Anteprima:

Bertone Mantide


Avatar Redazionale , il 06/05/09

12 anni fa - Presentata a Shanghai come una sorta di concept è ora probabile che sia prodotta davvero, anche se in tiratura limitatissima. Tutti i suoi numeri sono da capogiro: quasi 650 cv, oltre 350 km/h e circa due milioni di dollari di listino. Ma solo per dieci f

Presentata a Shanghai come una sorta di concept è ora probabile che sia prodotta davvero, anche se in tiratura limitatissima. Tutti i suoi numeri sono da capogiro: quasi 650 cv, oltre 350 km/h e circa due milioni di dollari di listino. Ma solo per dieci fortunati...

A FUROR DI POPOLO Da esemplare unico a modello in tiratura limitatissima il passo può essere molto breve. A dimostrarlo è la Bertone Mantide, una fuoriserie presentata come studio di design marciante solo pochi giorni fa all'Auto Shanghai 2009. Per lei si prospettava una vita da star, su e giù dalle passerelle di mezzo mondo, tra saloni e concorsi di eleganza (come già è stato a Villa d'Este), sempre e comunque al centro degli obiettivi dei fotografi. Invece il pubblico le ha riservato un'accoglienza più calorosa del previsto. Visto il numero dei potenziali acquirenti che si sono fatti avanti, prende piede l'intenzione di realizzare una decina di pezzi allo strabiliante prezzo di 2 milioni di dollari, che sono all'incirca 1,5 milioni di euro, monetina più, monetina meno.

COLPO DI FULMINE Basta uno sguardo per capire la capire cosa possa aver fatto scattare il colpo di fulmine nei facoltosi appassionati di mezzo mondo. La linea, a dir poco mozzafiato, è opera di Jason Castriota, giovane designer con trascorsi in Pininfarina e che in passato ha lavorato anche sulla Ferrari GTB 599, sulla Maserati GranTurismo e sulla Ferrari Pininfarina P 4/5. Rispetto a quest'ultima, però, la Mantide si dimostra di tutt'altra pasta, con tratti geometrici e spigolosi che rimpiazzano quelli tondeggianti.

VEDI ANCHE



ANIMA YANKEE L'abitacolo leggermente arretrato è uno dei pochi indizi che permette di capire che la Mantide è realizzata sulla base della Corvette ZR1. Per il resto il vestito in carbonio di questa Bertone è inedito ed esclusivo. Il frontale è dominato da un'ampia presa d'aria sottolineata da uno spoiler tagliente. I parafanghi sono palestratissimi e alle loro spalle si aprono sfoghi utili a rinfrescare le idee al motore che fa bella mostra di sé sotto una parte trasparente del cofano. Quest'ultima prosegue senza quasi soluzione di continuità nel parabrezza e quindi nel lunotto, che fanno tutt'uno anche con i finestrini delle porte ad ala di gabbiano.

ALI PER VOLARE Parlando di ali, tuttavia, è difficile ignorare quelle che si staccano dai montati posteriori per collegarsi ai parafanghi e scendere fino ai sottoporta. Sono loro, assieme al fondo piatto e al diffusore in coda, le principali artefici dei grandi risultati aerodinamici promessi dai tecnici. Rispetto alla Corvette si parla di un aumento del 30%del carico verticale in velocità, con un Cx di solo 0,29. Oltre che filante, la nuova carrozzeria è anche superleggera, visto che consente di risparmiare sulla bilancia un centinaio di chili.

BELL'ACCONTENTARSI Quanto alla meccanica, alla Bertone hanno deciso di non fare interventi, trapiantando pari pari il V8 supercharged della Corvette. D'altro canto, con il gran tiro ai bassi garantito dal compressore volumetrico e con la bellezza di 647 cv a disposizione è stato facile accontentarsi. Su strada simili valori si traducono in un tempo di 3,2 secondi nello scatto 0-100 e in una velocità massima di 351 km/h. Ce ne sarebbe abbastanza per legittimare anche ambizioni agonistiche e per stuzzicare la fantasia la Mantide adotta cinture di sicurezza a quattro punti, oltre a serbatoio e roll-bar omologati per le competizioni. Viste le cifre in ballo e la tiratura limitatissima pare però difficile che qualcuno voglia rischiare l'incolumità della macchina in bagarre tra i cordoli.


Pubblicato da Paolo Sardi, 06/05/2009
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox