Prova

Mazda2 Twenty Eleven


Avatar di Luca Cereda , il 04/11/10

10 anni fa - Compatta dallo sguardo furbetto e da guidare senza stress. Ora anche automatica.

Sorride come il Joker e si guida senza stress, ora grazie anche al cambio automatico. La Mazda2 Twenty Eleven arriverà fra un (bel) po'.

JOKER FACE Dal dietologo al visagista il passaggio può essere breve. Lungo due anni, per l'esattezza, tanti quanti ne sono trascorsi dal debutto vitasnella (con peso ridotto di 100 chili) della nuova generazione della Mazda2 all'arrivo di questo facelift, programmato a orologeria per dare un po' di "coppia" alle vendite della compatta giapponese. Mercato difficile, il suo, perché rappresenta quasi un quarto della torta europea ma è fitto di avversarie agguerrite. Dalla propria la Mazda2 twenty eleven - da noi non un best seller come in UK, ma comunque apprezzata - ha ora in più il sorriso del Joker e una cabina di comando più curata. Dove all'occorrenza spunta un inedito cambio automatico.

RIDE SOTTO I BAFFI Lo sguardo da furbetta lo aveva già ereditato nel salto generazionale, adesso è quasi irridente: stessi occhi lunghi e a mandorla di sempre, ma quella calandra a mezzaluna e i due baffi sul paraurti (in corrispondenza dei fendinebbia) fanno la differenza. Senza dimenticare le due alette nella mascherina, prima un privilegio riservato alle versioni superiori e ora sdoganato a tutte le Mazda2. In generale gli interventi di bisturi hanno mirato ad accrescere quello che il marketing chiama "family feeling" con gli altri modelli della gamma-Mazda (soprattutto mamma "6").

SCACCO SEDUTO Altro da dichiarare? Sì, per l'occasione la mazdina si è rifatta pure le scarpette: i cerchi in lega da 15'' o da 16'' hanno cambiato disegno. Agli occhi di falco lasciamo il compito di individuare il ritocchino che è toccato ai passaruota posteriori, mentre non sarà certo difficile riconoscere, tra tutte, la versione più sportiva: minigonne laterali e spoilerino posteriore parlano da sé. All'interno della Mazda2 si ripropone invece l'arredamento essenziale ma non certo povero della precedente versione. Modanature nero lucido sulla consolle centrale e nuovi rivestimenti a scacchi dei sedili (con finitura rossa in rilievo negli allestimenti sopra il basic) alzano di mezzo palmo la sensazione di qualità percepita.

STESSO PREZZO? Non sono ancora disponibili le specifiche definitive su allestimenti, optional e prezzi, dal momento che il debutto in concessionaria della nuova Mazda2 è previsto abbastanza in là nel tempo (febbraio 2011). Dalla Casa hanno però fatto sapere che non dovrebbe esserci un sensibile differenziale di prezzo con quella attualmente in commercio, che attacca a 12mila euro e spiccioli per salire fino a 17 e mezzo. D'altronde il segreto di questi "restyling di rilancio" risiede proprio nell'offrire allo stesso prezzo qualcosa di più.

VEDI ANCHE



MOTORI Discorso diverso per quanto concerne il neoarrivato cambio automatico a quattro rapporti, che certamente comporterà un sovrapprezzo, non ancora quantificato, però. Quest'ultimo al momento è riservato esclusivamente al 1.5 benzina da 102 cavalli, che riveduto e corretto in versione Euro 5 dichiara i 6,3 litri per 100 km nel misto e 146 g/km di CO2. Le altre unità sono i 1.3 benzina, da 75 e da 84 cavalli, entrambe scesi del 2% nei consumi e del 5% nelle emissioni, e la nuova versione del 1.6 diesel da 95 cavalli, il cui consumo dichiarato si limita a 4,2 l/100 km nel misto. Esce di scena con la versione 2011 della Mazda2 il millequattro a gasolio da 68 cavalli.

GOOD VIBRATIONS Gli ultimi cenni li lasciamo ai ritocchi fatti dagli ingegneri giapponesi sull'assetto e sul telaio. Con questo facelift prosegue per la Mazda2 la ferrea dieta iniziata due anni fa, per cui il peso non aumenta nonostante alcuni interventi volti a rinforzare la rigidezza della carrozzeria. Parliamo nella fattispecie di modifiche alla linea di assetto della staffa, ottimizzazione delle boccole delle sospensioni anteriori, ammorbidimento di quelle posteriori e ottimizzazione dei componenti elastici per ridurre le vibrazioni.

TAKE IT EASY Passano gli anni ma non cambia la sostanza: la Mazda2 si conferma una compatta senza fronzoli e molto facile da guidare, "easygoing" per dirla all'inglese. Ai più prudenti offre una posizione di guida abbastanza alta con il cambio in posizione leggermente rialzata e a portata di mano. Chi invece ama una guida un po' più sportiva a partire dalla postura può comunque raggiungere un accettabile compromesso. Unico neo, il volante si regola in altezza ma non in profondità e i sedili hanno la base un filino corta.

RACCOLTA DIFFERENZIATA L'interazione uomo-plancia, poi, non è affatto dispersiva: comandi intuitivi, ben raggruppati attorno alla radio, e quadro strumenti ancor più leggibile grazie al nuovo sfondo nero. Nel tunnel centrale (dove risiede anche la presa AUX) la Mazda2 Twenty Eeleven propone un paio di vani portaoggetti a vaschetta e uno cilindrico, utili a una raccolta differenziata degli oggetti altrimenti destinati a sgattaiolare via dalle tasche. Niente di particolarmente ricercato, ma un arredamento pratico e funzionale, a cui prende parte anche la profonda cappelliera. Le plastiche invece restano più robuste che eleganti, sebbene in Mazda si siano dati da fare per migliorare la resistenza all'usura delle superfici. Un classico della colonna sonora della mazdina è infine il "flock" del finestrino quando si chiude, un rumorino costante che si percepisce quando il vetro è giunto a fine corsa e si è agganciato al suo binario.

CI VUOLE ORGANIZZAZIONE All'interno l'abitabilità non abbonda - colpa del padiglione sportiveggiante -, ma se c'è da mettersi in viaggio in più di due organizzare gli spazi non è un dramma, con un minimo di collaborazione da parte di chi siede davanti. Se c'è invece da caricare bagagli o materiale da trasloco, contate pure sul divanetto posteriore frazionabile. Nel bagagliaio in sé e per sé ci stanno bene due piccoli trolley con una borsa da palestra sdraiata sopra.

GUIZZANTE Vuoi per merito degli ultimi ritocchi, vuoi per la buona base varata già due anni fa, la Mazda2 sfoggia anche una buona tenuta di strada per la categoria, pure quando ci si concede qualche lieve (niente di esagerato, sia chiaro) licenza sportiva. Più che discreto anche il comportamento delle sospensioni nel filtrare le asperità di buche, dossi e compagnia bella. Grazie allo sterzo ben tarato, poi, curve agili anche tra le rotonde e le svolte a gomito.

AUTOMATICO E NON Della gamma propulsori abbiamo testato il 1.5 benzina e il 1.3 da 84 cavalli, il primo anche nella variante con cambio automatico. La prima considerazione che verrebbe da fare è che l'automatico, per il brillante 1.5 da 102 cavalli, non è così necessario, visto che la spinta - anche a bassi regimi - non manca mai e che come motore si rivela abbastanza elastico nel misto da non indurre ad abusare della leva del manuale con stress. Il cambio automatico diventa dunque non indispensabile, ma comodo soprattutto per chi gira a lungo in città, per quanto offra anche la possibilità di selezionare una modalità di guida più sportiva, con risposta più pronta alle sollecitazioni del piede, qualora ci si voglia concedere una scampagnata fuori dal traffico.

IL PICCOLO Il 1.3 da 84 cavalli offre invece netti vantaggi nei consumi e una silenziosità invidiabile, uniti a un discreto spunto ai semafori che fa della città il suo habitat naturale. Nel bene e nel male asseconda tutte quelle che sono le normali esigenze di un'utilitaria, pur non avendo una progressione degna di Michael Johnson. Il lato un po' più debole lo mostra però nel reggere le marce più alte a velocità non particolarmente sostenute.


Pubblicato da Luca Cereda, 04/11/2010
Gallery
Listino Mazda Mazda2
Allestimento CV / Kw Prezzo
Mazda2 1.5 Skyactiv-G M Hybrid 75 CV Evolve 75 / 55 17.800 €
Mazda2 1.5 Skyactiv-G M Hybrid 90 CV Evolve 90 / 66 17.800 €
Mazda2 1.5 Skyactiv-G M Hybrid 90 CV Exceed 90 / 66 19.900 €
Mazda2 1.5 Skyactiv-G M Hybrid 90 CV Exclusive 90 / 66 22.550 €

Per ulteriori informazioni su listino prezzi, caratteristiche e dotazioni della Mazda Mazda2 visita la pagina della scheda di listino.

Scheda, prezzi e dotazioni Mazda Mazda2
Vedi anche
Logo MotorBox