Motomondiale, la cronaca del Gran Premio d'Olanda 2022 della classe Moto3
MotoGP 2022

Moto3 Olanda 2022, trionfa Sasaki nel nome di Biaggi! Foggia, addio iride


Avatar di Simone Valtieri , il 26/06/22

1 mese fa - Ad Assen la spunta il saggio Sasaki, che beffa Guevara! Garcia sul podio

Ad Assen la spunta il saggio Sasaki, che beffa Guevara, in testa dal primo al penultimo giro. Foggia, mandato largo da Munoz, cade e saluta il sogno iridato
Benvenuto nello Speciale MOTOGP OLANDA 2022, composto da 13 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario MOTOGP OLANDA 2022 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

UN SUCCESSO PER MAX Succede di tutto in un emozionante Gran Premio dei Paesi Bassi della classe Moto3 nel quale, alla fine, spunta il più prudente e intelligente di tutti: il poleman Ayumu Sasaki, bravo a beffare Izan Guevara, che è stato in testa per pressoché tutta la gara. Una vittoria meritata, la prima per il pilota del team Sterilgarda di Max Biaggi, che porta al successo la marca svedese Husqvarna nel giorno del compleanno del suo team principal scrivendo una bellissima storia. Nel finale ci prova anche Tatsuki Suzuki, ma non riesce a passare Guevara e, anzi, subisce al photofinish il sorpasso di un sornione Sergio Garcia, nascosto per tutta la gara ma ancora leader iridato. Dopo la gara, Izan Guevara viene indagato dai commissari per aver passato Sasaki pizzicando il verde ma viene assolto, e dunque bisogna parlare anche di Dennis Foggia, che dopo un long lap penalty, era risalito per giocarsi la vittoria con il gruppo che conta, ma è stato mandato largo dall'esuberante David Munoz (che nel finale stende anche Jaume Masia) cadendo nel tentativo di rientrare dall'esterno del cordolo. Sogni iridati finiti per il romano, che era stato l'unico competitivo tra gli italiani. Il migliore in classifica alla fine è Stefano Nepa, settimo, con Riccardo Rossi 11° e Andrea Migno 15°.

LA GARA Allo spegnimento dei semafori scatta benissimo Tatsuki Suzuki che si mette a trainare il gruppo con il poleman Sasaki subito a mettergli pressione e Foggia alle loro spalle in compagni di Munoz e Guevara. Questi cinque piloti si danno battaglia nei primi giri mescolando le loro posizioni. In testa ci vanno prima Sasaki e poi Guevara. Al gruppo dei migliori si uniscono anche Fernandez, Masia e il leader iridato Garcia, scattato 18°. Nella bagarre spuntano una serie di long lap penalty tra cui quello per Dennis Foggia, che viene ricacciato a fondo gruppo dalla quinta piazza alla 14° piazza, proprio mentre i cinque davanti se ne vanno: Guevara, Suzuki, Sasaki, Masia e Munoz. Dura però pochi giri la fuga dei cinque perché John McPhee rimonta a ritmi clamorosi e in 1:41.190 stabilisce anche il record della pista assoluto (meglio del tempo di Sasaki per ottenere la pole), e riporta sotto diversi piloti tra cui Foggia, che ne sorpasso 2-3 al giro e torna subito a ridosso dei primi. Si forma un gruppone di nove piloti quando mancano 8 giri al termine, oltre ai cinque andati in fuga prima ci sono anche Foggia, Garcia, Artigas e McPhee. L'unica costante è il capofila, sempre Izan Guevara, che però ha una gomma soft al posteriore e potrebbe pagarlo nei giri finali. A 5 giri dal termine Foggia è quarto del gruppetto dietro allo spagnolo e ai due giapponesi Suzuki e Sasaki, ma proprio mentre sembra poter attaccare i primi tre, Foggia viene superato da Munoz che lo spinge sul verde con l'italiano che, per rientrare, passa sul cordolo e si stende, finendo nella ghiaia. Gara finita, così come i sogni iridati di Dennis quando cominciano gli ultimi giri senza italiani davanti. Chi sembra indiavolato è Masia che passa in poche curve McPhee, Munoz, Suzuki e Sasaki, mettendosi in caccia di Izan Guevara. Sasaki, non ci sta, lo sorpassa e poi va lui a prendere Guevara, mettendosi in prima posizione quando mancano 3 giri al termine. Ma è il festival del sorpasso, con Guevara che torna davanti quando sono 2 i giri al traguardo. Ma ormai la gomma è finita: Sasaki, Suzuki Masia e Munoz passano Guevara che scivola in quinta posizione, preda di Sergio Garcia, leader iridato. Ma non è finita qui: nella bagarre Munoz stende Masia, così come (da solo) cade anche McPhee, mentre davanti si mette Sasaki che approfitta della bagarre per involarsi verso il primo successo in carriera. Guevara non molla e si riporta su Suzuki lo passa sfiorando il verde, e permettendo anche a Garcia di attaccarlo e passarlo proprio sulla riga del traguardo: vince Ayumu Sasaki, davanti a Izan Guevara e Sergio Garcia. Beffato ''Tatsu'' Suzuki, quarto per un nulla sul traguardo in una domenica da dimenticare per il team Leopard. Gli italiani: settimo un buon Nepa, 11° Rossi e 15° Migno, che ha scontato due long lap penalty per track limits.

VEDI ANCHE



Ordine d'arrivo GP Olanda 2022 - Classe Moto3

Classifica Mondiale Moto3 dopo il GP Olanda 2022

Pos. Pilota Moto Nazione Punti
1 Sergio GARCIA GasGas SPA 182
2 Izan GUEVARA GasGas SPA 179
3 Dennis FOGGIA Honda ITA 115
4 Ayumu SASAKI Husqvarna JPN 113
5 Jaume MASIA KTM SPA 107
6 Deniz ÖNCÜ KTM TUR 98
7 Tatsuki SUZUKI Honda JPN 94
8 Andrea MIGNO Honda ITA 77
9 Carlos TATAY CF Moto SPA 64
10 Xavier ARTIGAS CF Moto SPA 57
11 Riccardo ROSSI Honda ITA 52
12 Ryusei YAMANAKA KTM JPN 51
13 Daniel HOLGADO KTM SPA 48
14 Kaito TOBA KTM JPN 44
15 Diogo MOREIRA Honda BRA 34
16 Ivan ORTOLA KTM SPA 33
17 David MUNOZ KTM SPA 32
18 Adrian FERNANDEZ KTM SPA 28
19 John MCPHEE Husqvarna GBR 24
20 Elia BARTOLINI KTM ITA 23
21 Joel KELSO KTM AUS 22
22 Stefano NEPA KTM ITA 18
23 Matteo BERTELLE KTM ITA 16
24 Scott OGDEN Honda GBR 16
25 Lorenzo FELLON Honda FRA 8
26 Mario AJI Honda INA 5
27 Taiyo FURUSATO Honda JPN 0
28 Ana CARRASCO KTM SPA 0
29 David SALVADOR Husqvarna SPA 0
30 Syarifuddin AZMAN Honda MAS 0
31 Gerard RIU MALE KTM SPA 0
32 Joshua WHATLEY Honda GBR 0
33 Alberto SURRA Honda ITA 0
34 Jose Antonio RUEDA Honda SPA 0
35 David ALONSO GasGas SPA 0
36 Luca LUNETTA KTM ITA 0

Pubblicato da Simone Valtieri, 26/06/2022
Tags
MotoGP Olanda 2022
Logo MotorBox