Autore:
Giulio Scrinzi

PIOGGIA DELL'ULTIMO MINUTO Le aspettative dei piloti della MotoGP per una gara asciutta sono andate in frantumi ancora prima della partenza: un acquazzone improvviso, infatti, ha mantenuto alta la fama del circuito di Sepang di essere condizionato da un meteo veramente imprevedibile, che ha mischiato ancora una volta tutte le carte in gioco.

ZARCO TENTA LA FUGA Con tutte le moto dotate di gomme da bagnato, allo spegnimento dei semafori rossi tenta di imporsi subito il Rookie of The Year, un Johann Zarco che si è fatto portabandiera della Casa di Iwata provando una fuga disperata nei confronti dei suoi rivali. Dietro di sé, invece, la lotta si è circoscritta essenzialmente al duo delle Ducati e delle Honda del team Repsol, che in pochi giri hanno mostrato tutte le loro difficoltà su pista bagnata.

DUCATI ALLA RISCOSSA A questo punto le vere protagoniste di questo GP di Malesia sono state le due Rosse di Borgo Panigale, capaci di recuperare terreno sul francese del team Tech 3 e imponendo successivamente un ritmo inarrivabile per chiunque. Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso, infatti, hanno scavato il vuoto dietro di sé, preannunciando una doppietta davvero memorabile per il reparto corse bolognese.

DOVI CENTRA L'IMPRESA Con un Mondiale ancora tutto aperto per via di un Marquez naufragato in quarta posizione e incapace di tenere testa a Zarco, in testa alla corsa Andrea Dovizioso ha iniziato a forzare il ritmo per andare a prendersi un'importante vittoria utile a ridurre il gap in Classifica Piloti... quando a pochi giri dalla fine l'occasione per centrare la sua impresa gli è stata proposta direttamente sul piatto d'argento dal compagno di squadra. Jorge Lorenzo, infatti, ha rischiato grosso all'ultimo tornantino, aprendo la strada al DesmoDovi che, nelle ultime battute, è stato capace di tenere il “Porfuera” a distanza di sicurezza, quanto è bastato per prendersi il suo sesto successo stagionale.

A VALENCIA LA RESA DEI CONTI Nel giorno in cui tutti si aspettavano il sesto trionfo iridato di Marquez, Andrea Dovizioso ha quindi ribaltato la situazione tenendo aperta, per l'ennesima volta, la corsa al Titolo Mondiale. Con questa vittoria malese ora il forlivese ha solo 21 punti da recuperare sul suo diretto avversario, il che significa che tutto si deciderà nel prossimo, e ultimo, appuntamento sul circuito di Valencia. Non prendete impegni per il weekend del 10-12 novembre: ci sarà da divertirsi!

ORDINE DI ARRIVO 1) Andrea DOVIZIOSO, Ducati; 2) Jorge LORENZO, Ducati; 3) Johann ZARCO, Yamaha; 4) Marc MARQUEZ, Honda; 5) Daniel PEDROSA, Honda; 6) Danilo PETRUCCI, Ducati; 7) Valentino ROSSI, Yamaha; 8) Jack MILLER, Honda; 9) Maverick VINALES, Yamaha; 10) Pol ESPARGARÒ, KTM; 11) Alvaro BAUTISTA, Ducati; 12) Bradley SMITH, KTM; 13) Scott REDDING, Ducati; 14) Hector BARBERA, Ducati; 15) Cal CRUTCHLOW, Honda; 16) Michael VAN DER MARK, Yamaha; 17) Andrea IANNONE, Suzuki; 18) Tito RABAT, Honda.

CLASSIFICA DI CAMPIONATO 1) Marc MARQUEZ, 282 punti; 2) Andrea DOVIZIOSO, 261 punti; 3) Maverick VINALES, 226 punti; 4) Valentino ROSSI, 197 punti; 5) Daniel PEDROSA, 185 punti; 6) Johann ZARCO, 154 punti; 7) Jorge LORENZO, 137 punti; 8) Danilo PETRUCCI, 121 punti; 9) Cal CRUTCHLOW, 104 punti; 10) Jonas FOLGER, 84 punti.


TAGS: motogp jorge lorenzo andrea dovizioso marc marquez daniel pedrosa motogp 2017 johann zarco team honda repsol 2017 team ducati motogp 2017 motogp sepang 2017 motogp malesia 2017