Autore:
Giulio Scrinzi

LA ROSSA VOLA La recente due giorni di test sul circuito dell'Hungaroring ha confermato i valori in campo già visti nello scorso GP d'Ungheria: la Ferrari, in questo momento della stagione, è la monoposto migliore del Circus iridato. Lo hanno dimostrato tutti e tre i piloti che sono scesi in pista sul tracciato magiaro, prima il giovane Charles Leclerc e poi i due titolari Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen. In ogni caso, la SF70H ha sbaragliato la concorrenza: le novità aerodinamiche portate la scorsa settimana da Maranello stanno funzionando alla grande, e ora l'obiettivo è renderla ancora più veloce per le prossime piste di Spa-Francorchamps e di Monza, prossimi imminenti appuntamenti previsti dal calendario iridato.

CHARLES LECLERC La sorpresa della prima giornata ha preso il nome di Charles Leclerc, giovane 19enne di Monaco che comanda l'attuale classifica della Formula 2 e che, in contemporanea, è tester ufficiale della Scuderia del Cavallino Rampante. Il suo esordio al volante della Rossa è stato estremamente positivo, a maggior ragione per il notevole carico di lavoro a cui è stato sottoposto al fine di affinare il set-up generale in vista delle piste più veloci della seconda parte di stagione. “Abbiamo fatto diverse prove e ora gli ingegneri analizzeranno tutti i dati. La sensazione di guidare una Ferrari? Un sogno che si avvera: mi ha impressionato il carico aerodinamico, perchè più spingi e più capisci che puoi andare ancora più forte. Decisamente differente da ciò che provo nel guidare la mia Formula 2: tuttavia ora il mio obiettivo è vincere in questa categoria. Per quanto riguarda la F1, si vedrà più avanti”.

SEBASTIAN VETTEL Dopo la splendida vittoria della scorsa settimana, Sebastian Vettel è tornato a girare nella seconda giornata di prove dell'Hungaroring: il suo tempo è stato il più veloce in assoluto dell'intera due giorni, certamente un ottimo risultato che però necessita di ulteriori affinamenti per rendere la sua SF70H davvero inavvicinabile per chiunque. “L'obiettivo di questi test era quello di verificare le sensazioni con alcune soluzioni: il verdetto è stato positivo, ma stiamo lavorando a pieno regime per migliorare le nostre performance su ogni tipologia di pista. Ciò che sta facendo la differenza in questo momento è l'approccio della nostra squadra: la passione per le corse della Ferrari è quello che ci permette di continuare a combattere, e gli ultimi risultati non possono che fare bene per il morale. Abbiamo molta fiducia in noi stessi e abbiamo una monoposto competitiva: sono certo che a fine anno potremmo giocarci il Titolo Mondiale”.

KIMI RAIKKONEN L'ultimo pilota a scendere in pista sulla pista magiara è stato Kimi Raikkonen: il finlandese sembra essere sempre più a suo agio sulla Rossa, e il suo obiettivo è quello di continuare a migliorare per renderla sempre più veloce. “Quello dell'Hungaroring è stato un test tutto sommato normale: abbiamo fatto delle valutazioni incrociate tra diverse soluzioni e differenti set-up della nostra monoposto, e alla fine le sensazioni sono risultate positive. Finalmente sto guidando la vettura che voglio, tuttavia è sempre possibile migliorarla. Il Belgio? Sulla carta sarebbe la pista della Mercedes, ma state certi che sapremo dire la nostra”.


TAGS: formula 1 sebastian vettel kimi raikkonen f1 F1 2017 scuderia ferrari Charles Leclerc formula 1 2017 test f1 2017 hungaroring test formula 1 2017 hungaroring