Autore:
Giulio Scrinzi

MERCATO IN FERMENTO La Formula 1 è in pieno fermento: le decisioni sui regolamenti che verranno introdotti nel 2021, infatti, sta creando agitazione nel Circus iridato, soprattutto per quanto riguarda le destinazioni di alcuni piloti che alla fine di quest'anno dovranno rinnovare il proprio contratto. Tra questi spiccano i nomi di Lewis Hamilton e Daniel Ricciardo, i quali però sembra che vogliano aspettare prima di mettere la loro firma sul famoso pezzo di carta. Il motivo? La situazione della F1 del futuro non è ancora del tutto chiara e prima di legarsi con un team piuttosto che un altro bisogna capire quali saranno le squadre vincenti... e quali no.

HAMILTON VUOLE L'AUMENTO Per quanto riguarda il clima in casa Mercedes, nel reparto corse di Brackley la direzione è quella di confermare sia il Campione del Mondo in carica che il suo compagno di squadra, Valtteri Bottas. Per entrambi il termine della stagione 2018 segnerà la fine del loro attuale contratto, che con tutta probabilità verrà rinnovato: come già affermato tempo fa, Lewis vorrebbe impegnarsi fino al 2020 ma con uno stipendio decisamente più alto rispetto a quello che già percepisce. Questo delineerebbe delle gerarchie ben chiare in squadra, per cui al suo fianco è molto probabile che rivedremo il pilota finlandese, già autore di ottime prestazioni sia in Bahrain che a Shanghai.

RED BULL INDECISA TRA GASLY E SAINZ In Red Bull, invece, la situazione è particolarmente favorevole per Max Verstappen, ormai sotto l'ala protettrice di Helmut Marko e di Christian Horner. Un trattamento privilegiato che non è stato concesso a Daniel Ricciardo, vincitore in Cina ma poco sostenuto dal reparto corse di Milton Keynes. In molti lo danno in partenza verso altri top team (Ferrari o Mercedes), il che lascerebbe la porta aperta per un certo Carlos Sainz Jr che potrebbe ritornare tra le fila di quei bibitari che gli avevano finanziato la carriera ai tempi della Toro Rosso. Sul tavolo delle trattative, però, spunta anche il nome di Pierre Gasly: il pilota francese ha centrato un sensazionale quarto posto in Bahrain, segno che il talento c'è... sempre se la monoposto è nella propria giornata buona.

McLAREN DIVISA TRA VANDOORNE E NORRIS A fine anno, inoltre, la faccenda si farà complicata anche per la McLaren: se da una parte Fernando Alonso dovrà decidere se continuare la propria avventura in Formula 1 o meno, dall'altra sorgerà un “derby” per il posto da seconda guida nel team di Woking. I nomi, in questo caso, sono quelli di Stoffel Vandoorne e di Lando Norris, attualmente terzo pilota della McLaren e parallelamente impegnato in Formula 2 con il team Carlin Motorsport. La strada del giovane inglese, tuttavia, sarebbe di maggiore attrattiva per il reparto corse di Zak Brown, che difficilmente sceglierà di farlo rimanere un semplice “test driver” se i risultati nella serie cadetta saranno positivi. Chi vivrà, vedrà...


TAGS: formula 1 fernando alonso valtteri bottas lewis hamilton f1 max verstappen daniel ricciardo f1 2018 formula 1 2018 mercato piloti formula 1 mercato piloti f1 mercato piloti f1 2018