Autore:
Federico Maffioli

KING REA Jonathan Rea lascia il Portogallo con una doppietta che ancora una volta parla di una superiorità schiacciante. A Portimao il Campione del Mondo in carica sigla la sua settima vittoria consecutiva su questo tracciato, la sesta di fila dopo Laguna Seca 2018 e il settimo successo conquistato nelle ultime otto gare. Ok le statistiche sono noiose, impossibile non citare un ruolino di marcia che lo incorono Re indiscusso di tutta la storia del Mondiale Superbike, perché 116 punti di vantaggio in Campionato sul secondo posto di Davies sono un bottino da far invidia al Jackpot del Superenalotto! Per il Nordirlandese il titolo è sempre più vicino e già in Francia si giocherà il suo primo match point della stagione! Nel prossimo round francese, per Rea la matematica dice che: se Davies vince entrambe le gare a lui basterà chiudere almeno secondo e terzo per laurearsi Campione 2018, se Davies chiude primo e secondo, a lui basteranno almeno un secondo ed un quinto posto finali, se Davies chiude due volte secondo a Rea basterà fare almeno un quarto ed un quinto posto per mettere l’iride 2018 in bacheca. Servono altri numeri? A sì, uno, ma è ormai scontato: voto 10 e lode!

ALLA RISCOSSA Marco Melandri lascia il Protogallo con un doppio podio, alternandosi con van der Mark sul secondo e terzo gradino di Portimao. La notizia di dover lasciare la Ducati ufficiale l’avrà anche accusata, ma questo risultato conferma un potenziale importante, che porta il ravennate al suo settantesimo podio in Superbike, in scia a piloti come Max Biaggi che ne contano solo uno di più (71 totali). E questo non è per nulla un risultato da poco! Al netto di come sia andata (stia andando) questa stagione, tra alti e bassi causati, a nostro giudizio, più da problemi con la moto che da sue colpe dirette, resta il dubbio sulla decisione di lasciarlo a piedi per schierare Bautista. Avrà senso come decisione? In attesa di risposta e, soprattutto di capire dove correrà l’anno prossimo, per Macio, che qui in Portogallo risponde con i fatti a chi lo ha lasciato a piedi l'anno prossimo, voto 9

POTENZIALE ESPRESSO Michael van der Mark, come detto, si alterna sul podio con Melandri, conquistando un terzo posto in gara uno ed un secondo posto Domenica dopo un sorpasso in cui, letteralmente,  svernicia in un colpo solo entrambi i due ufficiali Ducati . L’olandese in sella alla Yamaha ufficiale, insomma, dimostra ancora una volta di meritarsi questa moto e, soprattutto, sembra aver finalmente imparato a sfruttare il potenziale della sua Yamaha, che ha davvero poco da invidiare alla diretta concorrenza di Kawasaki e Ducati. Con questo risultato van der Mark consolida il suo terzo posto in Classifica generale, portandosi a più 44 punti dal quarto posto di Sykes. Fine settimana concreto e consistente, sempre tra i primi in tutto il weekend e sempre sul podio! Per Magic Michael, , al netto del “regalo” di Savadori, voto 8,5

LEONE DI RAZZA Chaz Davies torna al box la Domenica con un doppio quarto posto che poco rende merito a quello che ha dato l’inglese questo fine settimana. Insomma, ancora in convalescenza dopo essersi fratturato due volte la clavicola quest’estate, a Portimao l’inglese Sabato fa una gran rimonta in Gara 1, poi si supera Domenica, dimostrando di essere un vero guerriero, un leone di razza purissima. Perché fino alla fine vende cara la pelle e prova a resite a denti strettissimi ad un Rea che, in pratica, è già Campione del Mondo. Roba da togliersi il cappello per l’ammirazione! A Chaz “cuore enorme” Davies, voto 9

BACK IN TOWN Tom Sykes chiude il decimo round di questa stagione con un doppio quinto posto finale, autore di un fine settimana in cui, a spazzi, torna ad essere il Sykes che eravamo abituati a vedere, almeno in termini di voglia di esserci. Certo, questo risultato, guardando quello che fa il suo compagno di squadra in sella alla stessa moto, resta impietoso, ma qui a Portimao per lui il pollice è decisamente verso l’alto! Per Sykes voto 7

CENTRATO Dopo i due podi di Laguna Seca e Misano, Eugene Laverty continua a dimostrarsi tra i milgiori siglando una pole position che gli vale anche il record assoluto del circuito portoghese. Sabato, però, la sua gara finisce dopo solo due curve a causa di Fores che lo centra da dietro, incidente che lo costringe anche alla partenza dalla decima casella Domenica, compromettendo anche gara due. Davvero un peccato, perché l’impressione è che la moto italiana aveva nel potenziale il terzo podio consecutivo. Per Laverty resta un fine settimana in cui non ha nulla da recriminarsi. Aspettando il prossimo round a Magny Cours, per lui voto 8.

PROVACI ANCORA! Lorenzo Savadori lascia Portimao con uno zero in gara uno causato da una caduta mentre era in terza posizione, ed un sesto posto Domenica. Un risultato che, da una parte conferma la ritrovata e costante competitività della moto italiana, dall’altra un pilota che è sempre più competitivo e pronto a giocarsi il suo primo podio in Superbike. Peccato per lo zero di Sabato, ma impossibile criticare il fatto che abbia voluto giocarsi tutte le carte per restare in lotta per il podio! Ottimo lavoro, invece, Domenica, per Savadori qui in Portogallo voto 7,5

TUTTI GLI ALTRI Alex Lowes, il confronto con il compagno di squadra parla da solo, voto 4; Jordi Torres, Sabato gran gara, domenica un po’ meno, ma ci sono tutte le attenuati del caso… voto 7; Loris Baz quello portoghese resta il suo miglior fine settimana di questa stagione, con sesto posto in gara uno ed un nono piazzamento Domenica che su questa Bmw profumano di impresa, voto 8; Xavi Fores, Sabato commette un errore che costa caro più a Laverty che a lui, Domenica è nella top ten, ma in generale per lui voto 4,5; Leon Camier, la moto non lo aiuta, ma ci saremmo aspettati un pochino di più, voto 5; Michael Rinaldi, una doppia top ten che piace e convince, il ragazzo è sempre più a suo agio in Superbike e qui in Portogallo è autore di un ottimo fine settimana, voto 8; Toprak Razgatlioglu, come Rinaldi, con la sua prima volta in Superpole 2, ma senza chiudere gara due la Domenica, voto 7,5.


TAGS: superbike 2018 sbk 2018 superbike portogallo 2018 sbk portogallo 2018 sbk portimao 2018 superbike portimao 2018 pagelle sbk portimao 2018 analisi sbk portogallo 2018 voti sbk portogallo 2018 sbk round 10 2018