Autore:
Lorenzo Centenari

SUPREMATISTA La perfezione è uno status che nessuno mai raggiunge, ma al quale qualcuno si avvicina più degli altri. A testimoniare la supremazia di Lamborghini Aventador SVJ, il fresco titolo di regina del 'Ring tra le auto di serie con un tempo sul giro di 6'44''95, inferiore di circa due secondi al precedente primato appartenuto alla Porsche 911 GT2 RS (guarda il video on-board dell'impresa). La world premiere alla Monterey Car Week in California. Design, tecnologia, prestazioni, piacere di guida: l'Aventador SVJ porta il concetto di supersportiva verso dimensioni inesplorate.

MOTORI, AZIONE Entriamo subito nel vivo. Il 6,5 litri V12 della Lambo Aventador SVJ, l'unico modello a fregiarsi del nomignolo "Jota" eccetto i mostri sacri Miura e Diablo, guadagna 19 cv e si arrampica fino alla potenza di 770 cv a 8.500 giri/min. Genera una coppia di 720 Nm a 6.750 giri/min, mentre il peso a secco di soli 1.525 kg limita il rapporto peso-potenza a soli 1,98 kg/cv. Da ferma, la SVJ raggiunge i 100 km/h in 2,8 secondi e i 200 km/h in 8,6 secondi. Velocità massima di oltre 350 km/h, spazio di frenata da 100 a 0 km/h in 30 metri.

AEROLAMBO Vista di fronte, la vettura è più larga: nuovo paraurti con alette laterali integrate e nuova presa d'aria tridimensionale sul cofano, risultato dell'integrazione dello speciale sistema di Aerodinamica Lamborghini Attiva (ALA), l'insieme di tecnologie aerodinamiche brevettate dal Toro. Il ricorso all'ALA coglie nel segno: rispetto ad Aventador SV, la deportanza cresce del 40% su entrambi gli assi, con un coefficiente di resistenza aerodinamica migliorato a sua volta dell'1%.

PROFUMO DI CORSE E se il frontale richiama espressamente gli aerei da caccia, al posteriore lo scarico "nudo" montato in posizione rialzata ricorda quelli tipici delle moto estreme. Il paraurti a forma di Omega incorpora un nuovo e grande diffusore, mentre il nuovo spoiler posteriore in posizione elevata è realizzato interamente in fibra di carbonio. Della stessa materia anche il cofano motore, rimovibile attraverso clip a sgancio rapido. Infine, i cerchi in alluminio superleggeri "Nireo" riducono il peso e arroventano anche il design della fiancata.

NO POWER WITHOUT CONTROL Rielaborate le sospensioni, ottimizzato il sistema a quattro ruote sterzanti (LRS), migliorato anche lo schema a trazione integrale: la distribuzione della coppia si sbilancia al retrotreno del 3% in più rispetto ad Aventador SV. Il controllo elettronico della stabilità (ESC) è stato potenziato per migliorare le prestazioni in curva, mentre l'ABS è stato appositamente messo a punto per l'eccezionale aderenza dei Pirelli P Zero Corsa, specificatamente sviluppati secondo direttive Lamborghini.

TELEMETRICA Tre modalità di guida, Strada, Sport e Corsa, oltre all'opzione EGO che consente al conducente di personalizzare ulteriormente le proprie preferenze. Optional irrinunciabile è infine il sistema di telemetria Lamborghini con funzioni di memorizzazione di tempi cronometrati e dei risultati ottenuti in pista. Grazie al programma Lamborghini Ad Personam, le possibilità di personalizzazione degli interni dell'Aventador SVJ sono virtualmente infinite. Prime consegne ad inizio 2019, a un prezzo di 349.116 euro tasse escluse.

LAMBORGHINI TRIBUTE La produzione è limitata a 900 unità. Sul Concept Lawn del celebre Pebble Beach Concours d’Elegance, Lamborghini svela in esclusiva anche Aventador SVJ 63, edizione speciale dall’allestimento unico e realizzata in soli 63 esemplari, come omaggio all'anno di nascita di Automobili Lamborghini: il 1963.


TAGS: lamborghini lamborghini aventador Concorso d'Eleganza di Pebble Beach lamborghini aventador svj pebble beach 2018