Concept car

Mazda Takeri


Avatar Redazionale , il 25/10/11

10 anni fa - Sarà così la nuova Mazda6?

Al 42° Salone di Tokyo Mazda ha presentato il concept di una berlina media che prefigura il futuro stile delle proprie vetture. E in particolare della futura Mazda6.

Benvenuto nello Speciale SALONE DI TOKYO 2011, composto da 23 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario SALONE DI TOKYO 2011 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

E’ LA NUOVA MAZDA6? Si chiama Takeri la novità più importante che Mazda presentarà al prossimo Salone di Tokyo, in programma dal 3 all’11 dicembre prossimi. Solo una concept car, per il momento, realizzata seguendo le linee del nuovo linguaggio stilistico KODO - Soul of Motion, che Mazda ha deciso di adottare per definire le linee delle sue prossime vetture. Tra cui anche la nuova Mazda6 che la Takeri dovrebbe prefigurare nello stile.

TUTTA CURVE Le misure non sono note, ma le immagini mostrano una berlina piuttosto ampia per la sua categoria, con una linea più classica nella parte posteriore mentre è molto innovativa nell’anteriore. Qui domina un frontale con una calandra imponente, un cofano lungo, fari molto arretrati che si innestano nei passaruota molto marcati e prese d’aria vistose in un intreccio di curve che rendono molto sportivo l’insieme. Alla resa scenica contribuiscono anche un parabrezza molto inclinato, un tetto sfuggente quasi da coupé e grandi ruote. Non mancano poi nuove le maniglie delle porte, sottili e impercettibili, delle quali però non si conosce il meccanismo di apertura.

SKYACTIVE All’interno continua il gioco di curve visto fuori. Se però dalle immagini si direbbe che la Takeri non sia poi così lontana da poter entrare in produzione, nell’abitacolo dominano le soluzioni tipiche di una show car, minimaliste e futuristiche allo stesso tempo. Quello che conta di più sarà invece nascosto alla vista, rappresentato dalla tecnologia Mazda Skyactiv che propone il primo sistema di frenata rigenerativa. Questo, nelle fasi di decelerazione converte l'energia cinetica in energia elettrica, la immagazzina in alcuni condensatori e poi la utilizza per alimentare le apparecchiature elettriche della vettura, riducendo così il carico sul motore con conseguente risparmio di carburante.


Pubblicato da Gilberto Milano, 25/10/2011
Gallery
Salone di Tokyo 2011
Logo MotorBox