Anteprima:

Fiat Panda 100 HP


Avatar Redazionale , il 12/09/06

15 anni fa - Un bel peperino...

La Casa torinese rinverdisce i fasti delle piccole sportive del passato e svela una Panda accreditata di un centinaio di cavalli. Vederla nelle concessionarie è questione di giorni ma il prezzo è ancora da definire.

Benvenuto nello Speciale FIAT PANDA, I SUOI PRIMI 30 ANNI, composto da 23 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario FIAT PANDA, I SUOI PRIMI 30 ANNI qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

A CARTE SCOPERTE A differenza della sue antenate la Panda tuttopepe che debutterà al Salone di Parigi non nasce sotto il segno dello scorpione. In questo discorso, però, gli astri non c'entrano. Qui lo scorpione incriminato è quello dell'Abarth, l'atelier piemontese storico specialista nel confezionare versioni sportive per conto della Fiat. Questa volta a Torino hanno invece deciso di rinunciare allo stemmino giallorosso per svelare da subito le credenziali della piccola peste, scrivendo sul portellone 100 HP.

CIFRA TONDA Non occorre essere abili detective per intuire che quella indicata è la potenza massima erogata dal motore 1.4 16v sistemato sotto il cofano. Rispetto alla configurazione adottata dalla Grande Punto, che ha 95 cv, la Fiat fa dunque cifra tonda e ne dichiara 100 in corrispondenza dei 6.000 giri. Anche la coppia massima sale, passando da 125 Nm a 131, raggiunti a 4.250 giri. Complici il peso piuma e il cambio manuale a sei marce, la Panda 100 HP tocca i 185 km/h e scatta da 0 a 100 km/h in soli 9,5 secondi, con una percorrenza media di 15,4 km/litro.

MOSTRA I DENTI Dal punto di vista estetico, la Panda 100 HP non fa molto per nascondere la sua vera indole. L'assetto sportivo la fa sembrare acquattata sui cerchi in lega da 15" con pneumatici 195/45, dietro cui fanno capolino quattro freni a disco. Il frontale mostra subito i denti con un'inedita mascherina nera a nido d'ape. La stessa finitura fa da ritornello anche nelle prese d'aria laterali e nel finto diffusore che sottolinea la coda. I paraurti si fanno più massicci; quello anteriore ospita una coppia di faretti fendinebbia e da quello posteriore spunta un terminale di scarico cromato. A fare da trait d'union tra loro ci sono archetti passaruota e minigonne maggiorati, mentre la ciliegina sulla torta è rappresentata da uno spoiler che sormonta il lunotto.

IL PUNTA DI DITO L'abitacolo è sulla stessa lunghezza d'onda. La plancia è nera, con alcuni particolari cromati, e ospita una strumentazione rivista nella grafica. I sedili sono sportivi, con i bordi rialzati per contenere meglio il busto e le gambe in curva, e il volante ha la corona rivestita in pelle. Lo sterzo è tra l'altro di tipo elettronico con assistenza variabile e permette al pilota di scegliere tra una taratura normale e una più diretta agendo sul pulsante Sport sistemato sulla plancia. Lo stesso tasto modifica anche la prontezza con cui il motore risponde all'acceleratore.

PANDEMONIO Per gl'incontentabili, la Fiat propone anche un pacchetto speciale per personalizzare ulteriormente il look della Panda 100 HP, chiamato non a caso Pandemonio. A comporlo ci sono stickers laterali in contrasto con il colore della carrozzeria (rossi per gli esemplari bianchi, cromati per quelli neri, rossi, grigi o blu), pinze dei freni rosse, coppe degli specchi esterni e cerchi in lega con trattamento color argento, tappetini dedicati e pedaliera sportiva.


Pubblicato da Paolo Sardi, 12/09/2006
Fiat Panda, i suoi primi 30 anni
Logo MotorBox