniziare questo nuovo capitolo. Ho rischiato di perdere il tempo in curva 15, per fortuna sono riuscito a chiudere la linea prima di toccare la zona verde. Se in gara dovessi tentare la fuga, resisterei 5 giri, per poi finire 15°. Siamo un gran gruppo per la vittoria, le Yamaha hanno un vantaggio nel T2 e T3 che colmiamo nell'ultimo settore, prevedo una gara estremamente tattica. Sono sicuro che domani in gara saremo forti e veloci. L’importante sarà avere un passo costante dall’inizio alla fine.

VALENTINO ROSSI (YAMAHA PETRONAS)

È un gran modo di iniziare la stagione. Senza qualche errorino forse ce l'avrei anche fatta, ma non sono lontano e partire aprendo la seconda fila è comunque importante. È molto, molto difficile dire cosa potremo fare in gara, anche se partendo 4° finire nei primi 5 significherebbe aver fatto una bella gara. Negli ultimi due turni di libere abbiamo faticato con i cambi di assetto che non hanno funzionato. Torneremo indietro e poi vediamo, perché nessuno sa bene cosa succederà. Speriamo soprattutto che le condizioni atmosferiche siano buone, perché questa è una griglia fantastica e aspettiamo tutti di poter correre questa prima gara della stagione. Abbiamo ridotto un po' il gap di velocità in rettilineo, ma la differenza resta molto grande. È la ragione principale per cui con la Yamaha fatichiamo a lottare. Con Pecco non c'è stato alcun accordo, nel primo tentativo ero stato io a tirare lui. Iniziare la stagione facendo la pole è il massimo, Pecco ha fatto paura. (nel video sotto, Rossi viene avvisato di dover andare a posare per la foto come miglior pilota dei team indipendenti, novità a cui non è ancora abituato, ndr).

FRANCO MORBIDELLI (YAMAHA PETRONAS)

Speravo in qualcosa di meglio, ma è stata una qualifica difficile perché non avevo la velocità per un buon time attack, anche se nelle FP4 avevo avuto un buon ritmo. Ci ho provato comunque e penso che avrei potuto fare un po' meglio, ma purtroppo non ho tagliato il traguardo in tempo per un secondo tentativo. Sembra che ci manchi un po' di velocità di sera, per cui dovremo bilanciare le nostre prestazioni tra giorno e notte. In partenza sarà importante guadagnare posizioni nei primi giri, ma sappiamo che c'è un degrado delle gomme, quindi non dovremmo vedere giri molto veloci all'inizio.

ENEA BASTIANINI (DUCATI AVINTIA)

Un po' mi rode aver fallito l'ingreggo in Q2 per 5 millesimi, ma sono contentissimo perché questa era la mia prima qualifica. Ci ho provato fino alla fine e il tempo che abbiamo fatto è molto buono. Sono stato anche troppo aggressivo, avrei potuto fare anche meglio. L'importante è mettere esperienza nel saccoccio, come si dice, per partire più avanti la prossima. Sono consapevole del fatto che cinque o sei piloti andranno più forte, ma possiamo ambire a entrare nei primi dieci. Voglio essere positivo, credo nel nostro potenziale.

LUCA MARINI (DUCATI AVINTIA)

Non sono molto contento, nelle FP3 avevo una gomma morbida nuova e ho fatto quel tempo. Dopo il passo di tutti si è alzato e anche gli altri piloti hanno avuto più difficoltà. È tutto completamente diverso rispetto alla Moto2. Nel secondo run ero in una buona situazione, ma ho commesso alcuni errori. Sarebbe potuta andare meglio, ma abbiamo lavorato bene, la moto è buona e non cambieremo nulla in vista della gara.

DANILO PETRUCCI (KTM)

Il mio problema sono il peso e la velocità in rettilineo. Ho una carena leggermente diversa dagli altri piloti KTM e uno dei punti in cui perdo di più è il dritto. È un doppio problema, perché regalo decimi ad avversari che mi possono passare facilmente. Dovremo lavorar esodo per migliorare ed essere competitivi, siamo consapevoli di avere del margine.

LORENZO SAVADORI (APRILIA)

Grazie soprattutto alle buone condizioni della spalla, stiamo cercando di lavorare sulla moto per recuperare il tempo perso durante i test invernali, nei quali non riuscivo a fare più di 2-3 giri consecutivi. Ci manca ancora qualcosa, nonostante questo in qualifica senza un piccolo errore avrei potuto migliorare il tempo. Vedremo domani, alcuni degli avversari non sembrano così lontani in termini di passo ma sono curioso di vedere come si comporterà la RS-GP.


TAGS: losail rossi motogp qualifiche Bagnaia GP Qatar QatarMotoGP 2021