news

Fiat Panda Hydrogen


Avatar Redazionale , il 15/02/06

15 anni fa - Tecnologia pulita in formato tascabile.

Attenzione, perché l'apparenza può ingannare. Quella che sembra una Panda qualsiasi è in effetti un concentrato di tecnologia allo stato puro: una ricetta tutta italiana a base di celle a combustibile e idrogeno.

Benvenuto nello Speciale FIAT PANDA, I SUOI PRIMI 30 ANNI, composto da 23 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario FIAT PANDA, I SUOI PRIMI 30 ANNI qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

VEDO E PREVEDO Per fare certe previsioni non serve la sfera di cristallo: il futuro prossimo dell'auto sarà sempre più legato alla propulsione ibrida, mentre il futuro anteriore sarà rappresentato con ogni probabilità dalle celle a combustibile e dall'idrogeno. Sull'evoluzione di questa tecnologia si stanno concentrando gli sforzi di molte Case, tra cui anche la Fiat, che, a fine mese, a Ginevra, esporrà l'ultima sua fatica in materia, ovvero la Panda Hydrogen.

AUTARCHIA

Il suo progetto, che gode della benedizione dei Ministeri della Ricerca e dell'Ambiente, nasce da un gioco di squadra tra il Centro Ricerche Fiat, Fiat Auto e Fiat Powertrain Research & Technology. Una sorta di nazionale dell'automobile, che non a caso impiega anche per la stragrande maggioranza fornitori italiani.

A TUTTA FORZA

Questo prototipo, perfettamente funzionante, presenta molti motivi d'interesse. Il primo è l'esclusiva architettura di tipo "Full Power", caratterizzata dall'assenza di batterie per l'accumulo di energia elettrica destinata alla trazione. Il nuovo generatore di potenza elettrica Fuel Cell System è infatti in grado di fornire direttamente tutta la potenza necessaria al motore elettrico, grazie a elevatissime efficienze di generazione. Cuore del sistema sono tre pile a combustibile prodotte dalla Nuvera, una innovativa turbosoffiante per l'alimentazione delle pile con aria e un impianto di umidificazione e di raffreddamento per i gas reagenti.

C'E' SOTTO IL TRUCCO

La Panda Hydrogen alloggia il Fuel Cell System sotto il pianale. Le pile si compongono di più celle collegate in serie. Al loro interno un catalizzatore favorisce la reazione tra idrogeno e ossigeno da cui scaturiscono acqua, calore ed energia elettrica, mentre le emissioni nocive sono assolutamente nulle. L'efficienza del sistema è elevatissima, pari al 60% anche quando si è al 20% della potenza massima, e non risente neppure delle basse temperature.

TECNOLOGIA TASCABILE

Un altro fiore all'occhiello del sistema studiato dalla Fiat è la grande semplicità costruttiva, l'ideale per l'impiego a bordo delle auto in genere e delle utilitarie in particolare. Il motore elettrico di trazione (di tipo asincrono trifase a corrente alternata), gli organi della trasmissione e quelli secondari trovano tranquillamente posto sotto il cofano, mentre il serbatoio dell'idrogeno, in materiale composito e capace di sopportare pressioni interne anche di 350 atmosfere è sistemato sotto il pavimento, nella zona posteriore. L'abitacolo mantiene così quasi invariata la sua struttura e resta in grado di ospitare comodamente quattro adulti.

CHAPEAU!

Tanto di cappello anche davanti ai risultati dichiarati sul fronte prestazioni dalla Fiat. Per la Panda Hydrogen si parla infatti di una potenza massima di circa 82 cv, che permettono di scattare da 0 a 50 km/h in 5 secondi, di spingersi oltre i 130 km/h e di partire da fermo anche su una pendenza del 23%. C'è insomma poco da invidiare alle normali utilitarie a benzina e a gasolio, anche perché l'autonomia si annuncia superiore ai 200 km in ambito urbano e i tempi di rifornimento sono inferiori ai 5 minuti, simili a quelli di un auto a metano.

CAMPA CAVALLO

Dopo la passerella ginevrina, la Panda Hydrogen non si limiterà a fare il fenomeno da baraccone. Nel corso del 2006 partirà una fase di sperimentazione su strada che avrà protagonisti diversi esemplari. Inutile però farsi grandi illusioni: nonostante i progressi fatti registrare da questa Fiat, la produzione di serie di auto a idrogeno resterà un sogno ancora per almeno una quindicina d'anni.
Pubblicato da Paolo Sardi, 15/02/2006
Gallery
Fiat Panda, i suoi primi 30 anni
Logo MotorBox