Autore:
Matteo Larini

YAMAHA AL TOP Dopo tanti Gran Premi di sofferenza, finalmente Vinales e il team ufficiale Yamaha sono tornati alla vittoria nel weekend di Assen, pista amica della M1. L’iberico ha vinto la corsa con grande merito dopo aver dimostrato per tutto il fine settimana di avere un passo decisamente migliore rispetto agli avversari. Secondo posto per Marquez, mentre Quartararo, ancora alle prese con i dolori al braccio dopo l’operazione chirurgica del mese scorso per risolvere la sindrome compartimentale.

ROSSI CADE Valentino Rossi è caduto alla curva 8 quando mancavano 21 giri alla conclusione, in una collisione con Nakagami. Alla partenza, Mir era riuscito a partire bene, issandosi in prima posizione, per voi venire risuperato sia da Quartararo che da Marc Marquez, issatosi in prima e seconda posizione, mentre Vinales, sceso in quarta posizione al via, è subito tornato alle spalle dei due battistrada, per cercare di impedire la loro fuga alla luce del grande ritmo gara mostrato nel corso delle prove e del warmup. Da segnalare anche la grande ripresa di Andrea Dovizioso in avvio: il forlivese è riuscito a raggiungere i primi tre dopo pochi giri.

TRIO DI TESTA A sedici giri dalla conclusione del Gran Premio, Marc Marquez ha superato Quartararo per poi venire risuperato dal giovane francese dopo poche curve grazie ad un lungo del campione in carica. In questa fase, i primi tre sono rimasti molto vicini tra loro, anche se Vinales, pur avendo un passo decisamente migliore, sembrava meno incline a tentare il sorpasso, forse perché Marquez si proteggeva molto bene in staccata. Il superamento, però, è poi avvenuto quando mancavano 12 giri al termine.

DOVIZIOSO PERDE Nel corso dei giri, il passo della Ducati e di Dovizioso è apparso meno consistente del trio del podio virtuale, tanto che Petrucci ha recuperato molto terreno dall’amico forlivese raggiungendolo e superandolo in poche tornate, proprio mentre Vinales portava l’attacco a Quartararo, superandolo di forza ad undici giri dalla conclusione. Il transalpino ha poi perso anche la seconda piazza a vantaggio di Marquez, poi passato in testa per un errore del centauro di Figueres, ritornato davanti poche curve dopo.

MIR – DUCATI Mentre in testa Vinales ha cercato di allontanarsi da Marquez per costruirsi un cuscinetto di vantaggio utile negli ultimi passaggi, Mir ha raggiunto e superato prima Dovizioso e poi anche Petrucci, entrambi probabilmente in crisi con gli pneumatici. I tre hanno formato un terzetto per la quarta posizione, una posizione importante per Dovizioso in ottica mondiale. Quando mancavano quattro giri alla bandiera a scacchi, entrambe le Ducati hanno superato lo spagnolo della Suzuki, mentre il giro dopo anche Morbidelli ha superato l’iberico per la sesta posizione.

RINASCITA VINALES Gli ultimi tre giri hanno visto il dominio assoluto di Maverick Vinales, forse propiziato dalla volontà di Marquez di non rischiare troppo per centrare una vittoria non strettamente necessaria per la conquista del titolo, mentre Quartararo girava in solitaria in terza posizione. Quarta posizione per Dovizioso, seguito da un ottimo Morbidelli e dal ternano Petrucci, che ha perso la top-5 proprio negli ultimi metri in un Gran Premio difficile per la Ducati, soprattutto a causa del grande caldo.

MotoGP Assen 2019, gara: ordine d'arrivo e distacchi

Pos. Pilota Moto Tempo/ Distacco
1 Maverick VIÑALES Yamaha 40'55.415
2 Marc MARQUEZ Honda 4.854
3 Fabio QUARTARARO Yamaha 9.738
4 Andrea DOVIZIOSO Ducati 14.147
5 Franco MORBIDELLI Yamaha 14.467
6 Danilo PETRUCCI Ducati 14.794
7 Cal CRUTCHLOW Honda 18.361
8 Joan MIR Suzuki 24.268
9 Jack MILLER Ducati 26.496
10 Andrea IANNONE Aprilia 26.997
11 Pol ESPARGARO KTM 28.732
12 Aleix ESPARGARO Aprilia 34.095
13 Miguel OLIVEIRA KTM 34.181
14 Francesco BAGNAIA Ducati 34.249
15 Hafizh SYAHRIN KTM 34.494
16 Tito RABAT Ducati 48.357
17 Karel ABRAHAM Ducati 1 Lap
                  Ritirati
  Johann ZARCO KTM 10 Laps
  Takaaki NAKAGAMI Honda 22 Laps
  Valentino ROSSI Yamaha 22 Laps
  Alex RINS Suzuki 24 Laps

TAGS: yamaha honda rossi motogp m1 marquez vinales motogp 2019 Quartararo DutchGP 2019