Pubblicato il 08/11/2020 ore 13:40

È NATA UNA STELLA Il mondiale l'avrebbe potuto vincere anche senza la vittoria di oggi, con il rischio che tutti gli avrebbero però detto di averlo fatto senza vincere neanche una gara, ma non è andata così per Joan Mir. Partiamo da un dato: senza la sfortuna avuta a Spielberg, Mir avrebbe già vinto la sua prima gara mesi fa, e oggi staremo qui a parlare di un campionato vinto dal giovane spagnolo con due gare d'anticipo, un novello Marquez in pratica. Invece Joan è stato bravissimo, patendo dalla quinta piazza si è subito messo nelle posizioni di testa e dopo aver passato Pol Espargaro, ha infilato il compagno Alex Rins alla prima occasione utile e poi se n'è andato verso il trionfo, verso la gloria. Sul podio sono finiti altri due spagnoli, proprio Rins e il consistente Pol Espargaro, nella giornata più nera di tutte per la Yamaha, fuori dalla top ten con tutti i piloti: Morbidelli 11° ha sbagliato le gomme, Vinales 13° partiva dai box, Quartararo 14° è scivolato mentre Rossi si è ritirato per un problema tecnico. Podio sfiorato da Nakagami, che ha preceduto con la sua Honda Olivier,a Miller, Binder, Dovizioso, Zarco e Petrucci. La Suzuki domina ora in tutti e tre le classifiche iridate, e nella gara-bis della prossima settimana Mir potrebbe già festeggiare questo inattesissimo titolo, visto il vantaggio in classifica di ben 37 punti su Quartararo e Rins.

Gli orari tv del weekend di Valencia | Tutte le info e i risultati del GP d'Europa 2020 | Classifica piloti e costruttoriCalendario MotoGP 2020

Sessione terminata. Rivivi il Gran Premio d'Europa 2020 classe MotoGP con la nostra cronaca minuto per minuto.

15.03 - E mentre Joan Mir festeggia sul podio il suo trionfo, noi vi salutiamo e chiudiamo qui questo concitato Live. Grazie a tutti per averci seguito, l'appuntamento è per il prossimo fine settimana, sempre a Valencia, con il Gran Premio della Comunità Valenciana, che potrebbe già assegnare il titolo 2020. Buon pomeriggio e buona domenica!

15.01 - Si tratta del sesto posto nelle ultime sette gare per Rins. Dicevamo la classifica, la lotta per il secondo posto resta apertissima, ma per l'iride è quasi chiusa: Mir 162, Quartararo e Rins 125, Vinales 121, Morbidelli e Dovizioso 117, Pol Espargaro 106 e Nakagami 105. In lizza matematicamente per la vetta restano in sei, erano 14 stamattina.

14.59 - Il mondiale si tinge di azzuro Suzuki. Nella classifica dei piloti Joan Mir comanda con 162 punti, 125 su Quartararo e Rins, con il francese della Yamaha che è davanti allo spagnolo per aver vinto tre gare contro le due di Rins. Entrambi sono però a -37 punti da Mir, ciò significa che potrebbe bastargli un quarto posto senza la vittoria di Quartararo o Rins la prossima settimana, per diventare campione del mondo della classe MotoGP!

14.57 - E guardate cos'ha appena scritto Jorge Lorenzo su Joan Mir, e mi sento di sottoscriverlo in toto! ''Quando la gente mi chiedeva se Joan Mir sarebbe stato un vero campione vincendo il mondiale senza vincere una gara, io ho sempre risposto assolutamente sì! Ora nessuno me lo chiederà più...''

14.55 - Ed è il turno di un felicissimo Joan Mir! La persona più felice sulla terra quest'oggi! ''Io mi sento sempre lo stesso ma ancora più felice, sono super felice è quello che mi mancava, una vittoria e penso che sia arriata nel momento perfetto, sono molto felice perché tutto il team ha fatto un lavoro incredibile, abbiamo lavorato benissimo e io ero davvero a mio agio con la moto, grazie a tutti loro per il lavoro straordinario che hanno fatto, e alla fine se lavori bene, questo è quello che arriva''.

14.53 - Ora tocca ad Alex Rins, il più deluso forse oggi anche perché non è stata una scelta far passare Mir, anzi, ha appena dichiarato di aver avuto un problema: ''La gara è stata molto veloce, quando ero in testa mi sentivo bene ma alla curva 11 ho avuto un problema alla marcia e per questo Joan mi ha superato ed è andato via esprimendosi a un livello altissimo, comunque complimenti al nostro team per la doppietta, e vediamo se riusciremo a fare meglio la prossima gara''.

14.51 - Parla per primo Pol Espargaro: ''È stata dura, una gara difficile, questi ragazzi con i razzi blul erano velocissimo nelle curve a destra, io recuperavo in frenata ma loro riusciano a fuggire in curva, soprattutto nel punto di corda. Siamo andati in gara con una buona scelta di gomme, questo azzardo a funzionato, mi ha permesso di non farmi riprendere da chi mi recuperava da dietro, sono soddisfatto, un altro podio in una stagione migliore che mai''.

14.48 - Ecco la classifica finale nel tweet del tema  LCR. A brevissimo le parole dei protagonisti!

14.47 - Avesse vinto il mondiale senza oggi, sarebbe stato quello he l'ha portata a casa senza vincere, come Alzamora, ma lui vuole passare alla storia da campione vero, non da campione episodico. Piange di gioia Joan, piange di rabbia nei box Fabio Quartararo.

14.46 - Ma oggi il protagonista è solo lui, Joan Mir, nono vincitore diverso in questo folle mondiale con 12 gare fin qui completate! Poteva vincerlo comunque il mondiale, avrebbe messo un'ipoteca anche arrivando secondo, ma lui appena ha avuto l'occasione ha vinto e lo ha fatto in modo da dimostrare di avere la stoffa del campione vero.

14.45 - Vero disastro invece per la Yamaha, con Morbidelli 11° e migliore dei suoi. Vinales 13° patito dai box, Quartararo 14° e caduto al via e Valentino Rossi ritirato per problemi tecnici.

14.44 - Grandissima doppietta per la Suzuki, con Alex Rins che sale sul podio insieme a Pol Espargaro, insidiato nel inale da Taka Nakagami. Quinto Oliveira, quasi ripreso da Miller, poi Binder che ha passato Dovizioso nell'ultimo giro. Nella top ten anche Zarco e Petrucci!

14.43 - VINCE JOAN MIR!!! Lo spagnolo dà il tirone nella classifica iridata e ora il sogno diventa quasi una realtà per lui!! Bravissimo Joan! E - nel caso - non sarai un campione senza vittorie!!! 

14.42 - Comincia l'ultimo giro per Joan Mir! La rivelazione assoluta di questo mondiale, che all'inizio sembrava potesse essere appannaggio di Fabio Quartararo, scioltosi come neve al sole sotto la costanza del giovane spagnolo! 1''2 di margine ora, ma sta amministrando...

14.41 - Si accende a questo punto la lotta per il secondo posto iridato, ma se Mir la porta a casa, ha tre quarti di titolo in tasca!

14.40 - Due giri alla bandiera a scacchi! Mir ha 1''5 su Rins! Pol Espargaro sul podio virtuale, poi Nakagami, Oliveira, Miller, Zarco, Dovizioso, Binder e Petrucci nei dieci. Morbidelli 11° su Bradl, Vinales, Quartararo e Savadori. Dovizioso passa ora Zarco, e si infila pure Binder!

14.39 - Meno di tre giri al termine per il sogno di Joan Mir... Davide Brivio sta per avere un infarto ai box!

14.38 - Ma torniamo davanti, dove Joan Mir sta disegnando il suo capolavoro. Primo con 1''3 di margine sul compagno Alex Rins, che sicuramente si starà pentendo di averlo lasciato passare!

14.37 - Il giro più veloce della gara lo firma ora in 1:31.884 Brad Bider con la KTM, decimo e alle spalle di Dovizioso e Marquez. Dovizioso passa Marquez subito dopo il traguardo e in staccata Alex si è sdraiato, finendo sulla ghiaia!

14.36 - 5 giri alla fine! Mir sta volando: un secondo di margine su Rins!

14.35 - Morbidelli passato anche da Petrucci e ora è 12°. Disastrosa giornata per la casa di Iwata

14.34 - 6 giri al termine, sono 8 ora i decimi di margine di Mir su Rins. Gara da dimenticare invece per le Yamaha, tutte fuori dalla top ten!

14.33 - Mir sembra poter andare via da Rins, ora in classifica avrebbe addirittura 37 punti su Rins, 38 su Quartararo, 42 su Vinales, 45 su Morbidelli e 46 su Dovizioso. In pratica un'ipoteca sul mondiale se finisse così.

14.32 - Morbidelli intanto passato anche da Binder, è solo 11°. Miller invece ha ripreso e superato Zarco e ora è sesto!

14.31 - 8 giri alla fine, c'è mezzo secondo ora tra Mir e Rins!

14.30 - Davide Brivio nei box sta fremendo. Gli hanno anche attaccato il cardiofrequenzimetro stavolta, molto sadicamente. I suoi battiti sono sopra i 120 al minuto... Mir prova a tirare, Rins a restargli dietro. Sarà stata una buona idea non dirgli di Quartararo?

14.29 - Si è visto ora il sorpasso nei monitor... in realtà è Rins che ha fatto passare Mir! E ora il leader del mondiale prova a scappare con Alex alle calcagna!

14.28 - Passa al comando Joan Mir! Attacca il compagno di squadra e ora comanda il GP d'Europa! Dieci giri al termine ora.

14.27 - Jack Miller il più veloce in pista in questo giro, ha nel mirino il gruppetto che si gioca il quarto posto.

14.26 - 11 giri alla conclusione. Davanti Mir è sempre incollato a Rins, Pol Espargaro è con loro ma un pelo più staccato ora. 

14.25 - Taka Nakagami passa Miguel Oliveira e si prende la quarta posizione, a 2'' circa da Pol Espargaro.

14.24 - 12 giri alla fine. Non si vede ancora l'atteso incremento di prestazione di Morbidelli. Ma un po' tutte le Yamaha sembrano in difficoltà, non tanto per le posizioni derivanti anche da episodi, ma per il ritmo gara più alto dei primi tre.

14.23 - Rientra ai box Rabat e dunque Quartararo diventa 15° e prende un punticino virtuale.

14.22 - 14 giri al termine. Rins, Mir e Pol Espargaro hanno 1''5 su Oliveira, poi Nakagami, Zarco, Miller, Marquez, Dovizioso e Morbidelli.

14.21 - Sono in tre davanti, e occhio a Pol Espargaro perché non si stacca, e con la Hard all'anteriore potrebbe anche giocarsi la vittoria nel finale con Rins e Mir.

14.20 - Ora sono 15 invece alla bandiera a scacchi. Nella classifica virtuale del mondiale al momento c'è Mir in testa con 27 punti su Rins, 34 su Quartararo e 38 su Vinales...

14.19 - Meno 16. Rins e Mir hanno mezzo secondo su Pol Espargaro che comunque non molla. Morbidelli è scivolato fino alla 10° posizione, passato anche da Marquez e Dovizioso.

14.18 - È lunghissima la gara di Valencia, in classifica c'è ancora anche Savadori, che probabilmente si è rialzato anche lui dopo la caduta, è 17° e ultimo.

14.17 - Ne mancano 17 ora, Rins e Mir sembrano poter allungare un po' su Pol Espargaro. Interessante il fatto Mir non sappia della scivolata di Quartararo, il suo box non gliel'ha comunicato per non deconcentrarlo.

14.16 - 18 giri al termine, i primi girano sul passo dell'1'32 netto. Dietro Vinales, partito dai box, è 15° e gli servono altri 4''5 per raggiungere Rabat, 14°.

14.15 - Morbidelli dovrà tenere duro in questi giri, poi nel finale il fatto di aver scelto una doppia Hard potrebbe pagare... al momento paga più di 4 secondi dalla vetta.

14.14 - 19 giri al termine, sempre davanti Rins seguito da Mir e Pol Espargaro. Oliveira, Nakagami e Zarco non sono distanti, poi tra il francese e Miller c'è un secondo e mezzo, con dietro Morbidelli, Marquez e Dovizioso.

14.13 - Sta soffrendo Morbidelli con le sue due Hard, e viene passato da Miller ora ed scivola in ottava posizione. Dovizioso, che stava girando forte alle sue spalle, ora invece è 10° dietro ad Alex Marquez.

14.12 - Già tante cadute, probabilmente attribuibili a un asfalto che in questi giorni non si è gommato a causa della pioggia. In più molti usano gomme Hard, e non è facile non scivolare. 21 giri al termine, Rins e Mir sempre davanti!

14.11 - Cade Pecco Bagnaia! Cade in curva 2, non ve va bene una neanche a lui ultimamente. Intanto Fabio Quartararo non si è ritirato, è anora in gara ed è a questo punto 17°. Anzi... 16° perché Cal Crutchlow anche è nella ghiaia!!!

14.10 - 22 giri ora al termine. Rins e Mir provano ad allungare su Pol Espargaro, Oliveira, Nakagami, Zarco, Morbidelli e Dovizioso. 

14.09 - E cominciamo il lungo conto alla rovescia dei giri. Ne mancano 23 ora e Valentino Rossi è fermo in pista, stavolta non per colpa sua, una rottura sulla sua Yamaha! Un mondiale da dimenticare per il nove volte iridato...

14.08 - Joan Mir passa Pol Espargaro e si prende la seconda piazza! Due Suzuki al comando, due KTM a inseguire!

14.07 - Non ci sono per ora fughe, tutti in un lungo trenino. Cade Lorenzo Savadori mentre viene dato un long lap penalty a Brad Binder. Davanti Rins, Pol Espargaro e Mir, che deve guardarsi dall'ombra di Oliveira.

14.06 - Gli italiani extra top-ten: Francescco Bagnaia è 12°, Valentino Rossi intanto è 14°, Danilo Petrucci 15° e Lorenzo Savadori 18°.

14.05 - Alex Rins si difende nel migliore dei modi da Joan Mir... ossia superando Pol Espargaro! Dietro di loro Oliveira ha passato Nakagami, poi Zarco, Morbidelli, Dovizioso, Miller e Alex Marquez chiudono la top ten!

14.04 - Rischia di sfuggire del tutto di mano il mondiale a Fabio Quartararo che ora precipita in classifica a -30 da Mir, che è terzo e insidia Rins! Davanti sempre Pol Espargaro.

14.03 - Cadono Quartararo e Aleix Espargaro!!! I due scivolano insieme senza essersi toccati!

14.02 - Pol Espargaro comanda su Rins e Nakagami, Mir è già quarto e passa subito Nakagami, bene anche Oliveira, quinto. Morbidelli è settimo, Dovizioso 10°

14.01 - Finito il giro di formazione, i piloti si stanno schierando sulla griglia del Motorland Aragon... tutto è pronto per la partenza, semafori accesi... si spengono! VIAAAAAA! Parte bene Pol Espargaro che mantiene il comando alla prima cuva! Tutti i piloti scorrono via lisci...

13.59 - Scattato il giro di formazione! Molti piloti hanno puntato sulla gomma Hard all'anteriore e Medium al posteriore, gli unici fuori dal coro sembrano essere i due Suzuki con la doppia Medium, così come Valentino Rossi che parte però nelle retrovie. Franco Morbidelli invece azzarda una Hard al posteriore, per puntare su un finale di gara più forte!

13.57 - Tre minuti alla partenza, per due giorni si è girato solo sul bagnato, ma ora la pista è asciutta, anche se i piloti dovranno fare attenzione alle chiazze di umido ancora presenti in pista. Sull'asciutto si è girato solo stamattina nel warm up comandato da Joan Mir, ma sarà stato sufficiente per scegliere la giusta gomma su cui puntare?

13.55 - Ma vediamola nel dettaglio la griglia di partenza, con la pole position di Pol Espargaro su KTM, davanti a Rins e a Taka Nakagami su Honda, già in pole nella scorsa gara di Teruel. In seconda fila le Ducati di Zarco e Miller ''impaninano'' la Suzuki di Mir, mentre in terza fila ci sono Oliveira, Morbidelli e Aleix Espargaro - sesto ieri in qualifica ma retrocesso di tre posizioni per non aver rispettato le bandiere blu. Quarta fila pre Binder, Quartararo e Dovizioso con gli altri italiani tutti in fila tra la 16° e la 19° piazza (Bagnaia, Rossi, Petrucci e Savadori nell'ordine). Scatterà, come detto, dalla pitlane Maverick Vinales.

1a Fila 1. P. Espargaro    
  KTM 2. Rins  
    Suzuki 3. Nakagami
2a Fila 4. Zarco   Honda
  Ducati 5. Mir  
    Suzuki 6. Miller
3a Fila 7. Oliveira   Ducati
  KTM 8. Morbidelli  
    Yamaha 9. A. Espargaro
4a Fila 10. Binder   Aprilia
  KTM 11. Quartararo  
    Yamaha 12. Dovizioso
5a Fila 13. Bradl   Ducati
  Honda 14. A. Marquez  
    Honda 15. Crutchlow
6a Fila 16. Bagnaia   Honda
  Ducati 17. Rossi  
    Yamaha 18. Petrucci
7a Fila 19. Savadori   Ducati
  Aprilia 20. Rabat  
    Ducati 21. Vinales
      Yamaha

13.51 - Ma pensiamo alla MotoGP! Si diceva dei sei piloti che si giocano il mondiale, con Joan Mir che scatta 5° e nel mondiale guida con 14 punti di margine su Quartararo (11° in griglia) e 18 su Vinales (che scatterà dalla pitlane per aver sostituito il sesto motore quest'anno). Anche Morbidelli, quarto nel mondiale a 25 punti dal leader, scatterà un po' indietro, ottavo, e il quinto, Dovizioso, partirà invece 12°. L'unico rivale di Mir che gli parte davanti è il suo compagno di team in Suzuki, Alex Rins, che comincia la sua gara dalla 2° posizione, ma in classifica deve recuperare ben 32 punti.

13.48 - Prima di occuparci esclusivamente di MotoGP, diamo però un'occhiata a quanto accaduto stamattina nelle altre due classi. In Moto2 un fantastico Marco Bezzecchi riscatta la caduta dello scorso GP e si prende una vittoria di giustezza su Martin e Gardner. Dietro di lui fino a metà gara c'era Sam Lowes, ma l'ex leader del mondiale si è sdraiato per seguire il ''Bez'', lasciando campo libero a Enea Bastianini, quarto e di nuovo leader del mondiale. Sesto Luca Marini che con una bella rimonta finale resta in lizza per l'iride a -19 dal ''Bestia''. Nella Moto3 invece ha vinto Raul Fernandez, al primo successo in carriera, davanti a Garcia, Ogura e a un generoso Tony Arbolino. Peccato per Vietti, partito in testa e caduto al secondo giro, ma il protagonista - in negativo - è stato Albert Arenas - che ha preso una bandiera nera per comportamento antisportivo, rientrato in pista dopo il ritiro per interferire sulla gara dei suoi rivali diretti per il titolo.

13.45 - Buongiorno a tutti cari amici di Motorbox, tra 15 minuti inizierà il Gran Premio d'Europa della classe MotoGP, il terz'ultimo appuntamento di questa incertissima stagione orfana dell'infortunato Marc Marquez. Ci sarà Valentino Rossi, dopo aver saltato gli appuntamenti di Aragon causa Covid-19, ma partirà solo 17°. Occhi puntati invece su Mir, Quartararo, Vinales, Morbidelli, Dovizioso e Rins, che si stanno ancora giocando il mondiale.

 


TAGS: yamaha suzuki gara ducati rossi motogp dovizioso marquez vinales Rins Bagnaia Morbidelli Quartararo MotoGP 2020 Ricardo Tormo Cheste diretta MotoGP Live MotoGP EuropaMotoGP 2020 GP Europa 2020