Autore:
Giulio Scrinzi

CONTROLLO OSSESSIVO Ad Abu Dhabi la Ferrari non ha brillato: di fronte alla netta superiorità delle Frecce d'Argento, le Rosse di Maranello hanno corso in riserva, con il solo Sebastian Vettel capace di salvare gli onori di Maranello grazie al suo terzo posto finale. Kimi Raikkonen, invece, lo ha seguito in una quarta piazza del tutto anonima, figlia di una gestione fin troppo oculata del carburante a bordo. “L'intera gara è stata impostata sul fuel saving cerando di mantenere invariato il distacco da chi mi precedeva. Ho guidato in modo da avere il quantitativo minimo di carburante per superare i controlli finali”.

SPETTACOLO ZERO Una tattica che ha consentito ad Iceman di arrivare sano e salvo al traguardo, ma senza permettere né al Campione del Mondo 2007 né agli appassionati uno spettacolo degno di nota, anzi, assolutamente contrario allo spirito delle competizioni.Questo modo di guidare non ha nulla a che vedere con le corse – ha sottolineato Kimi - Purtroppo queste sono le regole e su alcuni circuiti bisogna correre in questo modo. Avevamo una buona vettura ed abbiamo cercato di utilizzare tutto il carburante consentito andando a velocità da crociera ad ogni giro. In questo senso, però, non mi sono divertito, e non credo che abbiano gioito nemmeno gli spettatori...”.


TAGS: ferrari formula 1 kimi raikkonen f1 F1 2017 scuderia ferrari formula 1 2017 f1 2017 gp abu dhabi